Le peculiarità linguistiche del dialetto di Bella

0

 

1_La lingua di Bella                               

Nella parte nord-occidentale della nostra regione, nel cuore del Marmo Platano Melandro, sorge il comune di Bella, p.d.r. n.24 di A.L.Ba. Il centro dista dal capoluogo di regione, Potenza, 45 km e conta 5815 abitanti. Il toponimo è nominato nel Catalogus Baronum (aa.1150-1165) << in Bella, de Bella>> .  Per quanto riguarda la sua origine , non si rifà al nome di un’antica città Abella (Racioppi 1876, 449), né rimanda ad un’avella “noce” (La Corte 1911, 80) che in latino è avellana/abellana (nux), ma deriva probabilmente dal latino LABĒLLUM “piccolo catino, piccola vasca”. La forma Bella si spiega con una discrezione di la- interpretato come articolo; abbiamo tre varianti dialettali Labbègghië [laˈbːɛgːjə] , Labbèḍḍë [laˈbːɛɖːə] e Labbèggë [laˈbːɛdːʒə]. Anche la variante dialettale,  dovrebbe dipendere da –bella data la presenza di –bb- (se fosse da labella dovremmo avere -v- invece di –bb-) con successiva concrezione di la-; oppure è stata influenzata dalla forma dotta Bella. Il nome degli abitanti è labbëḍḍisë [lab:əˈɖ:isə].

La parlata di Bella presenta un suono caratteristico –몠[-əª] . Alcuni esempi sono:

mamm몠[ mam:əª] “mia mamma”

më ssòr몠 [mə sːɔrəª] “mia sorella”

a varv몠[a varvəª]“il mento”.

Per quanto riguarda il consonantismo, già a partire dal toponimo, si evidenzia un elemento interessante nella lingua di Bella: l’evoluzione della laterale doppia latina –LL- in occlusiva retroflessa sonora -ḍḍ- [ɖɖ]. Questo fenomeno è evidente anche in altre parole come ad esempio:

pèḍḍë [ˈpɛɖ:ə] “pelle”

spaḍḍë [ˈspaɖ:ə] “spalla”

capiḍḍë [kaˈpiɖ:ə] “capelli”

cuóḍḍë [kwoɖːə] “collo”

Il dialetto di Bella presenta anche un altro fenomeno che riguarda il consonantismo: il rotacismo ossia il mutamento dell’occlusiva dentale sonora (-)D- iniziale di parola o intervocalica latina in vibrante alveolare (-)r-. Alcuni esempi sono:

rèndë [ˈrɛndə] “dente”

rištë [ˈriʃtə] “dito”

riécë [ˈrjeʧə] “dieci”

trirëcë [ˈtrirəʧə] “tredici”.

Rimanendo sempre nell’ambito del consonantismo possiamo evidenziare l’evoluzione della sequenza latina G+E,I che a Bella da esito š- [ʃ-] quindi abbiamo ad esempio :

šiénërë [ˈʃjenërë] “genero”

šënnarë [ʃəˈnːarə] “gennaio”

Quindi il dialetto in questione rientra nella parte più coesa ed estesa della regione che presenta l’esito G+E,I > š- [ʃ-], in contrapposizione all’area meridionale nella quale si rileva l’esito i- [j-] e all’area dei comuni gallo-italici che presentano esito g- [ʤ-].

La G(-) latina in principio di parola evolve in (g)- /ɣ/-, che corrisponde ad una pronuncia indebolita della consonante etimologica, come mostrano ad esempio :

(g)alë [ˈɣalə] “sbadigli”

(g)uvëtë [ˈɣuvətə] “gomito”

Come per la maggior parte dei dialetti della Basilicata, anche l’idioma bellese presenta il fenomeno del betacismo ossia l’evoluzione di –B- -[b]- del latino a –v- -[v]- ad esempio:

vócchë [ˈvok:ə] “bocca”

vasë [ˈvasə] “bacio”

A Bella si registra, inoltre, in maniera categorica l’evoluzione di (-)s- in (-)š- [(-)ʃ-] prima della consonante occlusiva velare sorda (-)c- [(-)k-]. Sono state ad esempio registrate le forme:

mašchë [ˈmaʃkə] “serratura”

šcuagnèḍḍë [ʃkwaˈɲːɛɖːə] “piccola panca”

šcuagnë [ˈʃkwaɲːə] “sgabello a tre piedi”

šcummarólë [ʃkumːaˈrolə] “schiumarola”

La palatalizzazione di (-)s- è assente invece quando essa è seguita da occlusiva bilabiale sorda (-)p-.

