TALENTI LUCANI, ANTONIO CALBI

0

Importante incarico per Antonio Calbi, talento lucano di eccezionale valore, e figura di primo piano della cultura e dello spettacolo. Il Ministro degli esteri lo ha chiamato a dirigere  il prestigioso istituto italiano di cultura a Parigi che ha lo scopo di diffondere e di promuovere la lingua e la cultura italiana.  L’Istituto Italiano di Cultura ha sede in un prestigioso “hôtel particulier” della fine del ‘700, nel cuore del faubourg Saint-Germain. Costruito dall’architetto Legrand, fu dimora di Monsieur de Talleyrand e sede del Ministero degli Affari Esteri francese dal 1794 al 1821

Antonio Calbi è nato a Tricarico (Matera). Si è laureato, con lode, in semiologia dello spettacolo presso l’Università di Bologna e ha conseguito il diploma di Operatore dello Spettacolo e delle Attività Culturali presso la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. La lunga esperienza nel campo della cultura e dello spettacolo gli ha permesso di maturare competenze diversificate: dalla gestione amministrativa a quella del personale, dalla produzione e organizzazione alle strategie di promozione, dalla ricerca di partnership e sponsor al marketing e  alla comunicazione, dalla progettazione culturale e artistica alla conduzione generale di istituzioni e manifestazioni. Il complesso delle esperienze realizzate e delle attività svolte ne fanno un apprezzato manager della cultura, attento tanto alla qualità e all’originalità dei progetti artistici quanto ai bilanci economici e alla gestione complessiva.

 Tra I più importanti traguardi , ricordiamo  la nomina di  Direttore del Teatro di Roma, dove ha ricoperto entrambi I ruoli di direttore generale e artistico. Sotto la sua direzione nel 2014 il Teatro di Roma è stato riconosciuto Teatro Nazionale e ha recuperato slancio e rinnovata vivacità, moltiplicando attività, produttività, spettatori, incassi.   Nel maggio 2015 la Repubblica Francese lo ha nomina Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres. Nel febbraio 2018 è statp

Oltre alla sua attività per le maggiori istituzioni teatrali italiane, si è occupato di pedagogia (ha lavorato presso la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano e ha insegnato in università, accademie, scuole) e di informazione e critica teatrale (ha collaborato con “la Repubblica” e Radio Rai). Ha ricevuto per tre volte il Premio della Critica Teatrale e nel 2010 il Premio Iseo Jazz. Si è occupato, inoltre, di design e architettura (è stato redattore di “Ottagono” e ha collaborato con “Abitare”).
Fra le pubblicazioni curate, Italy for Rwanda 1994-2000 (T90 edizioni, 2004); Architettura & Teatro – Spazio, progetto e arti sceniche (con Daniele Abbado e Silvia Milesi, il Saggiatore, 2007); Milano città e spettacolo – teatro danza musica cinema e dintorni (AIM Sassi, 2011).. Per Feltrinelli ha curato Il teatro scolpito di Arnaldo Pomodoro (in collaborazione con la Fondazione Arnaldo Pomodoro; 2012). Ciongratulazioni sono state espresse dal presidente della Regione  Bardi, il quale si è detto sicuro che Calbi  ricoprirà con dedizione e competenza, l’incarico affidatogli  per rinsaldare i legami culturali fra i due Paesi. 

Condividi

Sull' Autore

Rispondi