POTENZA, PRESENTATA ISCRIZIONE AL CAMPIONATO

0

rocco sabatella

Dopo gli annunci del direttore sportivo Varrà e dell’allenatore Siviglia, il presidente Macchia e i suoi collaboratori sono impegnati nel lavoro finalizzato al completamento dell’organigramma societario. Presentata la domanda di iscrizione nella giornata di martedi scorso e in attesa del pronunciamento della Covisoc che dovrà prima esaminare tutte le documentazioni che sono arrivate e poi dare il placet per la partecipazione al campionato, è stato annunciata la copertura di una casella molto importante e vitale per una compagine calcistica: la figura del segretario generale. E’ stato scelto Vincenzo D’Ambrosio, salernitano con alle spalle una carriera molto importante. E’ stato nella Salernitana dal 2008 al 2010, poi un paio di anni al Casale in serie C e da qui il salto prestigioso nel Torino dove ha ricoperto il ruolo di segretario del settore giovanile dal 2013 al 2021. Con la parentesi della stagione 2019/2020 quando assume la prestigiosa carica  di segretario generale del club granata in serie A. Considerato il suo curriculum, si può dire che è stato scelto l’uomo giusto al posto giusto. Intanto proseguono anche gli incontri con le società della massima serie per cercare di stabilire rapporti di collaborazione. Il vice presidente Chiorazzo  aveva incontrato il direttore generale dell’Inter Marotta e ieri è toccato al presidente Macchia fare la conoscenza del presidente del Milan Scaroni che con la nuova proprietà americana del club non si sa se conserverà il posto. Primo contatto di Macchia anche con i vertici della Lega Pro, in testa il presidente Ghirtelli, in occasione della presentazione della domanda di iscrizione. Adesso i tifosi e gli sportivi vogliono cominciare  a sentire le prime indiscrezioni su come verrà composta la rosa della squadra che sarà allenata da Siviglia. Che insieme al direttore sportivo Varrà starà facendo già le prime valutazioni su quali elementi puntare per attuare il  suo 4/3/3. E qualche nome ha fatto capolino nelle ultime ore. Quello dell’attaccante Leonardo Candellone, l’ultima stagione divisosi tra Sudtirol e Pordenone e l’anno prima al Bari, alla ricerca di riscatto dopo un paio di stagioni non proprio esaltanti in termini di gol segnati.  Realistica appare la pista che porta alla punta Giuseppe Di Serio  che potrebbe arrivare in prestito dal Benevento. Di Serio ha giocato la scorsa stagione al Pordenone proprio insieme a Candellone.  E quello con il Benevento del presidente Vigorito può essere sicuramente un canale privilegiato per la sua amicizia con il patron del Potenza Macchia. Nonostante il direttore sportivo Varrà abbia sentito la necessità di precisare che il Potenza non è una succursale della società campana ma agirà sul mercato in piena autonomia. E dovrà essere lui a dimostrare le sue capacità di non privilegiare il suo rapporto fraterno con il direttore sportivo del Benevento Foggia, del quale è stato fino a qualche giorno fa collaboratore,  ma di volgere lo sguardo e le sue attenzioni ad altre società. Come siamo sicuri farà. Lo stesso Varrà ha poi confermato che la preparazione iniziale precampionato si svolgerà sul campo sintetico ubicato a Rifreddo dietro al Tourist Hotel, mentre la squadra alloggerà al Giubileo Hotel dove il Potenza ritorna a distanza di quattro anni. Vi era stato già in ritiro al primo anno in serie C nella gestione Caiata con Ragno allenatore.  Una decisione un po’ sorprendente considerato che le condizioni del terreno di gioco non sono per niente buone e non in grado di poter ospitare una preparazione di una squadra professionistica. Anche se sarà di un periodo breve atteso che l’intenzione del Potenza è di ritornare al Viviani a fare allenamenti ai primi di agosto, quando saranno finiti i lavori che renderanno più fruibile lo stadio. Non sappiamo se il nuovo allenatore Siviglia abbia fatto un blitz a Potenza per andare a rendersi conto di persona del campo dove dovrà svolgere la prima parte della preparazione. Come fanno un po’ tutti gli allenatori. Se cosi non fosse, significherebbe che si è fidato ciecamente delle rassicurazioni avute dal direttore sportivo Varrà che è stato a Potenza per qualche giorno e che è andato sicuramente a vedere le condizioni del campo del Tourist Hotel. Lo stesso Siviglia ha già cominciato con il direttore sportivo a fare le valutazioni sui giocatori, dodici, che sono ancora sotto contratto e sembra abbia espresso il giudizio positivo sulla permanenza in rossoblù del difensore Cargnelutti, reduce da una stagione molto esaltante che ne ha confermato le indubbie qualità tecniche e fisiche. Le incombenze più pressanti della società saranno adesso quelle di completare l’organigramma dirigenziale e di scegliere lo staff tecnico che lavorerà con Siviglia. All’inizio di luglio ci dovrebbe essere la fumata bianca.

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella...

Rispondi