Abbiamo ad esempio:

 sputë [ˈsputə] “tu sputi” e non  šputë [ˈʃputə] come si registra altrove.

Anche il dialetto di Bella presenta la metafonia che è un fenomeno che interessa le vocali medie alte e basse /e/, /ɛ/ ed /o/, /ɔ/ che, influenzate dalla  /i/ e dalla /u/ in posizione finale subiscono un mutamento.

Ciò permette di distinguere il maschile dal femminile:

zuóppë [ˈʦwopːə] “zoppo” / zòppə [ˈʦɔpːə] “zoppa”

sicchë [ˈsikːə] “magro” / sécchë [ˈsekːə] “magra”

pëccëninnë [pətːʃəˈninːə] “piccolo d’età” / pëccënénnë [pətːʃəˈnenːə] “piccola d’età”.

Il singolare dal plurale:

pèrə [ˈpɛrə] “piede” / piérə [ˈpjerə] “piedi”

uagliónë [waˈʎːonə] “ragazzo” / uagliunë [waˈʎːunə] “ragazzi”

òmmënë [ˈɔmːənə] “uomo”/ uómmënë [ˈwomːənə] “uomini”.

La metafonia, inoltre, marca la distinzione tra II e III persona singolare nei verbi:

zuppëcuišë [ʦupːəˈkwiʃə] “tu zoppichi”/ zuppëcuéšë [ʦupːəˈkweʃə] “lui zoppica”

Altra caratteristica del bellese è l’anteposizione del possessivo con i nomi di parentela ossia l’aggettivo possessivo è posto prima del nome di parentela:

më ffratë [mə ˈf:ratə] “mio fratello”

më ssòrë [mə ˈs:ɔrə] “mia sorella”

ta ffratë [ta ˈf:ratə]“tuo fratello”

më figlië [mə ˈfiʎːə] “mio figlio”

Bella, come del resto tutti i 131 comuni della Basilicata, ci offre un patrimonio linguistico ricco e affascinante che rende la Basilicata una miniera linguistica a cielo aperto.

 

2_Uno sguardo all’A.L.Ba. (carta 1 ‘mio padre’ vol.1)

La ricchezza linguistica della Basilicata non smette mai di meravigliare. Che l’orecchio dell’ascoltatore si rivolga all’aspetto fonetico, dei suoni, oppure a quello morfologico, della grammatica, o ancora a quello lessicale, delle parole, affiora sempre qualcosa di unico e sorprendente che evoca squarci di vita quotidiana, della cultura lucana che è autentica e inconfondibile.

La carta ‘mio padre’, contenuta nel primo volume dell’Atlante Linguistico della Basilicata è esemplificativa di questa bellezza, grande, ma allo stesso tempo umile e semplice, rappresentata dalla Basilicata linguistica.

La carta dell’Atlante illustra la distribuzione dei tipi lessicali del sintagma ‘mio padre’: [ˈtatə] ‘tatë’, [mi ˈsirə]‘mi sirë’, [aˈt:anəmə] ‘attanëmë’, [ˈpatrəmə] ‘patrëmë’. Ogni variante rappresenta un panorama culturale proprio, perché la presenza dell’aggettivo possessivo prima del nome di parentela caratterizza i dialetti galloitalici ([mi ˈsirə]‘mi sirë’), rispetto ai dialetti meridionali (tranne quelli siciliani) che lo pospongono ([aˈt:anəmə] ‘attanëmë’), ma anche quelli sicilianizzati dell’area meridionale lucana alcuni dei quali adottano  [ˈpatrəmə] ‘patrëmë’ che è un lessema tipico dei dialetti siciliani.

Il dialetto di Bella presenta la voce [tat:] ‘tatt’, senza alcuna forma di aggettivo possessivo (né preposto, né posposto, né univerbato). Questo tipo lessicale racconta una storia culturale particolare, perché mostra tutto l’apporto affettivo che la parola padre ha in riferimento alla prima persona singolare. Diversamente da ‘tuo padre’, che nel dialetto di Bella è [ta ˈs:irə]‘ta ssirë’, ‘mio padre’ come ‘mia madre’ [ˈmam: əª] ‘mamm몒, sono espressi senza l’aggettivo possessivo mio/mia. Infatti il termine indica il padre o la madre per eccellenza, il mio, la mia, e quindi non ha bisogno di altro elemento linguistico, e tale scelta è espressione del valore affettivo che i propri genitori hanno per i loro figli .

