L’EPRIX DI ZURIGO LO VINCE DI GRASSI (CON PARECCHIE SORPRESE)

0

Marco Di Geronimo

Se non avessero avuto problemi a inizio stagione, le Audi avrebbero stravinto quest’anno. L’ePrix di Zurigo se l’è dominato Lucas Di Grassi tutto da solo, dopo averlo strappato a Mitch Evans ancor prima del pit-stop. Ma l’ordine d’arrivo è stato falsato da ben 5 Drive-Through che hanno dato ossigeno al campionato di Sam Bird. Che scala 17 punti in una botta sola.

In pole position c’è Mitch Evans, affiancato da André Lotterer e inseguito da Sam Bird in 3^ casella. Il primo ePrix di Zurigo parte con un ottimo spunto di Evans, mentre Lotterer deve arginare Bird e D’Ambrosio, e s’innesca un duello tra Buemi e Di Grassi. Nelson Piquet nel primo giro tampona Daniel Abt: i due perdono pezzi rispettivamente delle ali anteriore e posteriore. Troppo aggressivo l’ingresso del primo Campione del mondo della serie elettrica alla chicane. Rimane un detrito in pista, sul rettilineo dopo curva 9…

Poco dopo Di Grassi e Buemi sorpassano D’Ambrosio e inquadrano Bird. Soltanto 16° Jean-Eric Vergne, capolista e però fuori dai punti. Al giro 6 Abt e Piquet sono costretti a rientrare e sostituire i pezzi danneggiati. Davanti s’innesca un doppio duello con Lotterer (che aggancia Evans) e soprattutto Di Grassi (all’attacco di Bird). La situazione, che sembrava pronta esplodere, pian piano si calma. A un quarto di gara JEV dimostra prudenza: è quello con la batteria più carica. Al 13° giro Di Grassi supera Sam Bird (con l’acqua alla gola causa energia). Subito dopo Di Grassi raggiunge Lotterer ma il pilota WEC chiude tutte le porte.

Al 16° giro Di Grassi con un sorpasso da manuale passa Lotterer, che finisce nel mirino di Sam Bird. Il Campione in carica ha studiato il sorpasso con una finta, spingendo Lotterer a spostarsi all’esterno, e si è infilato all’interno. E nel frattempo Felix Rosenqvist sbatte contro il muro nel tentativo di resistere a Jean-Eric Vergne. Al 18° giro Di Grassi riesce addirittura a sorpassare Evans e si impossessa della leadership. E pure Buemi passa Bird, mentre Vergne prende in pieno un detrito di Rosenqvist per passare D’Ambrosio che rallentava per non colpire il detrito. E a quel punto entra in pista la Full Course Yellow e le macchine decelerano a 60km/h.

evans

Al 19° giro tutti entrano ai box. Una sosta lunga fa perdere due posizioni a Vergne (che era riuscito addirittura a risalire in 7^ posizione). Al giro 21 Luca Filippi va a muro: è un peccato per l’italiano, che precipita in 15^ posizione. In precedenza si è ritirato Edoardo Mortara. Intanto Vergne scala la posizione a Prost e ritorna 8°. Nella seconda fase di gara Di Grassi consolida un buon vantaggio (>2”) su Evans. Ma l’inglese è in difficoltà, e pian piano Lotterer gli erode terreno e gli si appiccica al posteriore, che gli soffia la medaglia d’argento. In difficoltà anche Bird, pressato da Lopez.

Ma a 9 giri dalla fine arriva la doccia fresca per Sam Bird: a Lotterer, Evans e Lopez viene irrogato un drive-through per eccesso di velocità ai box. E ciliegina sulla torta, anche Vergne e Buemi subiscono lo stesso DT. Subito dopo Nicolas Prost va a muro al tornantino dopo aver bloccato le gomme. La gara cambia completamente volto:diventa sicura la vittoria di Di Grassi, seguito da Sam Bird e Jerome D’Ambrosio. Vergne è 12°, fuori punti a 5 giri dalla fine. E così JEV ricomincia i sorpassi e subito si riappropria dell’11^ posizione strappandola a Engel.

Arriva primo al traguardo Lucas Di Grassi (101 punti), seguito da Sam Bird (140 punti) e da Jerome D’Ambrosio (27 punti). Soltanto 10° Jean-Eric Vergne (183 punti). Sono quindi 43 le lunghezze che separano Bird da Vergne, con 58 punti in ballo nelle ultime due prove.

Classifica ePrix Zurigo
Condividi

Sull' Autore

Marco Di Geronimo

Classe 1997, appassionato di motori fin da bambino. Ho frequentato le scuole a Potenza e adesso studio Giurisprudenza all’Università degli Studi di Pisa. Ho militato in Possibile, in SI e in MDP, e sono tesserato a “I Pettirossi”. Mi occupo di politica (e saltuariamente di Formula 1) per Talenti Lucani. Scrivo anche per Fuori Traiettoria (www.fuoritraiettoria.com), sito web di cui curo le rubriche sulla IndyCar e sulla Formula E. In passato ho scritto anche per ItalianWheels.


Lascia un Commento