LA TAPPA MATERANA DEL “CAMPIELLO”

0
MARGHERITA LOPERGOLO
È stato ospitato , per la prima volta a Matera, nell’anno di capitale europea della cultura 2019, il tour letterario estivo degli scrittori del Premio Campiello, concorso di narrativa italiana contemporanea organizzato dalla Fondazione Il Campiello, risultato di un’iniziativa degli industriali del Veneto, per l’impulso della famiglia Valeri Manera. La cerimonia di premiazione avviene a Venezia, solitamente nel Palazzo Ducale o al Gran Teatro La Fenice.

Il primo Premio Campiello fu assegnato  nel 1963, al romanzo di Primo LeviLa tregua.

Dal 1996 è stato istituito anche il premio Campiello Giovani riservato a giovani di età compresa fra i 15 e i 22 anni per la scrittura di un racconto a tema libero in lingua italiana.


Quest’anno a Padova la giuria ha letto e giudicato oltre 300 libri (92 i testi segnalati, tra cui 14 pubblicati da Einaudi) e, alla fine, ha scelto i seguenti titoli: Il gioco di Santa Oca (La Nave di Teseo) di Laura Pariani,  La vita dispari (Einaudi) di Paolo ColagrandeCarnaio (Fandango) di Giulio CavalliLo stradone (Ponte alle grazie) di Francesco Pecoraro  e Madrigale senza suono (Bollati Boringhieri) di Andrea Tarabbia, che nel ballottaggio finale ha superato Il dono di saper vivere (Einaudi) di Tommaso Pincio.
A Padova annunciato anche il vincitore del premio Campiello Opera PrimaMarco Lupo, autore di Hamburg – La sabbia del tempo scomparso (Il Saggiatore).
I cinque finalisti della 57^ edizione del Premio sono stati presentati al  pubblico  nella Casa Cava, dalla giornalista Angela Maria Salvatore.
 L’incontro è stato organizzato con il supporto di Confindustria Basilicata, con il Gruppo Tecnico Cultura e Sviluppo di Confindustria e Fondazione Matera Basilicata 2019.
Un incontro che ha  appassionato  il pubblico presente che è stato catturato dalle storie dei romanzi , dai loro personaggi ,dagli ambienti e dai periodi storici in cui sono stati catapultati: cominciamo da Lo stradonedi Francesco Pecoraro , autore de La vita in tempi di pace( premio Viareggio  2013), ambientato negli anni Venti di questo secolo, nella ‘Città di Dio’. Un uomo osserva dal settimo piano della sua palazzina le vicende dello ‘Stradone’ , i personaggi che lo percorrono che incarnano il ristagno della nostra società: conformismo, razzismo, sessismo, integralismo islamico…Un ‘ Grande ripieno’, il non senso del nostro presente osservato da una strada che concorre a un’esperienza di lettura illuminante, tragica ed esilarante avventura di conoscenza.
È la volta di Laura Pariani, pittrice, fumettista e narratrice, con Il gioco di Santa Oca: ci ritroviamo nell’autunno del 1652 con un gruppo di uomini stanchi di subire le angherie dei nobili e dei soldati che fanno razzie nei paesi della brughiera lombarda. Il protagonista, Bonaventura Mangiaterra, é  un capopolo che affascina i suoi compagni con la Bella Parola, una versione della Bibbia, predicando la libertà. C’è un’altra figura affascinante in questo romanzo, una donna: Pulvara, la cantastorie che in gioventù si era unita a quegli contadini travestendosi da uomo. Un romanzo di ribellione e libertà , la coinvolgente storia di un sogno di giustizia e di una donna coraggiosa che sfida le convenzioni del suo tempo.
Carnaio  di Giulio Cavalli,scrittore e autore teatrale, membro dell’Osservatorio sulla legalità, in cui l’autore racconta la storia di Giovanni Ventimiglia, un pescatore che da tutta la vita raccoglie acciughe e le vende al mercato di DF,un paesino aggrappato alla costa come tanti altri. Ma un giorno di marzo, Giovanni trova cadaveri sbiaditi dall’acqua, tutti giovani, neri. Carnaio è un i cimitero di carne e soldi, la profezia di un mondo che scivola verso l’orrore.
E poi Andrea Tarabbia, autore de La calligrafia come arte della guerra, Il giardino delle mosche e Il peso del legno, in Madrigale senza suono ci  racconta la storia di un uomo solo , tormentato, il celebre principe madrigalista, Gesualdo  da Venosa, che compie un efferato omicidio da cui scaturisce il suo inarginabile genio artistico. Da qui nasce la scandalosa domanda sottesa al romanzo: come può  il male dare vita a tale e tanta purezza su uno spartito? Un labirinto  in cui l’autore trascina il lettore ai confini imprendibili tra delitto e genio.
E, infine, Paolo Colagrande ci accompagna nella ‘vita dispari’ , quella che conduciamo tutti noi quando tentiamo di indovinare la parte mancante delle cose. La vita dispari è l’esilarante parabola umana di un ragazzino che vede solo una metà del mondo.E se metà fosse meglio di tutto?
Il Premio Campiello non poteva mancare quest’anno a Matera per portare il proprio messaggio di contaminazione possibile e virtuosa tra impresa, letteratura e società e, allo stesso tempo, farsi a sua volta contagiare dall’effervescente spirito culturale che qui si respira.
 Il tour estivo dei finalisti prevede una decina di tappe da nord a sud dell’Italia. Il vincitore della 57^ edizione del Premio Campiello sarà proclamato sabato 14 settembre a Venezia sul palco del Teatro La Fenice.
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento