IL POTENZA ACCIUFFA I 3 PUNTI ALL’ULTIMO ASSALTO

0

rocco sabatella

La famosa zona Cesarini, almeno per quanto riguarda il Potenza, non dovrebbe chiamarsi più con questo nome ma semplicemente zona Potenza. Che negli ultimi minuti di recupero ieri sera ha vinto la terza partita in questo modo. Era già successo con il Teramo e la Vibonese e sarebbe potuto accadere la stessa cosa anche con la Sicula Leonzio. Solo se Emerson avesse messo dentro il calcio di rigore che il Potenza si era procurato. Questo significa che il Potenza ha avuto anche un pizzico di fortuna, ma soprattutto che ha avuto la forza di cercare la rete fino all’ultimo respiro. La vittoria si può senz’altro definire meritata per quello che la squadra di Raffaele aveva prodotto e creato nella prima frazione di gioco. E con altrettanta onestà bisogna dire che al Picerno l’esito della partita lascia molto ma molto amaro in bocca. Perché la formazione di Giacomarro era convinta di essere riuscita a portare a casa un pareggio d’oro. Grazie ad una prestazione di grande attenzione e concentrazione nel secondo tempo nel quale non aveva concesso grosse chances a Murano e compagni. Ma la sfortunata deviazione nella propria rete di Pitarresi, su una punizione dalla sinistra di Emerson al minuto 93, ha fatto svanire il sogno dei melandrini. A fine gara Giacomarro era molto deluso per il pareggio svanito, ma con molta onestà ha detto che la prova dei suoi nel primo tempo non lo aveva per niente soddisfatto perché il Picerno non era stato capace di mettere in pratica quanto preparato in settimana per cercare di far male agli avversari.  Meglio la prestazione della ripresa quando ha difeso meglio, ha chiuso tutti gli spazi, ha concesso poco al Potenza che, per la troppa voglia di strafare, ha giocato in maniera disordinata e confusa senza riuscire ad essere ficcante come era successo nel corso del primo tempo. Le difficoltà incontrate per arrivare nell’area del Picerno attraverso il suo solito gioco ha indotto Raffaele a cambiare modo di attaccare negli ultimi 20 minuti utilizzando il gioco aereo visto che in campo, contemporaneamente, c’erano Vuletich e Franca abili a sfruttare le palle alte. E per la verità la difesa del Picerno si era comportata assai bene, fino alla rete, perché in area sono arrivati tanti cross sui quali hanno sempre avuto la meglio i giocatori del Picerno. Fino alla punizione radente di Emerson sulla quale Pitarresi, nel tentativo di anticipare in particolare Franca, ha trafitto l’incolpevole portiere Pane. Tutto bene quello che finisce bene con il Potenza che conserva il secondo posto, aumenta lo straordinario bottino di punti che può essere ancora migliorato nelle prossime tre gare a Bari, in casa con la Paganese e sul campo della Casertana nell’ultima fatica del 2019 prima della sosta. Ma è innegabile che i rossoblù del capoluogo avrebbero potuto e dovuto sbloccare la partita nel corso del primo tempo quando hanno avuto almeno quattro limpide palle gol. Che sono state sbagliate grossolanamente dai rossoblù. Ha cominciato Murano con una bella conclusione respinta di testa da Caidi, ha proseguito Isgrò che si è presentato solo davanti a Pane e ha messo incredibilmente a lato. Poi è toccato a Murano presentarsi solo davanti all’estremo difensore ospite, su imbeccata di Emerson, ma calciare a lato. Potenza ispirato e padrone del campo ma gli errori di mira continuano con Dettori che manda alta una punizione da posizione favorevole, Murano che a volo  tira troppo centralmente tra le braccia di Pane e poi grazie ad un invenzione di Dettori che mette sulla testa di Viteritti un pallone invitante che l’ex Rende manda alto di testa da buonissima posizione. Un dominio costante dal quale il Picerno si salva solo grazie agli errori di mira del Potenza. La partita cambia nella ripresa in cui il Picerno prende coraggio, avanza il suo raggio di azione e fa funzionare meglio le ripartenze. Tanto è vero che l’ex Bertolo, il migliore in campo del Picerno, si assume il compito di andare a concludere con un tiro violento alto di poco e successivamente è Pitarresi, non sufficiente la sua prova, a impegnare Breza. Poi arrivano i cambi sull’uno e sull’altro fronte con il Potenza che trova difficoltà insormontabili a penetrare nell’area del Picerno. Ma con grande cuore la squadra di Raffaele continua a cercare il gol. Grazie a tanti cross, una serie infinita di punizioni da destra e da sinistra messi a centro area da Emerson senza esito fino a quando i suoi sforzi vengono premiati dall’autorete di Pitarresi. Alla fine tre punti che sono una ulteriore iniezione di fiducia per il Potenza, giunto alla quarta vittoria consecutiva e proiettato, nelle parole di Raffaele,  al tentativo di migliore questo punteggio già adesso eccezionale. Il Picerno ha fatto quello che poteva anche se è stato poco incisivo nel saper ribaltare l’azione con velocità e pericolosità E comunque è andato vicinissimo al pareggio. La gara di ieri conferma comunque che, onde evitare rischi inutili, sarà necessario nel mercato di gennaio un deciso e corposo restling per innalzare il tasso di personalità e di qualità, doti che non abbondano nell’organico di Giacomarro. Adesso si tratta solo di limitare i danni nelle prossime gare molto difficili con il Monopoli al Viviani e in trasferta a Catanzaro.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento