LA SCHLEIN : PRIORITA’ DEVE ESSERE IL CAMPO LARGO. CHIORAZZO E SPERANZA SE NE FACCIANO UNA RAGIONE

0

Da Roma è uscita una indicazione che, per i sofisti della politica, non è un no a Chiorazzo ma la messa al primo posto della costituzione di un campo largo del centrosinistra. Il che, per la gente comune, è esattamente un “ricominciamo daccapo”,scegliendo insieme il candidato che  deve rappresentare la coalizione ma che non può essere Chiorazzo, visto che su di lui il centrosinistra si è impantanato. Errori di chi è voluto scendere in politica pensando di poter agire senza i partiti, errore di alcuni esponenti del Pd che quella soluzione avevano concordato in privato e sostenuto in pubblico, mettendo davanti alle forze politiche una decisione già presa. Ricominciare daccapo ma tenendo conto che il movimento civico di Chiorazzo è una realtà e che non può essere lasciato fuori dalla discussione, perché i suoi voti servono a far vincere il centrosinistra. Chi pensa che questa decisione aiuti a risolvere il problema è un illuso , perché , a parti invertite, siamo tornati al punto di partenza. Tre sono le conseguenze che possono verificarsi: a) scegliere altro candidato del civismo organizzato intorno alla candidatura di Chiorazzo, facendo capire che quel movimento è considerato e apprezzato come un fatto nuovo nel panorama politico regionale b ) mettere in conto che Chiorazzo possa correre in autonomia , candidandosi a raccogliere le forze di centro e portare avanti un percorso che porti nella legislatura a cambiare lo scenario politico regionale c) accettare, da parte di Chiorazzo , la scelta di altro candidato, chiaramente al di sopra delle parti, possibilmente una donna ( qualche nome importante sta uscendo finalmente fuori)  e lavorare per  una lista forte che possa competere come primo  partito in modo da avere un peso decisionale determinante.  Finora l’imprenditorre di Senise ha mostrato i muscoli, lavorando efficacemente per erodere consenso alle altre forze del centrosinistra, come dimostrano i gradimenti a lui rivolti dalla base di alcuni partiti, Azione ef Europa Verde ma anche da buona parte del Pd. Far vincere una lista senza esserne il candidato Presidente  non è certo cosa facile, ma se è vero che molta parte dell’elettorato ha le scatole piene dei partiti locali e dei loro dirigenti, la sfida può essere colta anche nelle urne. Rocco Rosa  

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi