l’OSSERVATORIO FUNZIONA, E LA BASENTANA VA A RILENTO

0

Una riunione concreta ed efficace. La Regione con l’Istituzione dell’Osservatorio regionale Opere pubbliche, ha veramente socializzato le problematiche relative alla programmazione delle infrastrutture, facendone una sede di confronto aperto e costruttivo. La soddisfazione espressa dalla Confapi all’Assessore Benedetto per questa svolta di democrazia e partecipazione è segno che qualcosa sta cambiando nelle relazioni e che finalmente , se non proprio una casa di vetro, la Regione si sta aprendo ai protagonisti dell’economia. Si è andati nel concreto, e la prima proposta della categoria imprenditoriale è di fare della SUA la stazione unica appaltante, il motore di tute le gare per garantire i principi di concorrenza, trasparenza e rotazione nelle procedure con l’istituzione di un elenco ufficiale delle imprese qualificate.” Anche questo un bel riconoscimento.

L’Assessore Benedetto ha fatto il punto sull’iter di approvazione dei “progetti Rendis”, indicandone puntualmente le priorità ed i parametri utilizzati per la redazione degli stessi. Benedetto ha riferito che con delibera di Giunta è stato approvato lo schema di contratto con la Bei per l’apertura di un credito massimo di 120 milioni di euro per il finanziamento della quota pubblica nazionale a carico del bilancio regionale del Po Fesr Basilicata 2014/2020. Dagli stanziamenti dei capitoli di bilancio pluriennale, relativamente all’utilizzo di tale mutuo, si evince di poter disporre nel corso del prossimo triennio di 93,147 milioni di euro. Benedetto ha quindi chiesto al Presidente Di Giuseppe di sottoporre al Dipartimento Infrastrutture una bozza di Regolamento degli Appalti che sarà esaminata per le integrazioni e la rispondenza alla legislazione vigente in materia.
La discussione è proseguita con la valutazione dello stato dell’arte delle infrastrutture stradali regionali (Potenza-Melfi, Potenza-Sicignano) con particolare riferimento ai disagi provocati dalla perdurante chiusura ai mezzi pesanti del viadotto Marmo. Il Presidente Di Giuseppe ha segnalato che in data odierna il viadotto è stato completamente chiuso al traffico per valutazioni tecniche senza una prevista tempista mattei 4 mesipistica di riapertura. L’Assessore Benedetto ha assunto l’impegno di verificare tempestivamente le cause che hanno determinato questo provvedimento contattando il Compartimento ANAS competente per il sollecito ripristino delle minime condizioni di transitabilità.

Nell’ambito dello stanziamento per la Regione Basilicata, di cui al Collegato Ambiente 2017, di 6,3 milioni di euro per la progettazione legata al rischio e dissesto idrogeologico, il Presidente Di Giuseppe ha quindi chiesto all’Assessore la possibilità di utilizzare la prevista quota del 20% destinandola a progetti di recupero e risanamento ambientale delle cave dismesse e/o abbandonate, prevedendo anche la eventuale redazione di un relativo Piano Cave.
L’Assessore Benedetto ha assicurato al Presidente della Confapi, ing.Volta, che le proposte discusse in occasione dell’ incontro saranno oggetto di puntuale valutazione con gli organi tecnico-istituzionali preposti per la condivisione al Tavolo dell’Osservatorio Regionale Opere Pubbliche. Particolare attenzione sarà posta riguardo al piano cave: “è un tema, questo, al quale tengo molto. Siamo tutti consapevoli di come l’attività estrattiva causi inevitabilmente e suo malgrado un cambiamento dello stato dei luoghi, generando impatti sull’ambiente, sugli ecosistemi locali e sul paesaggio. Obiettivo prioritario sarà mettere in campo tutte le azioni che possano non solo mitigare gli impatti, ma rendere possibile un recupero ambientale tale da creare nuovo valore naturalistico, apportare benefici alla biodiversità e agli ecosistemi, offrire nuovi spazi fruibili alla collettività. Il nostro impegno sarà volto a dimostrare come la conciliazione tra le esigenze industriali e la tutela del territorio sia davvero possibile”.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi