CAVALLI E RONZINI ESCONO DALLE SCUDERIE

0

Con l’emanazione del decreto di scioglimento del Consiglio e l’indizione delle elezioni, si entra nella strettoia delle liste e delle coalizioni. Tutto quello che è successo finora viene azzerato e da adesso si parla di decisioni, di numeri e di organigrammi. I cinque stelle sono quelli che , avendo già fatto i compiti alla prima ora, aspettano solo di uscire con il programma per legittimare la leadership del Movimento che attualmente gode dei maggiori consensi nei sondaggi. Più che fare, per Mattia e compagni si tratta di non sbagliare e di evitare di offrire alla polemica politica argomenti che possano giocare contro. Il candidato però agisce in maniera prudente, e mette in atto con diligenza una strategia comunicativa tesa a tranquillizzare l’elettorato. Niente sparate, niente promesse eclatanti ma un continuo rivolgersi alla gente per capire, per annoverare problemi, per trovare soluzioni. Un lavoro che nei paesi sta pagando , quasi ricordando il tempo in cui i partiti facevano seriamente il loro lavoro di ascolto delle persone. Questo Movimento ha nel numero delle liste concorrenti avversari il vero avversario da combattere, perchè in una regione nella quale i rapporti contano e le parentele pure, trovarsi sei, sette liste da un lato e altrettante dall’altro, significa dover abbassare la soglia del consenso e pagare il prezzo di correre soli contro tutti. Però, dalla sua ha una opinione pubblica che vuole dare un taglio al sistema di potere che ha riguardato la regione e le novità, soprattutto dal punto di vista etico e morale, non vengono da destra ( costretta a riciclare personaggi che il sistema l’hanno gestito da vari anni e da varie angolazioni), ma proprio da questa lista solitaria che tende a coalizzare il voto di opinione. Per come sta entrando in campagna elettorale, il Centrosinistra diventa, pur non volendo, un alleato prezioso, nel senso che non solo si punisce da solo con l’epilogo cruento di una lotta quinquennale interna, ma toglie voti nei bacini naturali del potere  moderato e di destra, consentendo ai cinque stelle quel punticino in più per farcela. E’ evidente che a destra il tutto è concentrato sulla scelta del candidato presidente che dovrebbe essere fatta in settimana a Roma. Se il triangolo romano regge, il nome sarà fatto da Forza italia, ma senza una correlata trattativa per decidere cosa faranno gli altri partner, quell’indicazione da sola non è in grado di attivare la mobilitazione alle armi. Il fuoco di sbarramento che da parte della lega e f,lli d’Italia viene fatto su candidati non riconducibili immediatamente al territorio, è il segno che le decisioni non si accetteranno a scatola chiusa. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento