CONGRESSO PD: PITTELLA PIGLIA TUTTO

0

nino-carellaNINO CARELLA

È scaduto ieri sera alle 21:00 il termine ultimo per presentare le liste che, regione per regione, sosterranno i tre candidati che andranno a primarie il prossimo 30 aprile per contendersi la leadership del Partito Democratico.

Il più giovane candidato è nelle liste di Emiliano, classe 1994; la più anziana è una sessantaquattrenne renziana (in fondo all’articolo sono pubblicati nomi delle quattro liste).

Un appuntamento burocratico, quello della presentazione delle liste a sostegno dei candidati nazionali, che – come spesso accade – ha avuto ed avrà pesanti risvolti politici. Mentre infatti i sostenitori di Orlando (capeggiati dal capogruppo PD in Regione, Roberto Cifarelli) presentavano la loro liste, mentre l’area Emiliano ne depositava addirittura due, l’ala renziana del partito, contrariamente alla aspettative e agli annunci della vigilia, ne faceva pervenire una soltanto, facente riferimento al governatore Pittella, che infatti appare al numero uno.

Piero Lacorazza ha parlato ironicamente dal suo profilo facebook di “renziani a sorteggio” per sottolineare l’improvvisazione con la quale l’area che dovrebbe governare partito e Regione, ha provveduto all’adempiemento.

Ma voci di corridoio parlano di altre “sensibilità” renziane rimaste fuori dai giochi, che avrebbero per questo chiesto il classico rinvio, che però è stato negato.

Un clima di caos che, creato per incapacità o per opportunità, potrebbe avere ripercussioni pesanti in vista del voto del 30 aprile, proprio in area renziana: difficile infatti che chi non è riuscito ad entrare in lista porti acqua al Presidente, essendo stato tagliato fuori.

Staremo a vedere

Si può però già intanto sottolineare l’assenza del nome di Piero Lacorazza, ispiratore di fatto dell’area Emiliano, dalle liste depositate; segno, evidentemente, della volontà del “terzo polo” nazionale di comunicare in Basilicata la costruzione di un’area politica strutturata ma libera da condizionamenti e appartenenze. E non sarebbe male, visto i fallimenti e gli errori in questo senso operati nel recente passato, a causa di eccessi di protagonismo di tanto (ex) prime donne.

Condizionamenti e appartenenze che invece “marchiano” indelebilmente le altre due candidature, spendendo in prima fila il nome del (contestato, e da molti osteggiato, anche tra gli stessi renziani) Governatore Pittella per Renzi, e rendendo evidente l’impronta di quel che rimane del “correntone” diessino, con Cifarelli capolista per Orlando.

Il Congresso del Partito Democratico si avvia dunque ad essere un appuntamento interessante, con ripercussioni dirette, quante non se ne potevano sospettare, sugli equilibri politici regionali e dunque sul futuro di tutti i lucani.

E allora, come si dice in questi casi: la parola agli elettori.

LE LISTE REGIONALI DEL CONGRESSO DEL PARTITO DEMOCRATICO

LISTA RENZI

  1. Pittella Marcello
  2. Digiorgio Franca
  3. Laguardia Paolo
  4. Di Grisolo Maria Lucia
  5. Sonnessa Michele
  6. Ruggieri Giovanna
  7. Cantore Italo
  8. Galasso Vitina
  9. Di Mauro Michele

LISTA ORLANDO

  1. Cifarelli Roberto
  2. Latorraca Angela
  3. Altobello Sabino
  4. Di Lalla Angela
  5. Smaldone Costantino
  6. Petruccelli Anna Maria
  7. Fortunato Francesco
  8. Biscaglia Carolina
  9. Caputo Giovanni

LISTA EMILIANO 1

  1. Valluzzi Nicola A. R.
  2. D’Amico Rocchina C.
  3. Troiano Angelo R.
  4. Marino Carmela
  5. Lionetti Saverio
  6. Corleto Maria G.
  7. Esposito Domenico
  8. Madio Donatella
  9. Cella Ottavio

LISTA EMILIANO 2

  1. Ditaranto Maddalena
  2. Sperduto Donato
  3. Chisena Anna
  4. Picciani Domenico
  5. Maria Turi
  6. Morfini Alfredo
  7. Colangelo Lucia
  8. Frasca Achille
  9. Rapucci Mariangela
Condividi

Sull' Autore

Nino Carella

Ho impostato il navigatore in direzione aziendale ma, blaterando di democrazia e di sviluppo, ho svoltato a sinistra finendo dritto addosso a un blog: ed erano già passati quarant'anni.

Lascia un Commento