POTENZA: ARRIVATI I RINFORZI

0

 

Una giornata proficua per il Potenza  sul fronte acquisti e cessioni.
Manca solo l’ufficialità del portiere Adamonis in attesa dei documenti della società di provenienza, mentre Cianci si è già aggregato al gruppo.
L’attaccante Pietro Cianci del 96 e alto 1,96 metri, un calciatore che ha sempre giocato in serie C, ultimamente ha vestito la maglia del Ruber Siena, Teramo e Carpi.
In porta dovrebbe indossare la maglia che è stata di Ioime Marius Adamonis del 97 e alto 1,91. Il pipelet lituano, assistito dall’avvocato Claudio Parlato, è un calciatore di proprietà della Lazio con cui il ragazzo ha un contratto in essere fino al 2022.
Negli anni precedenti ha vestito la maglia della Salernitana, Casertana e Leonzio.
Sul piede di partenza c’è sempre Silvestri: c’e’ l’Avellino che l’aspetta, ma Caiata si sta guardando intorno perché sul forte difensore hanno posto gli occhi altri club.
Niente contratto tecnico per il difensore Di Modugno classe 2001 che è stato ceduto alla Virtus Francavilla.
La società ha riaperto la campagna abbonamenti,  ma  gli spalti saranni chiusi al pubblico domenica contro il Catanzaro per decisione delle autorità competenti.
L’associazione calciatori aveva indetto uno sciopero per domenica prossima perché ha contestato alla lega la norma varata nel mese di luglio che riduce la rosa degli over da 26 a  22 calciatori.
Un provvedimento resosi necessario per andare incontro ai club di serie C che hanno visto azzerare totalmente gli incassi dal mese di febbraio nella mattinata di ieri ci sono stati dei contatti con Gravina, presidente della Fgic, che ha scongiurato l’agitazione sindacale rinviando l’approfondimento della discussione alla settimana prossima.

Sembra che sarà rivista la norma che stabilisce il numero massimo degli over della rosa ed alzarlo da 22 a 24 calciatori.

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Fuori dal mondo produttivo, mi sento un cittadino libero e curioso, che osserva con attenzione la realtà che mi circonda. Attento al comportamento della politica e delle istituzioni e alle decisioni che esse assumono e che incidono sul nostro destino , sensibile ai fenomeni e ai cambiamenti che attengono la nostra società: comprese le virtù e le miserie che essa esprime; sempre raffrontando il presente col passato per schiarire meglio la visione del futuro.

Rispondi