TALENTI LUCANI: GIUSEPPE STASI

0

Giuseppe Stasi, sceneggiatore del cinema just in time

Scritto da Lucia Lapenta

L’estemporaneità a servizio della creatività.

Processi di produzione sempre più veloci, immediati, ridotti all’osso (sia nei fondi che nelle attrezzature) ma dal “confezionamento” di qualità. Video snelli che durano quasi come un flash, ideali da postare e condividere sulla rete virtuale.

Il cinema dei nostri giorni si fa sempre più “corto” con l’obiettivo acceso 24 ore su 24 sul mondo, pronto a restituire il just in time e dare il via al carosello dei click on line. Con la praticità e la tecnologia dei mezzi a disposizione è, infatti, facile montare, organizzare le immagini nel tempo e trasportare un’idea filmica in pellicole dalla sceneggiatura essenziale ma, in ogni modo, accattivante.

Lavori in progress che prendono forma gradualmente, seguendo il flusso delle idee e sperimentando, con la scrittura creativa, nuove forme di comunicazione.

È con questo tipo di arte, scandita dall’I like (mi piace) accordato dal popolo cybernauta che ha a che fare Giuseppe Stasi, materano del 1986, da sei anni a Roma dove vive e lavora come filmaker, co-autore di format televisivi, assistente alla produzione e operatore back stage di cortometraggi.

Un mestiere che Giuseppe si è cucito addosso, coltivando la passione per il cinema sin dall’infanzia.

“Ero piccolissimo – conferma il venticinquenne lucano – quando ho visto il mio primo film in hd, Batman. Il ritorno di Tim Burton. Un cult cinematografico che avrò rivisto altre decine di volte, convincendomi seriamente di quello che, da grande, non avrei sicuramente fatto. Nè l’avvocato o, come mio padre, l’architetto benché come lui sia sensibile al gusto per il bello e per l’architettura”.

Con caparbietà e impegno, dopo la maturità conseguita nel 2005 al Liceo Ginnasio “E.Duni” di Matera, Giuseppe si iscrive alla Sapienza e nel 2010 consegue la laurea triennale in Arti e Scienze dello Spettacolo (con indirizzo Cinema). Nel frattempo, ancora nella sua terra, si mette in luce con alcuni corti che risultano subito abbastanza convincenti: il trailer “Come ogni mattina” riceve nel 2006 la menzione speciale della Giuria alla II edizione del concorso materano Action – Lavoro, Diritti, Saperi, mentre Sortilegio Atto VI conquista il Premio Arcoiris –Tv al Collecchio Video Film 2006. Due lavori dal piglio scansonato che vengono anche selezionati da Oliviero Toscani per la messa in onda sul canale satellitare “Music Box”.

Da filmaker indipendente a operatore di backstage sul set di The Oscure Brother, realizzato in maniera totalmente sperimentale da Linda di Franco a Craco Vecchio. Da assistente di produzione per il film Murder in the Dark, girato a Matera da Dagen Merrill ripercorrendo le stesse location del The Passion melgibsoniano a co-autore di Buon Compleanno Italia, programma televisivo promosso dall’Associazione Culturale Storia e Memoria in collaborazione con Sky Uno. Un’esperienza, questa, che gli dà modo di esprimere tutta la sua versatilità di sceneggiatore (già riconosciutagli con il Premio al “Corto XX” di Roma per Te la Ricordi Francesca Lupo? per Xie Zi di Giuseppe Marco Albano al Capri Art Film Festival e con il primo Premio alla seconda edizione del concorso Racconti di Cinema per la sceneggiatura dal titolo A che ora fa buio? Nel 2009 a Venosa), insieme alla capacità di creare estemporaneamente.

“Abbiamo lavorato montando i cortometraggi arrivati – tra i quali anche il suo iTALiAN! – cercando di concepire il programma tv come un film. Partendo da un’idea l’abbiamo sviluppata in capitoli, intervenendo lì dove necessario con scene girate di sana pianta”.

Una tecnica che si rivela vincente anche nei due corti che Giuseppe realizza in tandem con l’amico Giancarlo Fontana (http://www.worlditaliantalents.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1188:giancarlo-fontana-filmaker-a-tempo-di-rec&catid=87:talenti-1&Itemid=473 ). Insieme a lui, in un sodalizio artistico oltre che umano, pubblica su youtube due video che si aggiudicano in pochissime ore una quantità gigantesca di visualizzazioni, rimbalzando tra blog, social network, giornali e programmi televisivi: Inception [Made in Italy] e Il Processo Ruby.

Due satire moderne semi-serie. Due prodotti spassosi, gradevoli da visionare sia sul web che sul piccolo schermo. Due corti che non fanno ridere ma sorridere, sollecitando un’ampia riflessione sulla realtà politica, giudiziaria ma soprattutto morale del nostro Paese.

Due video che danno l’idea di non essere terminati anche quando lo sono: una valida premessa perché non succeda ciò che normalmente accade a delle creazioni legate allo scoop del momento.

“Chi fa cinema – sostiene Giuseppe – deve sicuramente tener conto della commerciabilità dei propri prodotti, facendo leva sui gusti del pubblico e su ciò che maggiormente può interessare in uno specifico momento. Ma gli spettatori come il sistema- cinema vanno educati e organizzati se si vuole competere con le produzioni d’oltreoceano. In Italia ancora si fatica ad avere una mentalità cinematografica da grande industria, capace di valorizzare i talenti e i film di qualità. Anche nelle piccole realtà come ad esempio la Basilicata si potrebbe investire maggiormente in questo settore che sta dando prova di avere maestranze in grado di realizzare produzioni di spessore. I primi passi per la nascita della Film Commission nella mia terra sono incoraggianti perché, attraverso il cinema, il territorio lucano ha tutte le carte in regola per essere esportabile anche all’estero. È necessario convincere anche i privati che investendo in questo campo non si disperdono capitali, ma si recuperano e con gli interessi”.

In piccolo, ma con la prospettiva di fare ancora di più, Giuseppe lo sta verificando. A soli 25 anni, quando si ha tutto il tempo per raggiungere grandi obiettivi.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Comments are closed.