GLI INNAMORATI DEL POTENZA

0

GIOVANNI VACCARO

Ci sono varie forme di amore, tra sposi, tra fidanzati, tra parenti, tra amici. E poi c’è quello che è andato in scena allo stadio Granillo, dove un centinaio di tifosi del Potenza si sono sobbarcati il viaggio fino a Reggio Calabria per sostenere i rossoblù, infischiandosene dei 400km, infischiandosene dell’orario, infischiandosene che l’indomani sarebbe stato lavorativo. E forse non è un caso che questa prova d’amore sia arrivata proprio nel giorno di San Valentino.

In alcuni casi si dice che una parata particolarmente difficile valga tanto quanto un gol segnato, purtroppo questo non è vero. Da un gol possono arrivare 3 punti, da una parata per quanto complicata ne può arrivare al più 1. Sia d’esempio il rigore parato da Ioime che è stato fondamentale nel fissare il risultato sullo 0-0 e portare in Lucania un punto. Per il portiere campano è il secondo rigore parato in campionato, che ben si innesta in un periodo positivo della difesa del Potenza che per la prima volta riesca a mettere in fila 2 partite senza subire gol (sono 3 considerando la coppa), e con Giosa in campo non ha mai preso gol. Se da un lato la difesa lancia buoni segnali, il reparto avanzato mostra il rovescio della medaglia, nelle ultime 2 apparizioni (3 con la coppa) il Potenza non è riuscito a segnare.

I 32 punti (media 1.33punti/partita), 27 gol fatti (media 1.13gol/partita) e 26 subiti (media 1.08gol/partita) lasciano gli uomini di Raffaele nel limbo del centro classifica avvolti tra i rimpianti del “si poteva fare, ma…”. Lo dimostra la “pareggite atavica” che ha colpito i rossoblù, per ben 11 volte il segno X è comparso in schedina. Più di tutte le altre del girone.

Le partite da non perdersi erano i due big match di giornata: Juve Stabia-Catanzaro e Trapani-Catania. Solo il Trapani è riuscito a conquistare la vittoria che gli vale il secondo posto in solitaria. Mentre lo 0-0 di Castellammare allunga la striscia di imbattibilità della Juve Stabia che fermando il Catanzaro si trova sempre più lanciata verso la Serie B. Tra le altre squadre che si contenderanno con il Potenza gli ultimi 6 posti play-off vincono solo il Monopoli (5°) e la Viterbese (che è 13° ma deve recuperare 5 partite). La sconfitta Vibonese, ed il riposo della Casertana fermano le due squadre a 35 punti, mentre il Rende perdendo in casa con il Siracusa si fa raggiungere e scavalcare proprio dal Potenza a quota 32.

Nelle zone basse della classifica con la quarta rinuncia finisce l’agonia per il Matera ed inizia la vera gara per evitare le posizioni play out. Vincendo a Vibo Valentia e a Rende, il Rieti ed il Siracusa si piazzano a 22 punti e staccano il Bisceglie lasciandolo a 19. Proprio la formazione pugliese, dopo 10 partite di astinenza riesce a mettere a segno il decimo gol stagionale (non contando i 3 assegnati a tavolino col Matera). In fine la Paganese inanella la 17° sconfitta stagionale ed ormai aspetta soltanto di conoscere l’avversaria per il play-out.

I prossimi incontri del Potenza saranno un trittico di siciliane, ad aprire le danze in Siracusa che andrà in scena al Viviani. Con 23 punti (media 0.96punti/partita), 21 gol fatti (media 0.88gol/partita) e 32 subiti (media 1.33gol/partita), gli azzurri stazionano al 15° posto e sono impelagati in piena lotta per scansare il play-out. Squadra che non ama giocare in trasferta il Siracusa lontano da casa ha ottenuto solo 2 vittorie (Rieti e Rende) e 2 pareggi (Vibo Valentia e Pagani) accompagnate da 8 sconfitte, il tutto frutto di 9 gol segnati e 18 subiti. Il bomber dei siciliani è Emanuele Catania che più di una volta ha fatto esultare i tifosi del Potenza quando vestiva i colori rossoblu.

La partita di andata finì 0-1 per il Potenza, a timbrare il cartellino fu Peppe Genchi al suo primo gol stagionale. Sono esattamente 10 giornate che l’attaccante barese non segna, e in stagione non è mai riuscito di segnare al Viviani. Chissà che non riesca a sbloccarsi nuovamente proprio contro il Siracusa.

FORZA POTENZA!!!

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Nato a Potenza nel 1992 sono cresciuto in questa città. Essendo sempre stato orgoglioso della mia terra natia, molti dei i miei interessi la riguardano in maniera piuttosto diretta, al tifo per l’Inter ho presto sostituito il tifo per il Potenza Calcio, ad una serata al cinema davanti ad un film straniero ho sempre preferito uno spettacolo in vernacolo potentino, conosco a memoria “Viscledda” e “Lu Braccial” e se mi si chiede cosa voglio mangiare la domenica a pranzo certamente la mia risposta sarà “Strascinati”. Sin da piccolo sono sempre stato appassionato di Storia classica e medievale, e di storie in generale, principalmente mi appassiona la letteratura fantasy, ho letto e riletto più volte la saga di Harry Potter e sono rimasto incantato nel leggere i libri di Tolkien. Da sempre piuttosto negato negli sport, adoro passare serate in sedute di giochi da tavolo e giochi di strategia, in cui il ragionamento conta molto più del valore fisico. A fronte dei miei interessi “umanistici”, ho sempre avuto un buon talento in matematica e con i numeri in generale ho sviluppato un impostazione molto razionale che nel 2017 mi ha condotto al più grande successo, la laurea con lode in ingegneria civile presso l’UNIBAS. Come ogni giovane lucano ho avuto qualche problema ad entrare nel mondo del lavoro, ma oggi collaboro con uno dei migliori studi d’ingegneria potentini, e il futuro… chissà dove mi porterà.

Lascia un Commento