IL PICERNO PUNTA AL BIS

0

ROCCO SABATELLA

 

Sognare non costa niente. Il Picerno, dopo aver fermato, grazie anche alle strepitose parate del suo portiere Albertazzi, il Catanzaro, questa sera, inizio alle 20. 30 al Viviani, vuole tentare la stessa impresa contro un’altra grande del girone C. Il Bari ritorna a Potenza a distanza di due settimane dalla gara con la formazione di Gallo con il morale nettamente più alto dopo la larga vittoria con il Monterosi e soprattutto con un organico finalmente completato e rinforzato dagli acquisti effettuati nell’ultimo giorno di mercato. Il che ha dato maggiore entusiasmo all’allenatore Mignani e ha conferito maggiore competitività alla squadra che non vuole fallire, per il terzo anno consecutivo, la promozione in serie B.  L’ innesto dei nuovi Terranova, De Gennaro, Mallamo, Paponi, Gigliotti ha aumentato le possibilità per il tecnico barese di avere tante alternative, e che alternative, necessarie per un torneo così lungo e difficile. Anche i tifosi che erano scettici sulle chances della loro squadra, con la contestazione alla dirigenza, nella settimana precedente la prima di campionato giocata poi contro il Potenza, si sono ricreduti dopo il mercato e non hanno fatto mancare il loro supporto nel corso della partita con il Monterosi. E che probabilmente pensano che questa può essere la stagione del riscatto per tutta una serie di motivi. Per la legge dei grandi numeri che dicono che prima o poi arriverà il momento del Bari di condurre un campionato scevro dalla discontinuità di rendimento che ha caratterizzato i due precedenti tornei, in particolare quello 2020/2021.  Anche il lavoro del nuovo direttore sportivo Polito che ha scelto Mignani come tecnico e che gli ha messo a disposizione i giocatori utili alla sua filosofia calcistica dopo essere riuscito ad alleggerire il monte ingaggi con la cessione di molti elementi con stipendi altissimi e poca fame, sembra andare nella direzione giusta e sembra riscuotere il favore dei tifosi. Tutto ciò fa pensare che per il Picerno ci sia poco da fare stasera per cercare il bis dell’impresa compiuta contro il Catanzaro. Ma Palo, che ha apprezzato molto il rendimento dei suoi ragazzi sette giorni fa, non vuole partire battuto e lo ha fatto presente alla squadra invitandola a fare una gara come quella offerta contro il Catanzaro. Con grande determinazione, commettendo pochissimi errori e facendo quasi alla perfezione quanto preparato nel corso degli allenamenti per cercare di sterilizzare il gioco dei baresi. “Sappiamo di dover affrontare una squadra blasonata, costruita per vincere, con calciatori di categoria superiore. Il Bari è sempre difficile da affrontare ma per noi deve essere un vanto misurarci con un simile avversario, anche se dobbiamo fare la nostra partita e dare tutto” è il messaggio di Antonio Palo che ritorna in panchina dopo aver scontato la squalifica e che aggiunge: ”Bisogna tirare fuori gli artigli, ogni partita per noi deve essere come una finale. Conosciamo il loro valore e quindi andare in campo con uno spirito guerriero, aggressivi, attenti.  Solo cosi possiamo portare punti in cascina. Stiamo recuperando il gap iniziale e dobbiamo proseguire su questa strada con determinazione e compattezza. Dobbiamo rendere la vita difficile a tutti per fare punti a tutti i costi. Ci proveremo con il Bari mettendo in campo la solita voglia e cattiveria”. Non siamo lontani dalla realtà se anticipiamo quello che può essere lo svolgimento della partita: Bari subito padrone della situazione e proiettato in avanti per cercare di scardinare il sistema difensivo del Picerno che verosimilmente sarà costretto ad agire in ripartenza per creare qualche opportunità in attacco. E su questo aspetto ha lavorato molto Antonio Palo che è rimasto molto soddisfatto e contento della prova difensiva offerta con il Catanzaro, ma vuole un miglioramento della produttiva offensiva. Perché non sempre ti può andare bene, in termini di risultato, se fai solo un tiro in porta in 90 minuti. Bisogna lavorare duro per abituare anche mentalmente la squadra a non subire solo il gioco degli avversari ma a rendersi propositiva e in grado di creare un accettabile gioco offensivo. Oggi ci sarà l’atteso ritorno in campo di Dettori dopo la squalifica. L’ex del Potenza agirà in mezzo al campo con Pitarresi e il giovane Viviani oppure D’Angelo. In difesa confermati, dopo la grande prova offerta contro il Catanzaro, Vanacore, De Franco, Ferrani e Setola. In attacco spazio a Esposito, staffetta tra Reginaldo e Gerardi e conferma per Vivacqua. Questi, insieme a Terranova e Coratella e fono a gennaio dovranno reggere il peso offensivo del Picerno che non potrà contare per lungo tempo sul bomber Albadoro che è stato operato a Roma per ricostruire il crociato. Arbitrerà questa sera il signor Kumara di Verona.     

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Rispondi