I cittadini di Rossellino discutono col Sindaco di problemi mai risolti

0

  Giovanni Benedetto

Contrada Rossellino si trova nella periferia di Potenza, occupa una vasta area che comprende tutta la mezza costa che va dal centro sportivo coperto “Palarossellino” al campo di calcio della Figc fino alla contrada che si sviluppa intorno alla parrocchia del centro abitato, nella parte alta di via Sandro Pertini, dove è situata anche una scuola materna ed una elementare.

È separata dalla città dalla Basentana, mentre la parte alta è attraversata dalla strada statale 92 di Rifreddo e confina con i comuni di Pignola e Abriola.
Nonostante sia confinante con la periferia di Potenza non è una contrada molto conosciuta dai potentini perché non si trova su un’arteria di collegamento e quindi un quartiere utilizzato solo dai residenti.
Conta all’incirca mille abitanti, molti concentrati intorno alla parrocchia.
La contrada ha incominciato a popolarsi intorno agli anni 60 e 70, solo dopo il 90, in concomitanza con la nascita della parrocchia, nel 94, e della crisi edilizia, hanno costruito anche palazzine multifamiliari incrementando notevolmente la popolazione.

Come spesso capita, in una città nella quale le regole e gli strumenti urbanistici vengono “interpretati” ci sono abitazioni ma non i servizi connessi alla vita di una comunità: addirittura in via Poggio Cavallo, non passa nemmeno la rete fognaria, il gas metano non arriva dappertutto, manca perfino una tettoia all’unica fermata dell’autobus urbano.

Una Comunità che attende da anni la realizzazione di interventi di riqualificazione, ammodernamento e miglioramento che non sono mai stati realizzati.

Le più penalizzate sono le aree sparse che fanno capo a Poggio Cavallo, Ciciniello e Pian Cardillo.

Descrivere tutta l’area è  impossibile, perché molto vasta, ci soffermiamo a trattare i problemi della comunità  più  numerosa che vive intorno alla chiesa della Santa Famiglia di Nazareth.
I cittadini della zona non si disperano, perché, prima aderendo ai vecchi comitati di quartiere, adesso riunendosi in proprio, trovano sempre il modo civile per fare sentire la loro voce all’amministrazione di turno.
E così, il portavoce della contrada, Marco Tavassi, si è fatto carico di convocare un’assemblea pubblica alla presenza del sindaco Mario Guarente e del consigliere di maggioranza Antonio Di Giuseppe, in un locale della stessa contrada.

Si è parlato della questione del verde pubblico, con la necessità di una manutenzione che vada oltre gli interventi straordinari e il sindaco ha fatto presente che si sta intervenendo, che a breve partirà anche il taglio degli alberi e che è in programma un progetto che prevede la messa in servizio di giardinieri della città che si occupino della manutenzione del verde. Altri temi affrontati la raccolta dei rifiuti e lo scempio del parco Rossellino, pieno di sporcizie e cartacce,  le strutture fatiscenti in area consortile dell’ASI, e la m,ancanda di barriere stradali in via Saragat e in via Gronchi. Quanto al problema delle buche che riguarda un pò tutta la città, il Sindaco ha annunciato l’acquisto di un nuovo mezzo da 200000 euro in grado di attuare una nuova modalità per l’otturazione delle buche stradali: riutilizza lo stesso asfalto ne aggiunge del nuovo, se occorre, e sigilla i contorni della pezza da qualsiasi infiltrazione di acqua o formazione di ghiaccio.
A breve l’ASI, il consorzio industriale di Potenza, cederà al comune tutte le aree di sua competenza e che insistono sul suolo comunale.

Ciò consentirà all’amministrazione comunale di riqualificare e restituire alla città molte aree ed alcuni servizi importanti: verrà realizzata una stazione di compostaggio in zona San Luca Branca per conferire l’umido della città di Potenza e di tutti i comuni limitrofi per risparmiare le 180 euro a tonnellate che attualmente  il comune di Potenza paga per trasportare i rifiuti a Padova.
Sono previste altri due centri di raccolta rifiuti.
In materia di trasporto urbano nella prossima convenzione con l’azienda appaltatrice la società si caricherà di altri 400 mila kilometri per servire meglio la rete urbana.
Anche per gli amanti informatici ci sarà una novità a breve, ogni cittadino potrà scaricare un’applicazione del comune di Potenza, con cui invierà in automatico agli uffici competenti comunali segnalazioni varie di tipo testuali e/o fotografiche.
Se il sindaco adotterà la stessa formula sperimentata a Rossellino, potrà avere sotto gli occhi un album fotografico, senza filtri,  di tutto quello che i cittadini notano , a testimonianza della loro volontà di collaborare con l’Amministrazione per il miglioramento della vita in questa città.

mappa aerea di  Rossellino

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Ho scritto articoli diffusi dai quotidiani la nuova e il quotidiano, inerenti la storia della ricezione dei segnali televisivi in Basilicata dal 1954 ad oggi e la storia della sede Rai di Basilicata nata nel 1959. Collaboro col periodico di attualità e cultura, " il messo" con sede redazionale ad Albano di Lucania e diretto da Gianni Molinari Scrivo sul periodico " Armonia" edito dall'associazione Rai Senior, un bimestrale nazionale destinato a tutti i dipendenti della Rai.

Lascia un Commento