PROMESSA NON MANTENUTA: IL CENTRO DI DIABETOLOGIA PEDIATRICA

0

 

La Giornata Mondiale del Diabete è stata vissuta a Potenza con un webinair organizzato dall’Associazione di Genitori e di Giovani Diabetici della Basilicata, e che ha visto come interlocutore delle famiglie il dr.. Citro, responsabile dell’UOSD Diabetologia-Endocrinologia dell’ASP. Innanzitutto è stata fatta una panoramica a 360° sulla patologia del Diabete di tipo 1, l’esordio e là sintomatologia, e le differenze con il diabete più comunemente conosciuto. Come ben sappiamo, per il diabete di tipo 1 non è possibile fare prevenzione, e molto spesso accade che non si riesce a fare una diagnosi precoce per la errata o limitata conoscenza della patologia. La conversazione si è poi focalizzata sul momento che stiamo vivendo, la difficoltà di accedere agli studi medici e lo sviluppo della telemedicina. Come ha spiegato il Dr. Citro, “non è possibile parlare di televisita, ma in questo periodo abbiamo sperimentato nuovi metodi. Attraverso applicazioni e piattaforme, possiamo monitorare l’andamento del glucosio grazie ai sensori, valutare da remoto la storia glicemica del paziente che ha richiesto la consulenza”. A causa delle restrizioni, anche la possibilità di fare movimento è stata fortemente limitata, lasciando spazio ad una vita più sedentaria. A questo proposito sono stati dati dei consigli per seguire un corretto stile di vita e una alimentazione sana, sottolineando comunque che un bambino/ragazzo affetto da Diabete Tipo 1 ha le stesse esigenze alimentari di un ragazzo non diabetico, con la differenza che bisogna sostituire la funzione endocrina, attraverso la terapia con insulina.

Questa iniziativa è stata anche l’occasione per far conoscere alle tante persone connesse, l’Associazione, il suo ruolo e tutte le iniziative che sono state messe in campo in questi 3 anni di vita. In particolare, si è discusso della funzione di sensibilizzazione e informazione che AGGD Basilicata si è impegnata a portare nei vari comuni lucani e in molte scuole della regione, dove purtroppo ancora oggi si assiste al fenomeno della discriminazione del ragazzo affetto da Diabete di Tipo 1. “La nostra società purtroppo ha molto da lavorare, si arriva a non curarsi bene perché c’è la necessità sociale di nascondere la problematica. Diciamo sempre che il bambino diabetico, è diverso dagli altri perché migliore: non vuol dire essere accondiscendenti bensì riconosciamo che si tratta di ragazzi che imparano a prendersi cura di se stessi e del proprio corpo, in un’età in cui i loro coetanei pensano a ben altre cose. Questo fenomeno è più accentuato se si va in periferia e nei paesi, molto grave quando accade all’interno della scuola, dove si possono scatenare lo stigma sociale della patologia. Molte volte tutto nasce dalla non conoscenza del problema, un plauso va a quei dirigenti scolastici che organizzano dei momenti di sensibilizzazione sulla patologia, è proprio quando  dai vertici vengono create delle differenze, deve entrare in campo il ruolo delle associazioni”, ha affermato il dr. Citro. AGGD Basilicata, a questo proposito, porta avanti il progetto “A scuola con il Diabete”, incontri di confronto e dialogo con le istituzioni scolastiche, momentaneamente sospesi a causa della pandemia.

Nel corso dell’evento online, sono emerse ancora tante altre difficoltà che i diabetici lucani sono costretti a vivere, tra queste la mancanza di un centro di diabetologia pediatrica e di un registro regionale al quale poter attingere per fare una stima esatta dei diabetici in Basilicata. Quella del registro, era stata una richiesta specifica all’assessore lucano alla Sanità Rocco Luigi Leone, nel corso dell’ultimo incontro pubblico tenuto a Bernalda nel mese di giugno. Una promessa (di istituirlo proprio entro la giornata mondiale del diabete) che non è stata mantenuta, e si aggiunge alle tante denunce dei problemi, che nonostante le premesse, sono rimaste in sospeso.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi