LA SCANDALOSA VICENDA DEL SAN CARLO

0

Sull’Ospedale San Carlo le responsabilità della Giunta regionale incominciano ad essere pesanti. A nulla sono valse le segnalazioni di disservizi, a nulla è valsa il deficitario bilancio delle prestazioni non fatte, a nulla il racconto di una azienda in piena confusione pandemica e post pandemica. Adesso un direttore generale che tutti , ma proprio tutti, considerano inadeguato al compito di dirigere un grande ospedale, con presidii territoriali importanti, ha anche l’alibi dalla sua parte, una disposizione della Regione a non muovere niente di importante ( né riorganizzazione né concorsi, né assunzioni) in attesa  di un riassetto delle aziende sanitarie.   Se c’era uno straccio di motivazione per valutare il risultato di una gestione, questo straccio è stato buttato nel bidone, perchè da oggi se non si fa niente, se continua il caos, se l’ospedale sembra la nave di Franceschiello dove chi sta a poppa va a prua e viceversa, basta che si fa ammuina, ufficialmente non è colpa di Barresi. Ora l’opinione pubblica, che pure ha visto tanti di atti di arroganza e di disinteresse per il bene comune, si chiede dove possa arrivare la protezione di un uomo, nonostante la legalità degli atti di nomina siano stati censurati e nonostante il demerito sia stato ampiamente accertato da dati inoppugnabili , come il carico pendente delle prestazioni non eseguite, retaggio di una pandemia vissuta nei reparti con palleggi di responsabilità, draconiana chiusura all’utenza, confusione su chi dovesse fare i tamponi. Dopo il Consiglio di Stato che aveva decretato l’illegittimità di una nomina avvenuta a tempo scaduto, con la conseguente possibile nullità degli atti, adesso si aspetta una pronuncia di quel Tar la cui decisione è stata appunto censurata dal Consiglio di Stato stesso. Nel frattempo ,una Giunta che poteva trarre la motivazione giusta per un provvedimento di revoca, non solo lascia perdere ma addirittura fa spuntare una difesa nella quale compaiono ingiustificati ed inopportuni gradimenti da parte del nuovo Esecutivo, cosa che ha costretto l’assessore Leone a prendere le distanze da questo assist non previsto . Il Presidente Bardi sorvola su tutto questo e non è chi non veda la contraddizione con il suo ruolo di garante della legalità. Fosse stato ancora in servizio avrebbe scritto relazioni di fuoco su questa perdurante illegalità, tale da smuovere i palazzi della giustizia penale e contabile. Da PresIdente, ha un angolo di visuale completamente diverso. R.R.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento