ECCO IL GRAGNANO, PROSSIMO AVVERSARIO DEL POTENZA

0

   di  Vittorio Basentini

 

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Città di Gragnano, più comunemente conosciuta come Gragnano, è la principale società calcistica di Gragnano, nella Città metropolitana di Napoli, in Campania.

La Città di Gragnano è famosa per la produzione della pasta.

La produzione della pasta a Gragnano risale alla fine del XVI secolo quando comparirono i primi pastifici a conduzione familiare. Fino al XVII secolo era un alimento poco diffuso ma, a seguito della carestia che colpì il Regno di Napoli, divenne un alimento fondamentale grazie alle sue qualità nutritive e per l’invenzione che consentiva di produrre pasta, detta oro bianco, a basso costo pressando l’impasto attraverso le trafile. I terreni ideali per consentire la produzione furono Gragnano e Napoli, grazie ai loro microclima composti da vento, sole e giusta umidità. Proprio gli abitanti del Regno di Napoli furono i primi a dare delle svolte importanti alla produzione di pasta e nel 1861 all’apice della produzione della pasta c’erano gli stabilimenti di Gragnano. I gragnanesi, in quel periodo, furono i maggiori produttori di pasta nel mondo in particolare nella vendita dei maccheroni. Grazie alla sua leggendaria tradizione, Gragnano divenne la patria della pasta celebrata da scrittori, storici e poeti.

Tornando al calcio I colori sociali del Gragnano club sono il blu ed il giallo ed il simbolo è un leone ruggente.

Nell’estate 2015 il Gragnano Calcio F.C. cambia denominazione sociale per la nuova stagione in serie D, nasce così: A.S.D. Città di Gragnano.

Main Sponsor ufficiale diventa il Pastificio Lucio Garofalo, già impegnato nella sponsorizzazione milionaria col Calcio Napoli, mentre sponsor tecnico è la Givova.

La Città di Gragnano, calcisticamente parlando, ha sentito da sempre l’influenza del blasone della Juve Stabia, squadra della vicina Castellammare di Stabia avente gli stesi colori sociali, ossia il blu ed il giallo.

Il presidente onorario del Gragnano è Vincenzo Martone, insieme ad altri soci.

Il tifo Gragnanese sempre presente e appassionato si identifica in vari gruppi che ricalcano i vari rioni cittadini. Il gruppo storicamente più vecchio è la BRIGATA CONCERIA 1990 di Piazza Aubry comunemente chiamata dai Gragnanesi piazza Conceria, poi troviamo il R.M.G.’03 (Rione Mandrio Group ’03) zona via Mandrio e piazza San Leone.

Negli ultimi anni sono nati altri gruppi tra cui TEMPI DURI della zona bassa Trivione e palazzine Sigliano, ed ultimissimo gruppo nato ESTREMO SOSTEGNO E.S.

Spesso i vari gruppi si riuniscono sotto un unico gruppo denominato “ULTRAS GRAGNANO” nelle gare in casa e “GRAGNANESI” in trasferta.

Malgrado in passato il tifo si sia macchiato in Eccellenza Campana di episodi finiti sotto l’occhio dell’osservatorio, attualmente il tifo gragnanese non è stato protagonista di episodi di violenza mostrandosi, al contrario, molto corretto e sportivo verso altrui tifoserie che dimostrano di meritare il loro rispetto.

Il Gragnano, prossimo avversario del Potenza, attualmente è posizionato all’undicesimo posto in classifica con 20 punti in diciotto partite; l’obiettivo è la permanenza in serie D e la valorizzazione degli under per il loro lancio in categorie superiori con un buon indennizzo alla società.

In tutto i campani vantano 17 gol segnati (media +0.94gol/partita) e 23 subiti (media -1.28gol/partita).

Tra le mura amiche hanno realizzato 9 punti frutto di 3 vittorie (Francavilla, Molfetta e Turris) e 5 sconfitte (Altamura, Cerignola, Pomigliano, Gravina e Frattese), non hanno mai pareggiato.

In termini di gol, il bottino casalingo è di 9 gol segnati e 12 subiti.

Il Gragnano calcio è una squadra giovane, età media 21 anni.

E’ sicuramente una squadra di categoria, la statistica parla di una squadra alquanto fallosa con 45 ammonizioni e 5 espulsioni in diciotto partite disputate.

Il reparto dell’attacco risulta nella media delle formazioni di categoria con 17 reti segnate, delle quali quasi la metà segnate dall’attaccante Ghassamà con 8 reti realizzate; la difesa ha subito 23 reti,la media inglese riporta -14 in virtù di 8 sconfitte, 5 pareggi e 5 vittorie.

Il match di andata al Viviani terminò con la vittoria del Potenza per 2-0, grazie alle reti realizzate da Pepe e Coccia che segnarono nella fase finale della partita.

Partita al Viviani caratterizzata da una pioggia di ammonizioni per il Gragnano, oltre all’espulsione del n.15 Chiariello, reo di aver atterrato come ultimo uomo l’attaccante potentino Siclari.

In tale gara la formazione del Potenza si è rivelata superiore al Gragnano sia tecnicamente che tatticamente, con impostazione di gioco rivolta direttamente alla fase offensiva, con cinque occasioni da gol non sfruttate nel primo tempo ( la più eclatante al 14’ con Di Senso e pronta ribattuta in uscita del portiere ospite ed al 44’ con diagonale di Esposito e nuova ribattuta del portiere Cioce) ed altre cinque occasioni da gol nel secondo tempo, oltre al palo colpito da Siclari al 52’ ed al gran tiro di Pepe al 75’ con audace parata in tuffo sempre del portiere gragnanese, in grande evidenzia.

Insomma diciamolo senza peli sulla lingua: se la partita fosse terminata con il punteggio di 12-0 per il Potenza non ci sarebbe stato nulla da dire ed il Gragnano deve ringraziare il suo portiere classe ’99 Cioce che ha parato di tutto e di più.

Conosciamo meglio il capocannoniere della squadra: Mohammed Ghassama.

Il miglior marcatore dei giallo-blu è Ghassama, giovane under, classe ‘99,nativo della Guinea, il quale si è particolarmente messo in luce in questa prima parte della stagione realizzando 8 reti.

Sul giocatore straniero, si è appreso da radio mercato, che attualmente vige una forte una concorrenza di altre società, anche di serie superiore; stando alle voci il giocatore è stato un obbiettivo di mercato del Potenza.

Goleador U22 del campionato di serie D, Classe 1999, (18) è arrivato in Italia a febbraio dello scorso anno dalla Guinea: richiedente asilo, è stato inserito nel complesso di una casa famiglia nel napoletano.

D’estate è stato scoperto durante un torneo di calcio amatoriale dall’allenatore Rosario Campana, quasi un padre adottivo, che lo ha voluto a Gragnano.

Ragazzo timido, Ghassama parla solo francese, ma in squadra si è già conquistato la stima e l’affetto di tutti.

L’iter per il tesseramento si è completato soltanto alla vigilia della gara tra l’ASD Città di Gragnano e l’Aversa Normanna. Ghassama è entrato all’11’ della ripresa ed ha impiegato solo diciotto minuti per timbrare la prima rete in carriera.

Diventato un titolare inamovibile della formazione gialloblù, Mohammed è entrato nel tabellino dei marcatori in tutte e quattro le successive gare.

Attualmente sono otto le reti in quattordici presenze.

Trequartista classico, nel 4-3-3 di Rosario Campana, Ghassama è stato utilizzato inizialmente come punta centrale, anche se nelle  gare contro Turris e Manfredonia è stato schierato come centrocampista. Brevilineo, fisico compatto e baricentro basso Ghassama è un giocatore completo. Dribbling, forza fisica, velocità, resistenza i suoi punti forti, anche se a Mohammed non manca la tecnica e l’intelligenza tattica. Un piccolo Sadio Manè della serie D.

Nella Coppa Italia di questa stagione il Gragnano ha eliminato la Turris e il Cerignola, squadre di buona levatura in questo campionato.

Domenica scorsa il Gragnano ha ottenuto un buon pareggio ad Altamura in virtù di una pregevole prestazione.

La rosa dei calciatori del Gragnano, sotto la guida dell’allenatore Campana, è composta da giovani elementi di buon talento nati fra il 1996 ed il 2001; tra i calciatori piu’ esperti ricordiamo il difensore Baratto ,classe ’85, ed il centrocampista Martone, classe ’83.

A Gragnano sarà una bella sfida e tutta da seguire.

Il Potenza dovrà vincere per rimanere saldamente in testa alla classifica ed anche perché sotto il livello tecnico la squadra rossoblu è nettamente superiore.

FORZA POTENZA!

Share.

Sull'Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento