E’ GIA’ INIZIATA LA DISCESA IN CAMPO DEI TRASFORMISTI

0

Da alcuni segnali che intravedo , in queste elezioni regionali c’è da aspettarsi di tutto, e non sarebbe male che si accendessero i riflettori del controllo democratico e di quello istituzionale già da ora. Ci sono ad esempio personaggi “importanti, non perchè lo siano di per sé ma perchè qualcuno ce l’ ha fatto diventare, che sono da sempre telecomandati e che mentre ieri approcciavano i comunisti in odore di vittoria oggi si muovono in altre direzioni e al posto di frequentare i giardinetti, come dovrebbero fare, si mettono a corteggiare i probabili vincitori , garantendo appoggi giganteschi e dimenticando che non sono in grado neanche di farsi eleggere a livello comunale.  E’ la tattica del posizionamento che ha sempre fregato la democrazia vera , arrivando con la scorciatoia ai posti di comando senza bisogno di fare la fila. Sono i portoghesi della politica, personaggetti, direbbe De Luca- Crozza- che hanno molta forma e poca sostanza, una parlantina sciolta e nessun carattere, pronti a vedere come la pensi e a dirti subito che la pensano come te: dirigenti, funzionari, politici che non hanno mai fatto un cazzo nella loro vita e che però si trovano sempre all’angolo giusto, pronti a confondersi con il nuovo. Le manifestazioni pubbliche , per chi ha una esperienza pluriennale di politica, sono oggi sempre una sorpresa: dietro qualche colonna, ci trovi uno pronto ad offrirsi nell’oscurità, a promettere fedeltà e collaborazione . Niente di male se non facessero il giro delle manifestazioni per sussurrare all’orecchio le stesse cose agli altri. Siamo al Porta Portese della politica regionale. Questi personaggi, da destra e da sinistra, sono gli inquinatori della democrazia, sporcano tutto perchè riducono il tutto ad un “ che mi tocca?”, che sarebbe già di per sé un voto di scambio, come voto di scambio erano accordi scritti di partito su che cosa andava ad uno e all’altro, o voto di scambio erano  l’appalto dei consensi a qualche personaggio di paese. Queste elezioni possono segnare una svolta solo se si gioca pulito e se la gente che lavora nell’ombra la si fa uscire alla luce del sole con dichiarazioni di appoggio all’uno o all’altra. Chi vuole veramente un rinnovamento si accerti che non venga fatta una manovra ad U, cioè il ritorno di quei metodi e di quelle tattiche che privilegiano chi non ha idee da offrire ma vuole semplicemente vendere qualcosa che non ha. Ben vengano le svolte, se sono sincere, genuine, trasparenti e portatori di ideali . Ma vengano da sole, senza zavorra. In questo senso sono dalla parte ,a destra come nei cinquestelle, di chi non vuole mediazioni, non vuole compromessi e non vuole far salire i portoghesi sul carro. Rocco Rosa,  

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento