PERCORSI D’ARTE SACRA: BARILE

0
IOLANDA CARELLA & SALVATORE SEBASTE

carellasebaste

BARILE

Non si conosce l’origine della parola Barile. Il toponimo deriverebbe dai barili di legno, contenitori usati per conservare il famosissimo vino, coltivato sul territorio.

Lo stemma del Comune,  sin dal Seicento,simboleggia: un barile fra due alberi d’abete e un grappolo d’uva. Ancora oggi in periferia (fig. 1) esistono molte piccole cantine artigianali ove si produce il pregiatissimo vino.

Il casale di Barile esisteva al tempo di Roberto d’Angiò,all’inizio del XIV secolo, com’è testimoniato da un documento del 1332 che parla dei due casali di Barile e di Rionero

Il vescovo di Rapolla volle farlo popolare da gente estera del Regno… con il privilegio della esenzione dei pesi fiscali per un decennio… Il casale crebbe dal XIV al XVII secolo per la venuta di ben quattro colonie di greci-albanesi, che portarono con loro non solo le masserizie, ma anche i sacerdoti e il culto dei loro santi, costruendo chiese dove si sistemavano. La prima colonia greco-albanese, detta degli Schipetari, arrivò a Barile probabilmente nel 1477 e fu soprannominata dalle popolazioni indigene colonia di Clefiti o ladri. Si pensa che in quest’epoca costruirono la chiesa di S. Nicola, grande vescovo della chiesa orientale nella zona detta appunto degli Scuteriani, sotto il palazzo del principe Torella. Intanto i frequenti terremoti con le relative distruzioni costrinsero gli abitanti a spostare la chiesa sul luogo dove è attualmente.

L’antico sito fu venduto al principe Torella che ne fece giardino di cui rimangono ancora tracce. La seconda colonia arrivò circa il 1534 e fu chiamata dei Coronei perché provenienti da Corone, città abbandonata per una terribile pestilenza.

2 PORTALE

A Barile i profughi occuparono la stessa collina scelta dagli Schipetari. Probabilmente questa seconda colonia costruì sul suolo da loro occupato la chiesa di S. Maria delle Grazie. La terza colonia formata da trenta famiglie dei Coronei, proveniente da Melfi, si stanziò a Barile nel 1597 a seguito dei frequenti litigi e di scordie con la popolazione melfese. La zona prese il nome di Chiucchiari (dal nome del loro Capitan Chiucchiera) ed è ancora così chiamata.

La quarta ed ultima colonia arrivò forse nel 1675 e fu detta dei Mainotti perché provenienti da Laconia e da Maina, l’antica Leuctra. Furono chiamati anche Camiciotti, dalla blusa o camicia nera che indossavano. Pare che in quest’epoca furono costruite la chiesa di Sant’Antonio e S. Rocco, rovinate dai vari terremoti e sempre ricostruite.

Dal 1861 il paese fu devastato orribilmente dalle bande dei briganti guidate da Crocco, Caruso e Borjes, finché queste furono disperse dai soldati del generale Pallavicini nella primavera del 1866.

FIG.3 FONTANA-A-TRE-CANNELLE

Girando per il centro storico si notano nelle case gentilizie meravigliosi portali decorati in pietra (fig. 2) che, insieme (fig. 3) ad alcuni ferri battuti, testimoniano l’abilità degli antichi artigiani a Barile.

In Largo XX settembre si nota (fig. 3) un’elegante fontana con tre cannelle.

4 CHIESA S. NICOLA.

Nella stessa piazza c’è la Chiesa di S. Nicola. Nell’interno (fig. 4) a destra si nota (fig. 5) la tela ad olio: l’Annunciazione di Girolamo Bresciano di Pietragalla del XVII secolo. Nel dipinto si nota: in alto Dio Padre con gli angeli che proteggono il mondo, al centro un angelo stupito col giglio in mano di fronte alla Madonna;

5 ANNUNCIAZIONE G. BRESCIANO.

in una nuvola posta tra Dio e la Vergine c’è il Gesù Bambino, mentre da una finestra s’intravede il paesaggio del monte Vulture; sotto al centro c’è lo stemma della chiesa di S. Nicola e a sinistra la figura del committente, il parroco di rito greco-albanese. 

Sempre a destra, in nicchie sugli altari, sono da ammirare le due statue lignee della Madonna del Carmine e di Sant’Antonio del XVII secolo e il fonte battesimale in pietra, proveniente dall’antica chiesa di S.Nicola del XV secolo. L’altare maggiore del XVIII secolo fu costruito con il marmo di Rapolla. In alto,sull’altare in una nicchia, c’è la scultura lignea di S. Nicola del XVIII secolo e in un’edicola (fig. 6) un Crocifisso dello stesso periodo.

A sinistra dell’altare è collocata una colonna in pietra con basamento, proveniente dalla chiesa dell’Annunziata del Cinquecento; su in alto a destra e a sinistra dell’altare vi sono due tele del XX secolo raffiguranti: Madonna che regge il comune di Barile e (fig. 7) Simboli del sacerdozio, opera realizzata dalla pittrice Maria Distasi.

7 SIMBOLI DEL SACERDOZIO

A sinistra ci sono le statue lignee di S. Francesco da Paola, S. Teresa d’Avila del XVIII secolo e S. Gabriele e un Crocifisso del XX secolo.

Da notare (fig. 8) la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, voluta dai greci-albanesi dei Coronei nel 1534 e ingrandita nel 1571 con l’aggiunta della cappella della Madonna di Loreto.

8) S. MARIA DELLE GRAZIE.

Sul portone d’ingresso (fig. 9) si notano altorilievi bronzei che rappresentano le stazioni della Via Crucis, realizzate nel XX secolo. Sulla facciata sono inserite due sculture a tutto tondo del XX secolo: il Cristo risorto e l’Immacolata. L’interno (fig. 10) conserva: a destra in una nicchia la scultura lignea di Vito del XVIII secolo e in un armadio di vetro la scultura in legno di S. Pietro in trono del XVIII secolo. Sempre a destra vi è la cappella della Madonna delle Grazie che evidenzia sull’altare l’icona del XV secolo (fig. 11)Vergine con Bambino sgambettante, pittura su tavola dai colori vivaci, realizzata da un pittore di Ripacandida. La robusta corporatura della Madonna è avvolta in un prezioso abito dalle pieghe sottili e frastagliate, intessuto di luminosi e vibranti colpi di luce. Nel volto della Vergine e nel soave barlume di un sorriso del Bambino si nota il tono classico della composizione.

12 CROCIFISSO

Sull’altare maggiore in un’edicola domina (fig. 12)un Crocifisso in legno policromo che ha per sfondo una tela dipinta ad olio: Madonna trafitta da sei spade e S. Giovanni, del XVIII secolo.

Nella cappella del S. Cuore c’è la scultura lignea di S. Giuseppe, del XVIII secolo. Sempre a sinistra si notano (fig.13) le sculture lignee di S. Lucia, S. Leonardo e S. Donato del XVIII secolo e un’acquasantiera del XVI secolo, trasformata in fonte battesimale. Extra moenia si trova il Santuario della Madonna di Costantinopoli.

Bibliografia

  • Anna Grelle Iusco, Arte in Basilicata, Roma, De Luca Editore, 1981.
  • Nicola Fuccilo, Barile nella storia dei suoi documenti, Rionero in Vulture, Litostampa

Ottaviani, 1981.

  • Nicola Fuccilo, Novantacinque Perché…, Rionero in Vulture, Grafica Caputi, 1982.
  • Angelo Lucano Larotonda e Rosario Palese, Potenza una provincia di cento comuni, Milano,

Motta Editore S.p.A., 1999.

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento