CENTRO STORICO DI POTENZA. LA CEDOLARE SECCA NON AIUTA

0

La cedolare secca per  locali commerciali e capannoni è un provvedimento che oggettivamente va incontro al commercio in generale ma che non opera specificamente per i centri storici, dove più alti sono gli affitti  dei locali. Tra l’altro il provvedimento legislativo in itinere opera solo per i nuovi affitti e non per quelli esistenti, con il rischio che i commercianti delle zone oggi meno economicamente vantaggiose( vedi via Pretoria) chiudano l’attività per andare a riprenderla in nuovi locali, nuove zone, e sotto nuovi contratti che consentono, grazie alle agevolazioni, di abbassare i canoni di locazione. Per i centri storici , la norma vale per i negozi liberi da affittare ma non è certamente sufficiente a coprire il gap che il commercio registra in quella zona a confronto con le periferie più organizzate. Insomma nel gioco tra chi può arrivare a via Pretoria e chi può decidere di andarsene, purtroppo non sembrano i primi a prevalere ,ma i secondi.  Quando il Sindaco di Potenza ha fatto cenno ad una minore imposizione fiscale , ha visto il bicchiere mezzo pieno per la situazione specifica del centro storico di Potenza, oppure come penso si è riferito ad altre cose che l’Amministrazione di Potenza ha in mente di fare : un minore costo della Tasi e della Tarsu, sopratutto quest’ultima, nell’ambito di una rimodulazione delle tariffe. Più in generale il ragionamento che bisogna fare per affrontare in maniera organica la rivitalizzazione dei Centri storici , compreso quello nostro che è in crisi profonda, è che tra Governo, Regione e Comuni  è di porre mano ad una legislazione speciale che metta insieme una pluralità di interventi capaci di dare una scossa al sistema: una concertazione di azioni simultanee che vanno dalla minore fiscalità, al minor costo dei servizi, alla incentivazioni regionale dei commercianti che decidono di farvi ritorno grazie a nuove convenienze imprenditoriali. Questo insieme a tutti i problemi già parzialmente esaminati di deroghe specifiche ai regolamenti urbanistici e d’igiene per sostenere le iniziative imprenditoriali atte a creare attività di vario genere, quelle culturali associative, quelle di somministrazione, quelle di ristorazione e di b&b. Il fatto che se ne stia parlando in maniera un  più organica  ricorrente e più organica, è una buona premessa. Senza una legge particolare per le città turistiche e per i capoluoghi , il dilagare in periferia dei centri commerciali, degli alberghi e delle attività di ristorazione non può essere contenuto, per una ragione semplice di convenienza economica che passa anche sopra all’amore per il centro cittadino. Rocco Rosa

 

 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento