SANITA’. ADESSO ARRIVA IL BELLO!!

0

Doveva uscire il 30 giugno, è uscito con un mese di ritardo, ma del piano sanitario regionale, così come deliberato dalla Giunta regionale se ne parlerà da settembre e tutto lascia capire che sarà un tema direttamente collegato con le elezioni del 2018. Già le prime avvisaglie arrivano e proprio da casa pd, con un Santarsiero che esprime perplessità su una presunta soppressione dei DEA di secondo livello, cosa che per la verità non è scritta da nessuna parte e il Presidente Pittella che chiarisce che è una proposta aperta e che parlare prima del tempo è un errore. I nodi però ci sono e tutti attengono al fatto che se si vuole portare la sanità in periferia, con una riorganizzazione dei distretti sociosanitari da qualche parte bisognerà risparmiare. E non c’è dubbio che si guarda soprattutto all’ulteriore accorpamento delle ASL e degli ospedali. Una sola ASL regionale comprensiva degli ospedali? Non c’è da scommettere una briciola, perché significherebbe  aprire una questione politica dirompente, offrendo il fianco alla polemica e allo sfruttamento elettorale. Una sola  asl  regionale e un solo ente ospedaliero regionale? E’ stato tentato da Pittella ma il campanilismo materano è prevalso, e quando si tocca la sanità, i materani fanno blocco come nessun altro. Due aziende sanitarie provinciali comprensive degli ospedali? I pro e i contro si equivalgono. Da un lato si sposta di fatto l’attenzione sul territorio creando una sinergia tra gli enti ospedalieri e la sanità territoriale. Niente duplicazioni ma un sistema che nella integrazione trova margini di economia. Dall’altro si  depotenzia, almeno nell’immagine,  il ruolo autonomo del maggiore ospedale regionale , che oggi si muove con libertà e capacità di guardarsi intorno. Ma la ASL n.2 , anni fa, aveva il controllo del San Carlo , oltre quello di Villa d’Agri e quelli che hanno vissuto quella stagione possono dire che proprio l’ospedale potentino ne è uscito rafforzato e valorizzato. Si tratta di trovare manager che sappiano fare il proprio lavoro , tenendo insieme realtà diverse ma complementari.  Piuttosto , l’attenzione alla forma finale del sistema sanitario, non deve distogliere l’o sguardo dalla vera priorità. Che è quella dei distretti collegati ad aree omogenee dal punto di vista territoriale, economico, sociale, demografico. Da anni diamo i numeri sui distretti, prima tredici, poi nove, poi sette: facciamo delle aree programma il punto di riferimento di tutto quello che è la pubblica amministrazione ed i servizi che esso eroga: dalla scuola alla formazione, alla sanità, ai servizi veterinari, al trasporto. Una volta decisa la zonizzazione perfetta, si applichi tutto di conseguenza. In questa maniera il discorso si allarga a tutta l’utenza e non solo a quella parte interessata di operatori e politici. r.r.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento