4 MILIARDI PER INVESTIMENTI IN SANITA’, SOLO 38 MILIONI ALLA BASILICATA

0

Con il via libera di oggi della Conferenza delle Regioni all’intesa per il rifinanziamento dei 4 miliardi del Fondo per l’edilizia sanitaria e il rinnovamento tecnologico previsti dalla legge di bilancio 2019, a cui si aggiungono gli 890 milioni di fondi strutturali, si apre una nuova stagione di concretezza e di efficacia per sostenere il Servizio sanitario nazionale. Da oggi parte il Piano Marshall per l’edilizia sanitaria che ho annunciato appena sono diventata ministro” dichiara la titolare della Salute, Giulia Grillo. Anche per  Donato Toma, presidente della regione Molise e coordinatore oggi delle Regioni l’intesa raggiunta con il Governo è’ un fatto importante che attendevamo da quando, a dicembre dello scorso anno, abbiamo raggiunto con il Governo un accordo proprio per tale scopo”, “E’ il segnale che quando si agisce sulla base della concertazione istituzionale e con il coinvolgimento diretto delle Regioni si possono raggiungere traguardi importanti. Un metodo fruttuoso che il Governo dovrebbe tenere in maggiore considerazione anche in altri settori. In questo caso, poi, questa Intesa ha una valenza particolare perché avvierà, subito dopo l’emanazione della delibera Cipe relativa a tale riparto, una serie di interventi di ristrutturazione edilizia e di ammodernamento tecnologico delle strutture sanitarie che, come sappiamo, in molte situazioni, sono vetuste e obsolete”.

L’Intesa di oggi oltre a ripartire 4 miliardi alle Regioni prevede l’accantonamento di una riserva di ulteriori 695 milioni di cui 60 per la realizzazione di 6 Centri di eccellenza per sviluppare una rete nazionale in grado di effettuare attività di ricerca, produzione e trattamento del paziente affetto da patologie tumorali eleggibili alla terapia genica CAR T-Cell (che saranno assegnati con un successivo provvedimento) e 635 milioni quale riserva per interventi urgenti.
 
PROPOSTA DELIBERAZIONE CIPE PROGRAMMA INVESTIMENTI ART. 20 LEGGE 67/1988
 
RIPARTO RISORSE LEGGE N. 145 DEL 30 DICEMBRE 2018 E RISORSE RESIDUE LEGGE N. 191 DEL 23 DICEMBRE 2009
Regioni Quota d’accesso del FSN 2018 al netto delle P.A Trento e Bolzano Importo

 

Piemonte 7,53% 301.337.883,29
Valle D’Aosta 0,21% 8.592.551,11
Lombardia 16,82% 672.620.506,12
P.A. Bolzano* 0,00 %
P.A. Trento* 0,00%
Veneto 8,25% 330.156.845,63
F. Venezia Giulia** 2,10% 83.973.045,98
Liguria 2,75% 110.097.081,15
E. Romagna 7,56% 302.427.964,22
Toscana 6,42% 256.783.807,67
Umbria 1,52% 60.912.866,50
Marche 2,62% 104.901.558,52
Lazio 9,84% 393.504.872,64
Abruzzo 2,24% 89.553.634,33
Molise 0,53% 21.141.681,58
Campania 9,47% 378.951.360,64
Puglia 6,76% 270.259.132,05
Basilicata 0,96% 38.366.547,61
Calabria 3,26% 130.455.585,90
Sicilia 8,36% 334.231.428,94
Sardegna 2,79% 111.731.646,15
TOTALE 100,00% 4.000.000.000,00
TOTALE QUOTA RISERVATA, DA RIPARTIRE CON SUCCESSIVI PROVVEDIMENTI, PER:

– Realizzazione n. 6 Centri di eccellenza per sviluppare una rete nazionale in grado di effettuare attività di ricerca, produzione e trattamento del paziente affetto da patologie tumorali eleggibili alla terapia genica CAR T – Cell – € 60.000.000,00;

– Riserva per interventi urgenti – € 635.000.000,00. ***

 

695.000.000,00

TOTALE GENERALE   4.695.000.000,00
* le risorse non vengono ripartite in applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 2, comma 109, della legge 23 dicembre 2009, n. 191
** L’importo comprende 80 milioni di euro oggetto di accordo fra il Governo e la Regione sottoscritto a febbraio 2019
***Importo comprensivo dell’autorizzazione di spesa di 82,164 mln di euro prevista dal decreto-legge recante misure emergenziali per il Servizio sanitario della Regione Calabria
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento