LA SVOLTA DI RETE FERROVIARIA: CRISTO SI MUOVE DA EBOLI

0

ROCCO ROSA

Quello che i più hanno battezzato come il nuovo piano Marshall si è ricordato di far scendere Cristo sotto Eboli, almeno dal punto di vista infrastrutturale. Dove prima c’erano strade ferrate limitate e poco funzionali, adesso arriva l’alta velocità sia tagliando a metà in senso orizzontale la basilicata, sia collegandone l’estrema periferia Sud alla nuova dorsale tirrenica dell’alta velocità. E qui finalmente un calcolo di convenienza, raro in un Italia dove le opere più costose sono e meglio è per chi le fa, si sta decidendo di riutilizzare un tracciato ferroviario dismesso e cioè la Sicignano Lagonegro, che passa lungo il vallo di Diano , arriva a Lagonegro e da qui scende verso Praia a mare. Un tracciato più corto e soprattutto più funzionale, dal momento che bypassa il problema del raddoppio delle gallerie nella zona del Cilento e dell’allargamento di quelle esistenti, cosa che creerebbe problemi ambientali , un dispendio di denaro maggiore e tempi più lunghi.  Il sogno di quelli che ambivano a riattivare l’antico tracciato per un treno turistico, si arricchisce di modernità e funzionalità, con una tratta interamente rifatta e un allacciamento verso il mare interamente nuovo. A rendere concreta questa scelta di impostazione progettuale che punta sulla velocizzazione del primo lotto della Salerno Reggio Calabria, tra Battipaglia e Praia, la notizia che  Italferr, per conto di RFI, sta per avviare, tra fine la fine del mese di aprile a tutto agosto-,le indagini geologiche preliminari. La società ha comunicato a diversi sindaci del Salernitano che  saranno poste in essere indagini geognostiche, rilievi, censimento e monitoraggio punti d’acqua, prospezioni geofisiche e studi geologici. Tali attività saranno effettuate nei territori comunali di Buccino, Sicignano degli Alburni, Contursi Terme, Campagna, Eboli, Battipaglia, Casaletto Spartano, Polla, Sala Consilina, Caggiano, Montesano sulla Marcellana, Padula, Casalbuono, Auletta, Atena Lucana, Trecchina, Maratea, Rivello, Lagonegro, Tortora e Praia a Mare. La scelta di questo nuovo tracciato favorisce anche una diversa opzione per i progettisti che sono impegnati nella velocizzazione della Taranto-Potenza-Battipaglia , ed è quella di bypassare la zona del Marmo Murese, per la sola alta velocità ( date le difficoltà sia delle pendenze sia delle numerose gallerie da rifare) con una bretella fra Tito ed Auletta, che avrebbe il merito di collegare le comunità della val d’agri, oggi tagliate dalla ferrovia, quelle della valle del Sinni, idem, e quella del Melandro, anch’essa tagliata fuori finora dalla rete ferroviaria. Se si portano avanti queste scelte,tre quarti del recovery fund sono già spendibili in una direzione che sicuramente toglie la Basilicata dall’isolamento e la candida ad essere crocevia e opzione tra la direttrice ferroviaria jonico- adriatica e quella tirrenica. Siccome abbiamo nominato Cristo che era rimasto a Eboli, una preghiera di speranza bisogna farla. rocco rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi