E allora, diamo i numeri!

0
  1. ­

di Teri Volini

... Bisogna usare la persuasione e non la violenza diretta: si diffonderanno massicciamente, attraverso la televisione, divertimenti che adulano sempre l’emotività o l’istintivo. Affronteremo gli Spiriti con ciò che è futile e giocoso. È buono, in chiacchiere e musica incessante, impedire allo spirito di pensare. […]
Si farà in modo di bandire la serietà dell’esistenza, di ridicolizzare tutto ciò
che ha un valore elevato,
di mantenere una costante apologia della superficialità;
in modo che l’euforia della pubblicità diventi lo standard della felicità umana
e il modello della libertà

Questa profetica, quanto lucidissima sintesi dal libro di Günther Anders, “L’uomo è antiquato”, 1956, c’illumina riguardo alla grande prudenza che dobbiamo porre sugli eventi di cui siamo osservatori e compartecipi, affinché non ne diventiamo, per mancanza di una giusta attenzione, le vittime più o meno inconsapevoli.
Riguardo al morbo che ci affligge in questo 2020, siamo stati avviluppati da un panico crescente, che – con tutto il rispetto per i morti, e le precauzioni da tenere nella giusta considerazione – molto probabilmente è andato ben oltre il limite consentito a delle menti raziocinanti, provocando a sua volta più vittime collaterali del dovuto, nei campi della salute mentale, dell’economia e dello stato sociale, che sta prendendo una deleteria deriva.

Cinque anni fa l’influenza provocava una strage, più di ventimila decessi in meno di cento giorni, l’Italia però non se ne accorse!
Oggi, usciti dalle nostre case dopo una prolungata chiusura , siamo rimasti inglobati in una bolla di insano terrore: lo provano le immagini di persone “in maschera” mentre sono – in solitario – alla guida delle loro auto, moto e biciclette, o all’aperto, su strade o in piazze desolatamente deserte, nei parchi, nei boschi, o mentre si dedicano alla corsa su strada, regalando al loro sangue una bella dose di veleno: l’anidride carbonica di loro personale produzione, specie quella prodotta dall’attività fisica spinta.
Come lobotomizzati, senza nessun auto – incentivo ad informarsi correttamente, per valutare poi il da farsi, con una propria, più ragguagliata visione delle cose.

I Numeri

Un aiuto importante in questo ridimensionamento delle paure arbitrarie – il vero grande pericolo, che può spingere a comportamenti incongrui e  scelte rischiose –  è rappresentato dai NUMERI: quelli dei dati ufficiali della mortalità in Italia, ad esempio, e quelli comparati delle più importanti epi/pandemie nel mondo.

Precedenti epi /pandemie e altre cause di alta mortalità a livello mondiale:

1918 -1919. 50 milioni, forse 100 milioni, epidemia influenzale Spagnola, scoppiata in America dopo la 2° guerra mondiale (dati ISS), e le cui cause sono ancora da indagare
1957 – Influenza Asiatica – 1- 4 milioni di persone

1957 – Influenza aviaria – Asia (virus influenzale H2N2) ), 100.000 persone
1968 – Pandemia influenzale virus H3N2 – Hong Kong – tra 1 e 4 milioni. Solo in Italia, 20 mila persone.
1981- AIDS, 37,9 milioni
Ebola 2014 – 2016 – Africa, circa 11mila vittime
2009 – Suina – 100 mila – 400.000 morti
Attualmente: Colera: tra 21mila e 143 mila ogni anno
Più indietro nel tempo: 1346-53 – Peste: 50 milioni di morti (il 60% della popolazione europea)
Malaria, inizio millennio 1 milione e mezzo di decessi – 2018 – 405.000:
2019: 228 milioni di casi, 405.000 decessi

(Per inciso: Inquinamento atmosferico, 177 milioni di morti all’anno, dei quali 2,9 milioni solo per il particolato e le polveri sottili. Fame e denutrizione: 38 milioni di morti ogni anno per fame, di cui 7000 bambini al giorno)

Principali cause di morte in Italia: dati ISTAT – 20 3 2020
Tumori 180.085
Sistema respiratorio: (influenza – polmoniti) 53.372
Sistema nervoso: 30.672
Diabete e sist. Endocrino: 29.519
Sistema circolatorio: 23.299
Disturbi psichici: 24.406

In sintesi:
Influenza stagionale: (OMS) 250-500 mila persone nel mondo
Italia: 53.372 – malattie del sistema respiratorio (influenza – polmonite)

Covid-19: 560.000 nel mondo
vittime “ufficiali” in Italia 34.900

 

Procedimenti singolari e conteggi distorti in partenza

I dati permettono un ridimensionamento decaptivante, benché tale numero non sia garantito, dal momento che non è stata operata la doverosa distinzione tra decessi per e decessi con Covid-19, cioè morti per altre patologie pregresse, spesso molto gravi, come cancro, diabete, ictus etc., specie tra gli anziani, la maggioranza dei morti, e fra i quali il 60,1% aveva 3 o più patologie pre-esistenti.

Anche dopo l’emergenza è stato è incomprensibilmente seguito questo singolare procedimento, ed anzi si è attestata la tendenza di segnare i decessi come indistintamente  causati dal corona virus: il conteggio risulta così distorto in partenza, in senso accrescitivo: i motivi di tale procedura sono tutti da scandagliare, non volendo credere che sia stato fatto per dei vantaggi economici relativi all’emergenza Covid -19.

 

La tesi dell’autrice e’ rispettabilissima e offre spunti di riflessione ma non rappresenta il pensiero della redazione di Talenti Lucani. Se fosse così sarebbe un complotto mondiale non si sa per che cosa o a favore di chi, visto che tutti  perdono. Non sarà un caso che i governanti più negazionisti hanno prodotto i danni peggiori. Sui numeri contati male però nell’articolo di Volini c’è tanto di vero. r.r.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Pittora, incisora, performer land artista, designer, ricercatrice, poeta, portatrice di memoria, linguista, conferenziera... ha esposto dagli anni '80 le magiche suggestioni de La Montagna Stregata – ispirata alle piccole dolomiti lucane di cui è originaria – seguita da diversi cicli di Opere pittoriche, presenti in oltre 90 mostre personali in sedi regionali, nazionali ed estere, come Potenza, Milano, Zurigo, Winterthur, Nizza, New York, Arles en Provence, Canterbury... con notevoli riscontri di critica e pubblico, ed in numerose collettive, con pubblicazioni, premi e riconoscimenti. Tramite i diversi linguaggi espressivi - pittura, scultura, poesia, installazioni, performances, azioni simboliche, video, manifesti d’artista, ricerche, conferenze, articoli, incontri mirati con le giovani generazioni e la società civile - l'Artista biofila si fa promotrice di un nuovo rispetto per il pianeta, percepito non come un oggetto da dominare e sfruttare, ma come Terra Madre, generatrice e nutrice di tutti i viventi. Presidente del Centro d’Arte e Cultura Delta di Potenza, ha al suo attivo un sito web e un blog, due raccolte poetiche, una trentina di ebook, pubblicazioni su diverse testate a livello regionale e nazionale, la collaborazione in free lance con La Grande Lucania, Il Lucano, Il Capricorno, Talenti Lucani, Valori... Canta nella donna il valore femminile originario, sottolineandone sacralità, bellezza e magia nell’esuberante creatività e nella corrispondente ciclicità con la Natura: l'una e l'altra essendo portatrici e nutrici di vita. Preconizza un tempo in cui l'arte e la vita siano coincidenti ed in cui sia possibile riconquistare l'incanto gioioso di fronte alla bellezza e al mistero della vita sulla terra.

Lascia un Commento