Laboratorio Permanente di Arte Pubblica, pronti i progetti per l’anno Gerardiano

0

Alle ore 10.30  del 4 gennaio , nella Sala dell’Arco del Palazzo di Città, in piazza Matteotti, si terrà la Conferenza Stampa di presentazione della nuova esposizione urbana del progetto LAP Laboratorio permanente di Arte Pubblica, con l’opera “Identità Contemporanea | Contemporary Identity” di Elisa Laraia, a cura di Eleonora Frattarolo, opera pensata per le celebrazioni di San Gerardo 900, patrocinata dal Comune di Potenza e dalla Regione Basilicata.

L’opening  delle esposizioni si terrà il 5 gennaio 2019, alle 11,30 , nell’Atrio delle Scale Mobili di via Armellini a Potenza. Per quei pochi che non sappiano di che stiamo parlando, dobbiamo ricordare che una decina di anni fa, nelle zone di Potenza particolarmente degradate, ma anche angoli significativi della città comparvero improvvisamente sui muri delle opere d’arte. Era l’inizio di un percorso che in sé aveva il significato doppio di un memento per l’Amministrazione e di un soccorso del mondo artistico a rendere più leggibile un luogo attraverso la mediazione dell’artista. Non un mettere una pezza sul tessuto degradato , ma un modo per dire che attraverso al cultura si può ricominciare.  Il LAP, nel 2009, ha trasformato la città di Potenza in un inedito spazio espositivo, con le sue 7 postazioni permanenti delle dimensioni di 5×2,5m distribuitenella città secondo un percorso di fruizione urbana, progettato sui flussi di maggior transito con 60.000 potenziali fruitori al giorno; nel 2013 ha lanciato il Premio internazionale Public Art Award che, attraverso un social network dedicato, ha visto coinvolti circa 50.000 utenti nel settore delle arti visive e 300 artisti nazionali e internazionali nella creazione di progetti legati al territorio della regione Basilicata. Presi dente della Giuria Spencer Tunick, grande nome dell’arte contemporanea.

Dal lavoro svolto dal 2009 al 2013 è scaturita una pubblicazione dal titolo LAP Laboratorio permanente di Arte Pubblica 2009-2013, edito dalla Regione Basilicata, con i contributi di Elisa Laraia, Anna Detheridge, Emilio Fantin, Bianco e Valente, Francesco Marano.

Riguardo al territorio regionale, sul quale l’ìiniziativa si è concretizzata in questo decennio, gli obiettivi raggiunti dal 2009 al 2018 riguardano la realizzazione di 6 progetti di Arte Pubblica , “Deframmentazione” di Elisa Laraia, “White Hole” di Alessandra Andrini, “Cronaca” di Andrea Nacciarriti, “Private Conversation” di Orfeo Hotel Contemporary art project, “L’Esposizione del Lenzuolo” di Mariangela Capossela e Liviana Davì, “Sublime Bother” di Marco Rossetti; 100 eventi, tra convegni, Urban Screen e Urban Lab nelle piazze della Basilicata con il coinvolgimento dei Comuni di Matera, Potenza, Acerenza, Forenza, Calvello, Lauria, Corleto Perticara, Rivello, Chiaromonte, Calciano, Barile, Rionero in Vulture, Castelgrande, Agromonte Mileo, Latronico, Tito, Picerno, Satriano di Lucania, Pignola, Matarea, da cui è scaturito uno storytelling della comunità lucana contemporanea contenuto in 400 ore di archivio video da analizzare; Alta formazione Universitaria in parternariato con L’UNIBAS, dedicata a 20 artisti da tutta Italia e dal mondo, con esperti di livello nazionale, Anna Detheridge, Teorica delle Arti Visive, Saggista, Presidente Connecting Cultures, Emilio Fantin, Artista, Docente Universitario, Bianco e Valente, Artisti, Mariadelaide Cuozzo, Docente di Storia dell’Arte Contemporanea Università degli Studi della Basilicata, Francesco Marano, docente di Antropologia visuale Università degli Studi della Basilicata.

 

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento