LA MARTELLA-GIOIA DEL COLLE E’ LA SOLA OPZIONE FATTIBILE

0

E’ importante la questione politica che si è aperta in ordine alla prosecuzione della Ferrovia Ferrandina- Matera in direzione Puglia . Ed è encomiabile lo sforzo che quelli  che combattono per questa prosecuzione stanno metetndo per spiegare le ragioni nuove e vecchie che hanno portato all’isolamento della città dei Sassi . Ma perchè questa iniziativa di grande spessore arrivi veramente nella stazione della concretezza e della fattibilità, non bisogna né nascondersi i problemi e le resistenze e né pensare a soluzioni che non tengano conto della realtà secondo cui sul terreno delle infrastrutture gran parte dei giochi sono stati fatti .Questo significa che nelle opzioni principali non ci sarebbe la continuazione da La Martella in direzione nord est, se non quella che la Merra si è lasciata scappare di una infrastruttura leggera che porti a Matera Città e da qui verso l’utilizzazione della tratta a scartamento ridotto tra Matera e Bari. Orbene se la soluzione è anticipare lo scartamento ridotto alla stazione di La Martella, è abbastanza evidente che la resa non vale la spesa, giacchè si tratterebbe solo di  portare quei pochi, pochissimi, passeggeri che da Ferrandina vanno a Matera, o per lavoro o per necessità e difficilmente affronterebbero il viaggio per Bari,con il disagio di cambiare treno e il disservizio di un tragitto che prende due ore rispetto ai 40 minuti di autobus . E quindi ritorna urgente ed attuale il vecchio interrogativo circa il modo di rendere, non diciamo produttiva, ma almeno sostenibile questa linea ferroviaria, mettendola al servizio, oltre che dei passeggeri per Matera anche delle merci del Metapontino, soprattutto di quelle importantissime della frutticoltura e orticoltura del metapontino, la ex California del Sud che dopo un periodo di crisi è tornata a risplendere di vitalità ed energia. Ora per portare avanti una soluzione che sia ad un tempo stesso ragionevole e praticabile, bisogna partire dalla premessa che la linea a scartamento ridotto tra Matera e Bari è già sottoposta ad una grande e importante ristrutturazione funzionale che arriva a portare per molti tratti popolosi , soprattutto nelle vicinanze del capoluogo pugliese, il doppio binario, così da rendere agevole uno sfruttamento della tratta per treni metropolitani  e che le Fal, di fronte a questo investimento già in corso, non hanno la minima intenzione di cedere la tratta o parte di essa alle Ferrovie dello Stato , passando allo scartamento normale.  Anche perchè Matera e la Basilicata costituiscono la parte in rosso del business , un orpello che si mantiene in piedi solo grazie a costi alti pagati dalla Regione Basilicata con i suoi vari investimenti in iniziative che non hanno prodotto funzionalità ma che hanno migliorato la consistenza del patrimonio immobiliare delle FAl. Senza parlare dello sfruttamento di immagine di una Ferrovia che dice di arrivare a Matera ma omette di dire che quelli che ci arrivano sono così pochi da rendere perfino inutile uno addetto al controllo dei biglietti.  Ne consegue che una battaglia in questa direzione è una battaglia persa in partenza. E che invece , pensando a colmare la storica assenza delle ferrovie dello Stato da Matera , è giusto e sacrosanto collegare la Ferrandina Matera a Gioia del Colle dando così sfogo alle merci di utilizzare i servizi ferroviari verso il Nord .  Non è una cosa da fare domani mattina, ma è una cosa da preparare domani mattinae portarla avanti per il tempo che ci vuole perchè è in linea con le ipotesi di sviluppo della zona Zes, con la creazione di una piattaforma logistica a Ferrandina, e con la nuova politica industriale che si intende portare avanti in sintonia con le grandi presenze industriali esistenti.  Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi