IL CENTRO DI PALAZZO VA CHIUSO, SI RISTRUTTURI IL TABACCHIFICIO

0
pietro simonetti – ceres

Alcuni adesso si stupiscono della gestione del centro di rimpatrio di Palazzo e degli esiti negativi  prodotti da privati in una struttura carente di tutto  che non doveva essere realizzata.

Aperta in fretta e furia, anche per responsabilità’ di un dirigente della Regione venuto meno al mandato del coordinamento migranti e dello stesso Presidente della Regione, per fronteggiare l’industria della paura, ha solo importato da altri territori persone da rimpatriare e non sempre come dimostrano i rilasci all’alba di migranti che solo per l’impegno della Caritas locale trovano un letto e assaporano una minestra.

Il centro non doveva aprire! E’ stato possibile per la rinuncia della Amministrazione locale del tempo alla gestione dell’area prima destinata a sito di accoglienza per gli stagionali. Opportunita’ colta  al volo dal Ministero dell’interno per allocarci prima un Cie e poi un Cpr, spesa oltre 5,5 milioni (+l’ultima previsione di 2,5 milioni per adeguamenti). Gli esiti gestionali, affidati a privati con relative assunzioni che hanno determinato modifiche  e liti nella giunta comunale, non potevano che essere quelli descritti nelle inchieste in corso.
Si tratta adesso di lavorare per chiudere il centro e risparmiare le risorse dell’ultimo bando. Tocca interessare il Ministro Lamorgese e nel contempo dare risposte alle vere necessita’ del Bradano e del Metapontino:ristrutturare l’ex Tabacchificio. Ci sono, disponibili, le risorse, completare il centro di Scanzano e in sede transitoria fare il bando per i 150 posti previsti nel progetto Supreme ed altri. Finalmente la Regione si e’ dotata dell’assistenza tecnica necessaria per utilizzare le risorse pari a circa 16 milioni. (creati cinque posti di lavoro)
 Non ci sono piu scuse. Chiudere Il Cpr di Palazzo, che tra l’altro sottrae le forze di Polizia a  compiti di istituto e includere persone di cui il sistema produttivo e quello scolastico hanno bisogno. 
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento