BARDI NEL PANTANO DELLA CRISI

0
Per uscire dalla palude in cui si è cacciato, da quando ha consentito che fosse pagante il passaggio di casacca, con tanto di partite di andata e ritorno, il Governatore Bardi ha fatto la sola mossa che gli rimaneva: azzerare, con dispiacere l’esecutivo, dichiarando una crisi che, per lui, è surreale e incomprensibile,  e prendersi la responsabilità di portare una nuova giunta già a partire dalla prossima riunione del Consiglio regionale. Alle viste c’è l’approvazione del bilancio entro il 31 marzo  , oltre a numerose e pressanti scadenze del PNRR per cui è prevedibile che non si superi la prossima settimana per risolvere la crisi. A Bardi è stata data una sola indicazione. E cioè che il rinnovo deve essere circoscritto alle persone della maggioranza che oggi  sono nella Istituzione, cioè quelli che erano entrati per l’elezione e  quelli che sono subentrati per sostituire gli assessori. Così che se c’è il rinnovo totale andrebbe a casa il solo Rosa, mentre tutti gli altri assessori tornerebbero in Consiglio determinando una alternanza con quanti attualmente siedono in Assemblea. Tra il mettere volti tutti nuovi e mantenere quelli vecchi, Bardi preferirebbe la seconda soluzione, cambiando le deleghe in maniera da non penalizzare la singola persona . Ma per fare questo deve tacitare Fratelli d’Italia che pretende un riequilibrio di forze in esecutivo e deve trovare forme di compensazioni esterne, con un parco di poltrone che si è notevolmente rimpicciolito, avendo  messo  propri uomini di fiducia in tutto quello che contava.  C’è anche un’altra lettura al riguardo e che i partiti preferirebbero il rinnovamento totale dell’esecutivo, in maniera da risolvere alla meglio i problemi di rapporti interni. In questo caso il posto di Cicala verrebbe preso dal primo degli eletti, Fanelli, mentre Cicala e la Sileo assurgerebbero alla testa dei dipartimenti. Osta contro questa soluzione la netta contrarietà del partito della Meloni che  considera l’eventuale estromissione di Rosa un vero atto di lesa maestà. Cosa che costa molto al Presidente, nel quadro di quelle buone  relazioni che si sta creando intorno alla partita elettorale del prossimo anno. Ma i problemi ci sono soprattutto in Forza Italia, con personaggi di un certo peso, compresi i due assessori , che non sono particolarmente attaccati alla poltrona o alla indennità e che , se liberi di scorazzare in Consiglio , renderebbero ulteriormente precaria la vita di questa legislatura. C’è chi pensa che tutto sommato  questa esperienza che doveva vedere Forza Italia al massimo  del suo fulgore, si stia dimostrando una specie di Caporetto, con una immagine complessiva deteriorata, una scarsa libertà di movimento, poca politica e molte lamentele . E qualcuno si sta chiedendo se non convenga alla fine spegnere la luce e ripartire con un anno di anticipo sulle scadenze. Operazione comunque difficile perché c’è il corpo dei volontari che è sempre all’erta, pronto a rispondere ad un eventuale appello. Ecco perché Marti, il commissario della Lega, che finalmente può contare su un gruppo che ha ritrovato una certa compattezza si proietta in avanti con soluzioni che servirebbero comunque a dare una immagine di maggiore efficienza alla Giunta, chiunque siano le persone chiamate a ricoprire gli incarichi: e cioè revisione dei Dipartimenti e delle Deleghe , ridiscussione dei vertici  amministrativi degli stessi, individuazione di deleghe di scopo: insomma, un bilanciamento di forze che sia visibile, se non nel numero, nella qualità delle deleghe.  Rocco Rosa
Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi