PICERNO IN SALUTE SFIDA IL PALERMO

0

ROCCO SABATELLA

La vittoria nel recupero con il Campobasso e anche il modo con il quale è arrivata hanno fatto schizzare il morale alle stelle alla squadra di Colucci che oggi può presentarsi al cospetto del favorito Palermo con tante frecce nel suo arco. Sia sotto l’aspetto psicologico che della consapevolezza di essere in grado di tenere testa efficacemente al prevedibile assalto all’arma bianca che Brunori e compagni faranno nei confronti dei lucani.Un Palermo in grande salute, reduce dallo squillante 5 a 2 ottenuto nel recupero contro il Taranto e intenzionato a fare un solo boccone della squadra di Colucci. Che non si sente per niente vittima predestinata dei rosanero che devono ricordare, giusto per capire con chi hanno a che fare, che all’andata conobbero una cocente sconfitta sul campo del Picerno.Il pronostico è tutto dalla parte della squadra allenata da Silvio Baldini che vuole continuare la sua rincorsa allo scopo di migliorare il quinto posto. I rosanero che sono gli unici del girone C a non aver mai perso in casa, si stanno dimostrando un rullo compressore al Barbera mentre lascia alquanto a desiderare il cammino lontano dal suo stadio. Dove il rendimento è altalenate visto che hanno ottenuto solo tre successi e ben sette sconfitte rispetto alle 12 vittorie ottenute nel proprio stadio.Squadra dai valori tecnici altissimi che sono veramente difficili da contrastare effcacemente per qualsiasi avversario. Per questo ci vorrà un Picerno determinato, molto attento e che sappia ridurre all’impotenza le bocche di fuoco dei rosanero. A cominciare dal brasiliano Brunori, in presrtito dalla Juventus, che con le due reti segnate al Taranto ha raggiunto al comando della classifica dei bomber Moro del Catania a quota 21 marcature. Per il Picerno, che non ha niente da perdere da questa sfida, gli stimoli arrivano automaticamente dal nome, dal blasone e dal valore degli avversari. Per cui il lavoro di Colucci viene semplificato e deve essere indirizzato solo agli aspetti tecnici e tattici per trovare le giuste contromisure alle iniziative dei siciliani. Senza, però, rinunciare ad essere propositivo. Sarà importante anche approcciare bene la partita perché il Palermo è solito partire molto forte per prendere subito in mano le redini della gara. Il Picerno lo ha saputo fare bene nel match di andata per poi colpire il Palermo al momento giusto. Dal punto di vista atletico non dovrebbero esserci differenze tra i due team che sono entrambi scesi in campo mercoledi scorso. Come il fatto di scendere in campo in uno stadio cosi prestigioso non condizionerà i giovani del Picerno che ormai hanno acquisito una certa esperienza e si stanno disimpengnando più che bene pur al cospetto di tanti avversaridi rango, Come sono quelli del Palermo. Colucci ripartirà, per decidere la formazione, dagli uomini che hanno ribaltato il Campobasso nel secondo tempo. Ossia dalla conferma di Esposito e Pitarresi. Assente Dettori per squalifica, non è escluso che il Picerno si possa disporre con la difesa a tre, come è accaduto a Francavilla. Ossia con De Franco, Allegretto e Garcia davanti a Viscovo, De Cristofaro e Setola sulle corsie esterne, Viviani, Pitarresi e De Ciancio in mezzo al campo e Esposito, Gerardi, Parigi e Reginaldo che si contendono due maglie per l’attacco. Il Palermo dovrebbe confermare la stesa squadra che ha travolto il Taranto. Fuori Dall’Oglio squalificato. S’inizia a giocare alle ore 14,30 con Di Cairano di Ariano Irpino direttore di gara.

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Rispondi