POTENZA, SI SALVA SOLO L’AMBIENTE

0

L’impiego delle maestranze del Consorzio di Bonifica nella cura del verde del Capolugo regionale consente in parte di sopperire alla drammatica carenza di personale diretto dell’Acta, riducendo il ricorso a ditte del settore. E’ un fatto indubbiamente positivo , i cui risultati incominciano a vedersi anche quest’anno,  seppure in ritardo rispetto agli anni scorsi. Gli indirizzi dati dall’Assessore Galella hanno riguardato innanzitutto la cura delle alberature che fiancheggiano le strade principali, e l’eliminazione dei conseguenti pericoli, la cura dei marciapiedi,  e la manutenzione di alcune zone verdi. Lavori che non si apprezzano per via dello stato in cui sono ridotte le strade, tutte rotte e tutte male rattoppate da quel cemento colorato che lascia il segno alle gomme delle auto e agli occhi di chi circola. Se quelle ditte avevano l’obbligo di ripristinare lo status quo ante, quest’obbligo lo hanno disatteso alla grande, se non l’avevano è responsabilità degli uffici tecnici di non aver dato le direttive opportune : non è col cemento che si ripristina una strada ma con l’asfalto, almeno per metà corsia. Questo per dire che ci sono a Potenza cose che hanno preso a funzionare e settori che continuano a manifestare carenze e trascuratezze. Positivo è finalmente l’apertura dell’isola ecologica ,nei pressi della stazione di Gallitello, che dovrebbe sopperire quanto meno al bisogno di conferimento dei rifiuti ingombranti. Ci dovrebbe anche essere un elenco delle ditte autorizzate a raccogliere sui richiesta dei cittadini quel tipo di materiale, con prezzi prefissati per il servizio. Questo per evitare un conferimento privato che nella pratica si è manifestato in maniera caotico e disordinato, al punto che i rifiuti venivano lasciati davanti all’ex centro di raccolta. E’ anche chiaro che un solo centro non basta e che sarebbe opportuno mantenere gli impegni fatti nel passato di realizzarne almeno tre, in varie zone della città. Deficitaria invece la tenuta del verde e degli annessi che fanno capo direttamente ai privati, sia quelli che furbescamente appongono la pubblicità negli spazi concessi, senza minimamente assicurare la cura del verde ( una vergogna) ,sia quelli che avendo l’obbligo di rispettare il decoro urbano si scordano di vedere che certe ringhiere sono arrugginite, che le zone verdi di competenza dei fabbricati sono sporche e che quei tubi innocenti messi sui marciapiedi a difesa dei loro negozi sono uno schiaffo al decoro. Qui il lavoro di una squadra di vigili,  che pure sembrava volesse fare la rivoluzione, non si vede. Riuscirà l’Acta a mandare in giro tre o quattro ispettori con tanto di ordinanza sindacale per il rispetto del decoro urbano? R.R.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi