CAIATA SCOMPIGLIA IL GIOCO IN CITTA’

0

Come al solito, si lavora sotto traccia per il prossimo appuntamento elettorale, a dimensione comunale , ma, dai pochi segnali che arrivano, sembra che si stiano creando le condizioni per fermare l’onda leghista. La quale già a Potenza si è risolta in un successo più legato ad un candidato che al leader nazionale del partito. Proprio nel capoluogo entra in gioco in questo riequilibrio tra forze diverse l’entrata in campo di Caiata, il Presidente caro ai tifosi di calcio, che da decenni non vivevano stagioni di calcio come queste ultime. La novità è che Caiata fa una propria lista ma non è detto che vada a rinforzare il candidato leghista Guarente, muovendosi invece a sostegno di De Luca. La cosa sembra anomala, tanto più che alle regionali nella lista della lega egli stesso aveva perorato l’ingresso di Dina Sileo e l’aveva supportata nelle campagna elettorale. Andarsene con De Luca sarebbe come ufficializzare uno strappo con la Lega e non è un caso che nei giorni scorsi siano girate voci secondo le quali  Salvini non avrebbe garantito la richiesta ricandidatura al Parlamento in caso di elezioni anticipate, limitandosi ad un  “poi si vedrà” .E poiché Mr. Caiata non è l’uomo del “poi” ma del “tutto e subito”, la risposta non gli è piaciuta e, proprio contandosi su un altro candidato Sindaco , vorrebbe dimostrare che senza di lui si perde. La novità è grossa e può darsi che non si stabilizzi in un atto concreto, proprio perchè la politica che viene fatta sotto il tavolo non può ignorare il senso di questa decisione. Un ballon d’essai per far capire a Salvini che fa sul serio, oppure una decisione di ricollocazione in un alveo politico diverso? Vedremo.

E’ certo che questa sortita dà fiato sia a De Luca, che con un appoggio del genere, può sicuramente pensare di farcela in maniera autonoma, sia al centrosinistra che ha come primo obiettivo quello di correre uniti, al punto che lo stesso Speranza, uno dei fautori dell’accordo con De Luca, oggi si tira indietro rispetto all’ipotesi di appoggio al Sindaco uscente, sapendo che tra l’amico Dario e il riacceso feeling con il Pd a guida Zingaretti, la scelta è obbligata in favore di un ritorno tra mure amiche.

Il problema del Centrosinistra è che , con tutto questa polverizzazione dell’elettorato, non sarà facile portare neanche la metà delle liste fatte nel 2014 e che conseguirono la maggioranza assoluta in consiglio comunale. Oltre al morale bassissimo delle truppe, c’è da scontare l’incazzatura di molti candidati di primo piano nelle regionali e una minore disponibilità a candidarsi , sapendo che non è ancora stato disvelato il nome di un cavallo che potrebbe portarli alla vittoria. E che deve essere un cavallo capace ,in caso di entrata del centrosinistra in ballottaggio, di fare la differenza sia dal punto di vista della combattività e della oratoria, sia da quello del background personale. Trerotola aveva dalla sua solo la carta della persona per bene. E non è bastata a stravolgere l’orientamento della gente. Ci vuole gente grintosa, non anziana ma molto conosciuta, idonea a giocare di spada e non di fioretto.  

Bisogna anche dire che da questo scenario non sono fuori i cinque stelle, nonostante le botte che al suo interno alcuni si stanno menando, con mezzucci da collegiali, quali articoli anonimi nei quali  si parla male di tutti con l’intento di dimostrare che ne è rimasto solo uno presentabile, e cioè l’anonimo articolista. Abbiamo detto tutto , anche se questo non toglie che a Potenza il movimento ha una buona base per competere. E che queste sciocchezze vengano anche pubblicate non è un problema da poco. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento