BARDI ALLA PARTENZA, DESTINAZIONE NON SI SA

0

Mettiamola così, tanto per rendere l’idea.  Hanno fatto  benzina in  maniera conveniente al serbatoio della Total e adesso si apprestano a riempire le taniche di riserva presso il distributore Eni di Viggiano. Dopo un lungo lavoro di logistica nel quale hanno caricato tutti i sogni possibili dei lucani, si apprestano a partire. Dei cinque anni, ne è passato praticamente uno solo per cambiare la guida : Occhialoni sistemati, equipaggio gasatissimo, ordini ed incarichi ufficialmente assegnati, qualche giro di pista tanto per saggiare il nuovo feeling tra macchina e pilota, e si parte, destinazione ignota. Preoccupati della lunga percorrenza,si sono attrezzati con la benzina, ma poco o nulla hanno fatto alla macchina che è rimasta com’era, come quella macchina del circo che è rimasta nei miei ricordi di bambino come una delle cose più belle cui ho  assistito: ora veniva giù una portiera, ora i fari si accendevano nel senso letterale, ora scoppiava una gomma con tanto di coriandoli, ora l’autista se ne usciva portandosi il manubrio appresso. Esilarante! Un po’ meno lo spettacolo di questa pseudo partenza, fatta di molta allegria ma di poche informazioni utili. Se abbiamo detto tutti che questa volta la sola strada percorribile per non rimanere infangati tra qualche anno nel deserto petrolifero è un motore di sviluppo capace di produrre valore aggiunto agli investimenti nei settori portanti dell’economia lucana, se abbiamo incassato ,dopo  mesi di gelo, l’applauso di Confindustria, delle cooperative e di altre categorie produttive per questo ritorno di una politica “amica della crescita”, ebbene non sarebbe il caso di dispiegare l’itinerario di questi quattro anni, le tappe, gli obiettivi, le priorità, i tempi di percorrenza? Non sarebbe il caso di dire che cosa si salva della vecchia programmazione, come e in che direzione si intende cambiarla, quali infrastrutture si intende privilegiare, visto che finora la politica del tutto contemporaneamente e del poco per volta non ha prodotto uno shock da ripresa.? Non sarebbe il caso di attrezzare nel giro di tre- quattro mesi un piano di rilancio economico che a partire dai documenti esistenti e dai Patti sottoscritti indichi la rotta per questa legislatura? O dobbiamo come cittadini aspettare che  L’ufficio stampa ci comunichI ogni giorno o ogni settimana dove passa il giro e dove possiamo sbandierare i fazzoletti per questi nuovi eroi? I fatti sono questi: un anno e non una sola legge di struttura che abbia varcato la soglia del Consiglio regionale.!!!!! La minore produzione in assoluto, forse giustificata dal fatto che in questi ultimi due anni non c’è stata una legge che non sia stata osservata dal Governo o trasmessa per un giudizio di competenza alla Consulta. Di questo dovrebbe preoccuparsi il presidente Cicala, non di cazzatelle da retrocucina. Parliamoci chiaro: se si è  vinto è  perché  la gente non voleva più il passato , ma qui il nuovo non si vede e , fidatevi, vi state iscrivendo d’ufficio ad una politica già  conosciuta e e  già bocciata. Le parole non bastano più. Rocco Rosa

 

Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento