PICERNO CERCA IL RISCATTO CONTRO LA TURRIS

0

 

ROCCO SABATELLA

          Non è andato giù al Picerno aver perso due punti domenica scorsa contro il Giugliano. E’ vero che la prestazione non è stata da ricordare, ma è altrettanto vero che con un pizzico di attenzione in più, i tre punti si potevano tranquillamente portare a casa dopo il gol segnato dal giovane prodotto del settore giovanile Santarcangelo. Quella di oggi a Torre del Greco non sarà sicuramente una partita agevole perché la Turris ha disperato bisogno di tre punti per cominciare a tirarsi fuori dalle zone pericolose della classifica. E ovviamente vuole sfruttare il fattore campo per dare un senso positivo ad una stagione che era stata immaginata dai dirigenti ambiziosa e che invece ha riservato solo amarezza e anche il record dei cambi in panchina che sono stati, fino a questo momento, ben quattro. Ha cominciato prima Canzi sollevato dall’incarico prima dell’avvio del campionato, poi Padalino sostituito da Di Michele e ora è arrivato Fontana cui è stato affidato il compito molto gravoso di risollevare la Turris. Si spiegano bene le brutte prestazioni della squadra disorientata, è dire poco, dall’aver avuto a che fare con quattro allenatori diversi tra loro. Siccome la Turris non è ancora guarita del tutto, il Picerno ha l’obbligo di provare a sfruttare le eventuali deficienze degli avversari che non saranno in campo nelle migliori condizioni psicologiche avendo sulle spalle la pressione molto forte di dover vincere ad ogni costo. E per fare questo ci vorrà un Picerno migliore di quello visto domenica scora. Ne è convinto Longo: ” Continuiamo a pensare partita dopo partita e a dare il massimo per arrivare al risultato positivo. La Turris ha cambiato molto rispetto all’inizio e con Fontana ha trovato una certa identità ma la classifica della Turris è molto bugiarda. Dobbiamo stare in campo avendo capacità di sacrificio e cercando di far emergere i difetti degli avversari. Dobbiamo mettere in campo grande umiltà cercando di fare gioco ma essendo pronti anche a saper soffrire se l’avversario ci costringerà nella nostra metà campo. Dopo la gara con il Giugliano, come facciamo sempre, ci siamo confrontati con la squadra. Ma voglio dire che il punto conquistato è stato prezioso. La mia critica costruttiva alla squadra è il limite che abbiamo negli ultimi trenta metri. Sta a me migliorare questa fase per mettere a frutto le nostre giocate ed essere più efficaci nelle finalizzazioni. Non credo che ci sia stata presunzione da parte dei ragazzi ma bisogna tener conto che in campo ci sono anche gli avversari con cui fare i conti”. Dal mercato ci sono alcune novità degli ultimi giorni. Dopo l’arrivo di Emmausso e Ceccarelli, il Picerno ha ceduto De Franco e Finizio alla Fidelis Andria e ha restituito il giovane portiere Crespi al Crotone che lo ha ceduto alla Juventus Next Generation.  Per sostituire Crespi è arrivato il classe 2000 Matteo Rossi dal San Donato Tavernelle che oggi sarà già disponibile in panchina. Dovrebbero essere recuperati Reginaldo e capitan Esposito mentre sarà fuori per squalifica De Cristofaro e rientra Diop. Di conseguenza dovrebbero giocare Albertazzi in porta, Pagliai, Garcia, Ferrani e Guerra in difesa, Dettori e De Ciancio in mezzo al campo, Novella, D’Angelo ed Esposito a supporto di Diop. Nella Turris fuori per squalifica i due difensori Boccia e Frascatore sostituiti da Zampa e Miceli, Fontana fa affidamento sul tridente offensivo composto da Vitiello, Longo ed Ercolani per tornare al successo. Si gioca alle 14,30 con direzione di gara affidata a Bordin di Bassano del Grappa. Infine da dire che Jacopo Murano ha smentito categoricamente la notizia circolata ieri del suo arrivo in prestito al Picerno e ha aggiunto che la settimana prossima deciderà la sua destinazione. Per la trasferta dell’Avellino a Messina non è stato convocato.

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella...

Rispondi