PAURA NELLE CONTRADE, LA GENTE INVOCA IL PREFETTO

0

E’ accaduto a Stagliuozzo, frazione di Avigliano. Una donna  anziana sente bussare alla porta, sta aspettando un vicino di casa che deve portarle della legna. Invece entrano due donne, l’una delle quali abbraccia l’anziana signora e la chiama per nome “ Zi’ Carmela, come state, vi trovo bene , è da parecchio che non ci vediamo. Lei, la nonnina non la riconosce , però è educata e gentile, e le fa accomodare, chiedendo se poteva offrire loro qualcosa e cercando di fare mente locale sull’identità della sua ospite. Rifiutano e una delle due le dice che in verità vorrebbe fruire del bagno. Stranamente sa dov’è, ma anziché andare in bagno va in camera da letto e fruga nel comò: ritorna in cucina e le due salutano e se ne vanno, con la vecchina un po’ confusa che rimane interdetta. Racconta al figlio la cosa e questi, insospettito, vede se manca qualche oggetto d’oro che pure era in qualche cassetto.. Non si accorge di niente e la cosa va avanti fino a fine mese quando deve andare alla posta per prelevare parte della pensione. Il postamat non c’è, ed allora capisce  che cosa è successo: sul conto corrente c’erano 2500 euro. Spariti i soldi, svanite le due donne. E’ solo uno dei tanti racconti che si sentono in giro per le contrade dell’hinterland potentino, oggetto da alcuni mesi di una vera e propria offensiva della criminalità. L’ampiezza del raggio d’azione, le modalità di esecuzione dei raggiri e soprattutto la tecnica di intrufolarsi nelle case, siano uomini o donne, mette in evidenza il vero punto debole di questa situazione, e cioè che si tratta di case, quasi sempre isolate, dove ci sono la mattina quasi solo persone anziane, e dove si coglie ogni occasione per intrufolarsi. Basta osservare per un paio di giorni l’andirivieni di una abitazione e si capisce come e quando è opportuno agire.  Riteniamo che proprio l’estensione del territorio interessato non possa far ricadere la soluzione solo sulle forze dell’ordine, ma che bisogna mettere in piedi un piano che prenda in considerazione strumenti di videosorveglianza  non solo nelle singole abitazioni, ma soprattutto nelle strade e nei luoghi , operazione che richiede ovviamente la costituzione di comitati di quartiere e la possibilità. come per i condomini, di accedere alle detrazioni fiscali e magari anche a qualche contributo aggiuntivo da determinarsi con legge regionale. Su questa strada i Sindaci prendano le iniziative, chiedendo al prefetto di trovare un punto di coordinamento per il contrasto di questo fenomeno, attraverso un piano dove i cittadini, i Sindaci e le forze di sicurezza possano ripartirsi i compiti e agevolare le operazioni di contrasto. Si dia una risposta ferma, perché ogni giorno che passa sale il tasso di violenza ( ultimo un coltello fatto ritrovare tra le fessure di un cancello come chiaro atto di intimidazione,e, con essa, sale la tensione delle famiglie. ( foto d’archivio)

Share.

Sull'Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento