CUPPARO DISERTA LA GIUNTA: VUOLE PRIMA VEDERE I FATTI

0

 

ROCCO ROSA

Lunedì si vedrà se Bardi ha visto giusto dicendo “tutto a posto” alla fine della riunione  con i segretari regionali dei partiti di maggioranza.  Per incominciare lunedì c’è il gruppo della Lega convocata da Marti, il quale vorrà rendersi anche conto dell’atteggiamento tafazziano tenuto nella circostanza della crisi, causata unicamente dal consigliere Vizziello di Fratelli d’italia ma che improvvidamente ha  coinvolto, nella dichiarazione del senatore Pepe anche  il consigliere Zullino  e  il presidente Cicala, allargando il perimetro delle defezioni. Cosa che, secondo il consigliere Zullino , non è affatto vera perchè lui era collegato da Milano , nonostante la riunione del Consiglio fosse stata convocata ad horas. Anche per Marti è ormai evidente l’ostilità che si è creata tra il gruppo che fa capo al senatore Pepe ( comprensivo oltre che del vicepresidente Fanelli, del capogruppo Coviello e della consigliera Sileo) , il presidente Cicala da un lato e  Zullino e Merra dall’altro, con questi ultimi due che si chiamano fuori  dalla lotta personale per la leadership lucana e si attengono pedissequamente alla posizione del partito, rappresentato dal Commissario Marti. Anche la vulgata secondo cui il consigliere Zullino non rappresenterebbe in commissione la Lega non è veritiera, non solo perchè è lungi dall’essere ufficializzata, ma anche perchè il Commissario Marti ha detto chiaro e tondo che non intende perdere pezzi e che la Lega deve continuare ad essere il primo partito in regione. Con queste premesse, lunedì ci si attende che la Lega esca unita dalla riunione e che chieda conto ad altri di questa situazione di crisi, sia in relazione alla situazione esistente in F.lli d’italia dove per un posto in giunta , con un solo voto in Consiglio, sono stati capaci di aprire una crisi per cambiare il loro assessore, fronteggiandosi ormai apertamente tre gruppi ( Caiata con l’opzione Napoli, Rosa che intende rimanere  al suo posto e Vizziello , spinto dal subentrante Latronico a forzare la mano), sia in relazione alla debolezza di alcuni uomini dell’esecutivo Bardi che è difficile continuare a difendere, il riferimento è ovviamente a Leone. E’ chiaro che il solo modo per disinnescare questa situazione esplosiva è rimandare il tutto ad una scadenza più appropriata, quando l’occasione del ricambio dell’ufficio di presidenza metterà in moto dei meccanismi di rinnovamento. Il fatto che si sia preso a pretesto per manifestare questa insofferenza per un equilibrio politico che non soddisfa una legge di importanza notevole, cui l’assessore Cupparo lavora da oltre un anno, è stato un fatto estremamente grave e che non può essere liquidato con un tutto a posto del Presidente. Questo è il motivo per cui l’assessore Cupparo, ancora ieri ,non si è presentato alla riunione della Giunta, un modo chiaro e tondo di affermare che vuol vedere i fatti, perchè di parole ne ha sentito già troppe. Se a Roma è uscita una intesa, che nelle pieghe nasconde anche una accettazione da parte di Bardi  della interlocuzione con le segreterie regionali, finora snobbate in nome di relazioni più alte, e’ pur vero che l’approvazione della legge Cupparo è la vera cartina di tornasole per constatare l’autenticità di quel “ tutto a posto”

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi