SOLO UN PUNTO PER UN PICERNO DELUDENTE 

0

rocco sabatella

 

Il bicchiere è mezzo vuoto o mezzo pieno per il Picerno? Si potrebbe dire, salomonicamente, che possono andare bene tutte e due le versioni. Nel senso che da questa gara la squadra di Giacomarro si aspettava solo i tre punti ma alla fine si è dovuto accontentare solo di un punto. E questo è il bicchiere mezzo vuoto. Il mezzo pieno è dovuto alla considerazione che comunque il punto muove la classifica e questo è il solo fatto positivo. Perché il Picerno non ha fatto una grossa prestazione e non ha ripetuto la gara fatta con il Teramo e la Sicula Leonzio ha meritato il pareggio per la tenacia con la quale lo ha cercato e trovato a 10 minuti dal termine. E poteva anche scapparci una delusione più cocente per i melandrini.  Era uno scontro diretto che il Picerno non poteva permettersi di sbagliare per poter migliorare una classifica che ancora non mette al sicuro Santaniello e compagni. E l’inizio di gara è stato incoraggiante per il Picerno che, alla prima vera occasione al minuto 10, ha trovato il gol, settimo in questo campionato, proprio di Santaniello. Quale migliore premessa per continuare la striscia di successi casalinghi. E  il Picerno, invece di insistere e trovare la rete della sicurezza, ha commesso l’errore di pensare che il gol di Santaniello potesse bastare per arrivare al successo. E ha lasciato l’iniziativa ai siciliani che hanno attaccato senza però creare vere occasioni da rete. Solo uno sterile predominio che denotava solo la necessità da parte della Sicula di tentare qualcosa per cercare di rimettere in equilibrio la partita del Viviani. Prova e riprova e finalmente a 10 minuti dal triplice fischio è arrivato il pareggio, meritato, di De Rossi. I siciliani si sono accontentati per l’obiettivo raggiunto e hanno pensato a non correre rischi inutili. Il Picerno non ha avuto più la forza fisica e mentale per tentare il tutto per tutto nel finale per cui l’1 a 1 non è stato schiodato. Molta delusione nel clan lucano per la mancata vittoria e prospettive certamente non esaltanti per i prossimi tre impegni che vedranno il Picerno affrontare domenica prossima il Potenza, poi impegno interno con il Monopoli chiusura del girone di andata sul campo del Catanzaro. Cui farà seguito il 22 dicembre la gara interna con la Cavese nella prima giornata di ritorno. Partite proibitive per il Picerno che dovrà cercare di cambiare registro per non precipitare in classifica. Anche se la gara con la Sicula, oltre a quella precedente contro il Rende, ha confermato i limiti del Picerno nonostante il gran lavoro che sta facendo Giacomarro. Non possiamo che ribadire che al Picerno mancano esperienza, personalità e qualità.  E, di conseguenza, saranno necessari interventi mirati nel mercato che aprirà i battenti il 2 gennaio prossimo per assicurare gli elementi idonei a risollevare il Picerno e a non fargli correre  rischi inutili per conservare la categoria.

 

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Lascia un Commento