POTENZA, OBIETTIVO RISCATTO A CATANZARO

0

 

ROCCO SABATELLA

L’imperativo categorico del Potenza  nella seconda gara esterna consecutiva sul campo del Catanzaro, oggi con inizio alle ore 17,30, è quello dell’immediato riscatto dopo la pesante scoppola, soprattutto nel punteggio, rimediata contro il Foggia. Un altro passo falso non è assolutamente contemplato nel clan rossoblù anche se nessuno può nascondere le insidie che questa gara con i giallorossi calabresi presenterà. Si può dire, con le dovute differenze ovviamente, che anche il Catanzaro è nelle stesse condizioni del Potenza. Nel senso che gli uomini del tecnico Calabro vogliono tornare al successo dopo l’indigesto pareggio ottenuto sette giorni fa contro il Picerno. Gara dalla quale i calabresi non facevano mistero di aspettarsi i tre punti considerato il divario tecnico tra le due compagini. Per il Potenza è stata una settimana caratterizzata alla ripresa da una attenta analisi dei 90 minuti giocati a Foggia per capire e individuare le cose che non erano andate per il verso giusto in Puglia e poi da un impegnativo lavoro sul campo per essere pronti a sfidare una delle favorite per la vittoria finale. Tutti, giocatori e anche lo stesso tecnico Gallo, hanno dovuto ripensare agli errori commessi allo Zaccheria in modo da evitare di commetterli nelle prossime partite, a cominciare da quella di oggi. E’ scontato che il pronostico è tutto dalla parte del Catanzaro,  indipendentemente da quello che può essere la condizione psicologica dei rossoblù susseguente alla prima sconfitta stagionale. E’ inutile stare a ripetere i giudizi, estremamente positivi, sulla formazione calabrese che già abbiamo espresso in fase di presentazione della gara di sette giorni fa contro il Picerno. Piuttosto ci dobbiamo occupare soprattutto dei rimedi che Gallo intende apportare alla formazione per riuscire a contrastare nel migliore dei modi la corazzata allenata da Calabro. Sia per quanto riguarda il sistema tattico da adottare che la scelta degli interpreti rispetto a Foggia. A fidarsi di quelle che sono state le prove nel corso degli allenamenti, si sarebbe potuto  pensare che oggi Gallo potesse  ritornare al suo modulo preferito che è il 4/2/3/1 o anche il 4/3/1/2. Ma ieri in conferenza stampa Gallo, ad una nostra precisa domanda, ha detto che contro i calabresi il Potenza giocherà con il 3/5/2. Senza svelare quali saranno gli interpreti di questo sistema tattico. Noi possiamo solo dire che  Coccia, Gigli, Cargnelutti, Ricci, Zenuni, Salvemini, Romero sono i sicuri del posto in squadra. La grossa novità di oggi potrebbe essere rappresentata dall’esordio in porta del giovane Greco al posto di Marcone. Questo per salvaguardare la presenza dei tre under in campo dall’inizio. Non è assolutamente un azzardo far esordire il giovane estremo difensore ex Roma per il semplice motivo che Greco la serie C la conosce molto bene per aver giocato oltre 30 gare nella Pro Patria. Poi si tratterà di scegliere un altro difensore che potrebbe essere il giovane Matino con  l’esperto e affidabile Sepe che fungerebbe da quinto a sinistra mentre dall’altro lato agirebbe capitan Coccia, a  centrocampo uno tra Sandri favorito e Zagaria sarà affiancato a Zenuni e Ricci. In attacco confermatissimi Salvemini e Romero.  Ad ogni modo, per conoscere la formazione che scenderà in campo, bisognerà aspettare il momento in cui Gallo consegnerà la distinta all’arbitro Di Marco di Ciampino rendendo cosi ufficiali le sue scelte. Il copione dell’atteggiamento in campo non muterà nel senso che il Potenza vorrà essere sempre propositivo e non abbandonare mai l’idea di puntare al risultato come era successo anche domenica scorsa contro la squadra di Zeman. “ affrontiamo una squadra di notevole spessore e molto compatta con interpreti di qualità elevata in ogni ruolo. Non ci facciamo trarre in inganno dal fatto che sette giorni fa i calabresi sono stati fermati al pareggio dal Picerno nonostante il potenziale offensivo di cui dispongono. Oggi di sicuro sarà un altro Catanzaro.  Per riuscire nell’intento di fare un risultato positivo dobbiamo scendere in campo con grande determinazione, massima attenzione e senza commettere gli errori che ci hanno condannato a Foggia.  Dove la prestazione della squadra è stata complessivamente insufficiente perché ha commesso errori di lettura e di comportamento sin dalle prime battute di gioco che hanno permesso al Foggia di passare in vantaggio. Ma anche quando abbiamo raddrizzato il risultato non siamo stati capaci di fare quello che avevamo preparato in allenamento. Aldilà dei meriti dei pugliesi è innegabile che noi abbiamo reso il loro compito molto agevole. Dobbiamo mettere in campo tutte le nostre qualità e fare tutto quello che serve per puntare a vincere. Non possiamo snaturare la nostra filosofia pensando di andare a fare una gara prettamente difensiva per rendere inoffensivo gli avversari. Un atteggiamento che, a mio giudizio, raramente produce risultati positivi. Quindi gli errori di Foggia ci siano di esempio e in campo subito con l’approccio giusto e diverso da quello di una settimana fa”. In conferenza stampa si è parlato anche delle condizioni fisiche di Costa Ferreira, Banegas, Guaita e Piana. Gallo ha confermato che Guaita e Banegas andranno in panchina, mentre Costa Ferreira ancora non è pronto e quasi sicuramente sarà in campo domenica prossima con il Monterosi. Ancora tempo occorre per il completo recupero di Piana. Lo stesso Gallo ci ha confermato che Mazzeo non era presente alla rifinitura. Segnale che il giocatore è prossimo alla rescissione. Quindi il Potenza tornerà sul mercato per andare a pescare un altro attaccante tra gli svincolati. Sono in corso le valutazioni tra società e allenatore. Sul fronte calabrese Calabro è orientato a confermare la stessa squadra che ha pareggiato con il Picerno. Vasquez ha vinto il ballottaggio con l’ex rossoblù Cianci mentre come quinto a destra Bearzotti è in vantaggio su Rolando.

 

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Rispondi