 

3_SAN GIUSEPPE A BELLA

U rëciòttë rë marzë [u rə’tʃɔt:ə rə ‘martsə]‘il diciotto di marzo’ è una data significativa e rappresentativa per Labbèggë [la’b:ɛd:ʒə] ‘Bella’. In questo giorno ricadono, infatti, i festeggiamenti in onore di San Gësèppë [san  dʒə’sɛp:ə] ‘San Giuseppe’,  prutëttórë  ru paisë [prutə’t:orə ru pa’isə] ‘protettore del paese’. L’intera cittadinanza è coinvolta nell’allestimento del caratteristico fuóchë rë San Gësèppë [‘fwokə rə san dʒə’sɛp:ə] ‘falò di San Giuseppe’. Una volta la tradizione dell’allestimento del falò era vissuta come una rivalità tra i diversi quartieri del paese che partecipavano a una vera e propria gara a chi riusciva a preparare ru ffuóchë cchiù bbèllë [ru  ‘f:wokə  kkju  ‘b:ɛl:ə]‘il fuoco più bello’. Nella sera del 18 marzo, dunque, i falò di San Giuseppe erano accesi in tutti i quartieri più importanti di Bella: ru bburghë [ru ‘b:urgə]‘il borgo’, mbiérë a Chiésë [‘m_bjerə a ‘kjesə] ‘sotto la Chiesa’, sópë a Marònnë  [‘sopə a ma’rɔn:ə] ‘sopra la Madonna’ (sopra la Chiesa), a fërèstë [a fə’rɛstə]‘il bosco’ (quartiere originariamente rurale, oggi urbano), u mërcatë [u mər’katə]‘il mercato’ (quartiere dove si svolge il mercatino), u chiaggë [u ‘kjad:ʒə]‘piano del castello’. Oggi non c’è più la competizione tra i quartieri, ma la tradizione del falò sopravvive in paese: i uagliunë [i wa’ʎ:unə]‘i ragazzi’ si impegnano nella raccolta dei cëppunë rë lèunë [tʃə’p:unə rə ‘lɛunə] ‘ceppi di legna’ e delle šënèstrë [ʃə’nɛstrə] ‘ginestre’ e li sistemano in modo tale da formare na catasta (g)rannë [na ka’tasta ‘ɣran:ə]‘una catasta grande’ con cui successivamente si prepara un bellissimo falò. U prèutë [‘prɛutə] ‘il prete’, ròppë a méssë [‘rɔp:ə a ‘mes:ə] ‘dopo la messa’, procede con la bbënërëziónë [b:ənərə’dzjonə] ‘benedizione’, successivamente s’appëccë ru ffuóchë [s_a’p:it:ʃə ru ‘f:wokə] ‘si accende il fuoco’. Naturalmente la serata è scandita dai suoni tipici della tradizione: tarandèllë [taran’dɛl:ə] ‘tarantelle’, quatriglië [kwa’triʎ:ə] ‘quadiglie’, e nell’aria si sentono i profumi inebrianti dei prodotti tipici: pastë pu suchë rë sacicchië [‘pastə pu ‘sukə rə sa’tʃik:jə] ‘pasta con il sugo di salsiccia’, fësiḍḍë cu u rafënë [fə’siɖ:ə ku: ‘rafənə] ‘fusilli con il rafano’, accompagnati dall’immancabile bbëcchiérë rë miérë [b:ək:jerə rə ‘mjerə] ‘bicchiere di vino’. Naturalmente si possono degustare anche dolci buonissimi: zzérpëlë rë San Gësèppë [rə ‘t:serpələ  rə  san dʒə’sɛp:ə] ‘le zeppole di San Giuseppe’ e i graffaiuólë [graf:a’jwolə] ‘graffaioli’, dolciume prelibato preparato con pan di Spagna, crema, ricoperto di naspërë [‘naspərə] ‘zucchero’. Questo dolce  in passato era preparato in occasione ru spusalizië [ru spusa’lid:zjə]‘del matrimonio’, mentre oggi viene servito in occasione di tutte le festività più importanti.

La festa di San Giuseppe a Bella, nel corso del tempo, ha saputo cambiare forma adattandosi ai mutamenti della società, consolidandosi come un grande evento, significativo e rappresentativo per l’intera comunità.

 

4_ADL Bella

ADL_BELLA

 

Curatori:

La lingua di Bella: Teresa Graziano

Uno sguardo all’A.L.Ba.: Anna Maria Tesoro

San Giuseppe a Bella: Giovanna Memoli e Potito Paccione

L’ADL di Bella: Irene Panella

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento