SILENT CITY, MATERA SI RACCONTA CON UN’OPERA LIRICA

0

Il confronto fra due generazioni, un processo creativo e collettivo, una nuova idea di opera lirica: questi i tre assi portanti su cui si basa Silent City, progetto di teatro musicale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 coprodotto da Compagnia Teatrale l’Albero e Fondazione Matera Basilicata 2019, in collaborazione con Open Design School. Lo spettacolo, primo caso in Italia di un’opera lirica creata dagli abitanti di una città, sarà in scena dal 28 novembre al primo dicembre al Teatro Temporaneo, spazio ricavato da un’ex discoteca in uno dei quartieri periferici della città lucana, il San Giacomo.

Protagonista dell’opera la Città dei Sassi e la sua relazione con il silenzio: un tempo abitata e chiassosa, Matera ha avuto imposto il silenzio negli anni Cinquanta del secolo scorso, quando gli abitanti furono trasferiti “forzatamente” nei nuovi quartieri, costruiti con l’intenzione di porre fine allo stato di indigenza nel quale vivevano all’interno dei Sassi.

Cos’è oggi il silenzio per Matera? Questa domanda è stata posta a due gruppi di cittadini che rappresentano la parte silente della comunità, gli anziani, memoria storica, e i bambini, il futuro. Sono state le loro singole risposte a fornire il materiale al team internazionale di artisti professionisti che tuttavia non si è limitato a sintetizzare una storia unitaria, al contrario, dopo la creazione del libretto e della musica, ha ulteriormente sottoposto il lavoro agli stessi membri della comunità per far approvare loro il risultato e per modificarlo laddove l’interpretazione non avesse rispecchiato l’idea che la comunità stessa aveva della propria rappresentazione teatrale e della città di Matera.

Peculiarità di Silent City è quindi la sua profonda innovazione del concetto di opera lirica, da sempre la forma di spettacolo più completa e complessa. In questo esperimento artistico durato due anni, il pubblico – formato da persone che non hanno mai assistito ad un’opera – è coinvolto anche nelle tradizionali fasi di costruzione dell’opera stessa: attraverso un confronto con gli artisti, quello che generalmente è il destinatario finale, in Silent City si trasforma invece in “guida artistica”, per tracciare il sentiero sul quale deve muoversi il percorso creativo.

La drammaturgia di Silent City invece nasce dalle storie raccolte fra i bambini e gli anziani, tradotte in un gioco temporale in cui si raccontano le due generazioni, quella di ieri e quella di oggi. Protagonisti della trama sono tre ragazzi che, in un giorno di scuola, fuggono nella parte più bassa e antica della loro città, la parte più silenziosa, circondata dalle rocce secolari. A causa di un avvenimento imprevisto, incontrano un bambino che non sa parlare e che chiamano il Fanciullo del silenzio. Sarà il Fanciullo a condurli all’interno della memoria della città dimenticata, che conosceranno attraverso un’avventura, accompagnati dal coro, presenza scenica della memoria collettiva.

I temi dell’accessibilità e degli spazi teatrali sono stati al centro dell’ideazione del Teatro Temporaneo ad opera di Open Design School che ha ridisegnato lo spazio annullando il concetto di scenografia classica, che scompare per dare luogo ad una dimensione teatrale inedita che annulla la distanza tra azione e spettatore. Nel fare questo si è posto anche l’accento sul tema dell’accessibilità, dando vita ad un dispositivo aperto ed esperibile da tutti. Accessibili sono anche gli strumenti utilizzati per seguire il testo, pensati con un format molto innovativo: lo spettacolo sarà infatti narrato nella Lingua dei Segni Italiana, audiodescritto e fruibile attraverso l’utilizzo di apposite cuffie. Sarà inoltre disponibile il libretto in braille. Per coloro che ne faranno richiesta inoltre sarà possibile esplorare, attraverso tutti i sensi, lo spettacolo e il dietro le quinte. Questa grande operazione rientra fra gli obiettivi in linea con l’impegno per la promozione dell’accessibilità nella fruizione e nella produzione di prodotti culturali a persone con disabilità, promosso dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 che ha messo in atto una serie di azioni mirate a offrire casi-studio, volti a dimostrare come un’accessibilità reale sia possibile attraverso l’utilizzo di strumenti specifici e best-practices.

Il palcoscenico è quindi la conclusione di un complesso progetto la cui parte artistica è stata pensata da Vania Cauzillo e Alessandra Maltempo: «Abbiamo immaginato Silent City – commentano le ideatrici e direttrici artistiche – come un’opera lirica di comunità originale co-creata da giovani, anziani e bambini della Basilicata, e di Matera in particolare. L’opera come linguaggio è per noi un modo di indagare la contemporaneità nella sua complessità. Matera è tutt’uno con gli uomini e le donne, bambini e bambine che l’hanno fatta, abitata, abbandonata e che oggi la stanno immaginando nel suo futuro, ancora e di nuovo. Desideriamo che il pubblico si affidi allo sguardo delle comunità che l’hanno creata con noi e possa dire: “Sì, questa storia è anche mia”».

Matera, Teatro Temporaneo, Piazza Tre Torri n.1 – giovedì 28 novembre, ore 19.30 (prova generale aperta), venerdì 29 novembre, ore 21.00,  sabato 30 novembre, ore 11.30 e ore 19.30, domenica 1 dicembre, ore 16.30

(la foto di copertina é di Paolo Fedele)

 

Condividi

Sull' Autore

Ida Leone

Esperta di Fondo Sociale Europeo e delle politiche della formazione e del lavoro. Mi interesso anche di fenomeni di innovazione sociale e civic hacking: open data, wikicrazia, economia della condivisione, creazione ed animazione di community di cittadini. Sono membro del gruppo di lavoro che ha portato Matera a Capitale europea della cultura per il 2019. Sono orgogliosamente cittadina di Potenza e della Basilicata, e lavoro e scrivo per migliorare il pezzetto di mondo intorno a me.

Lascia un Commento