LAMPIONI ACCESI NELL’AREA DI MELFI. ADESSO LUCE SULLE RESPONSABILITA’

0
L’11 gennaio scorso, durante l’incontro sulla sicurezza della zona industriale di San Nicola di Melfi tenutosi in Prefettura, è stato affrontato in particolare il tema dell’adeguata illuminazione delle sedi stradali dell’area al fine di garantire il deflusso in sicurezza dei lavoratori durante le ore di cambio turno serali e mattutine. L’Amministrazione comunale di Melfi da subito, dopo il tragico evento occorso alla nostra concittadina Rossella, si era impegnata a dare impulso al tavolo di coordinamento per la realizzazione di tutti gli interventi necessari e da realizzare in tempi brevi. Oggi arriva il primo risultato importante di questo lavoro. Grazie ad un intervento di manutenzione straordinaria che ha interessato la sistemazione di una delle cabine Enel, dei quadri di comando e degli organi illuminanti, da alcune ore sono stati ripristinati e quindi accesi gli impianti di pubblica illuminazione già esistenti nell’area industriale. Questo è solo un primo passo al quale seguiranno, come concordato con la Regione, altri interventi strutturali importanti e riqualificanti dell’intero polo industriale di San Nicola. Un plauso ed un ringraziamento particolare vanno al Presidente della Regione Bardi che insieme al Prefetto di Potenza Montanaro hanno  fortemente voluto e coordinato le attività propedeutiche alla realizzazione di questo primo importante intervento realizzato dal Consorzio Asi di Potenza.  NOTA STAMPA DEL SINDACO DI MELFI, MAGLIONE

I lampioni  dell’area industriale di Melfi ora funzionano. Da molto tempo erano spenti. Non certo perché la cabina dell’Enel non funzionava: è semplicemente che la manuternzione dei lampioni si era ecclissata da tempo. Sono aspetti importanti che sono all’attenzione della Magistratura. Vedremo  anche cosa emergerà sulle responsabilità intorno alla vicenda dell’investimento della giovane operaia nei pressi delle strisce bianche in una strada non illuminata. Occorre interrogarsi sulle ragioni del procurato oscuramento, per molto, troppo tempo, di una arteria frequentata giorno e notte, e che comunque è frequerntata da 15 mila persona. Sulla base della documentazione rintracciata possiamo dire che la L’Asi fece degli investimenti in quella area, come nelle altre, per migliorare gli impianti e produrre risparmio energetico attraverso un appalto ad una azienda privata  e nel contratto vi era la clausola di un periodo di 60 mesi di manutenzione. Nel contempo la guerriglia attorno all’indebitamento verso Enel ed altri, il congelamento delle entrate da parte edi creditori,  la scadenza del periodo di manutenzione  si sono tradotte nell’oscuramento delle aree  non solo a melfi  ma quasi dovunque. Le lampade ora sono accese a Melfi, non sappiamo cosa accade negli altri 8 agglomerati.Sappiamo che nelle ultime ore uno svincolo dell’area di Tito e stato illuminato dall’Anas con tanto di comunicato stampa  enfatizzato alla guisa del taglio del nastro di un’opera importanet. Comunque, meglio tardi che mai . PIETRO SIMONETTI 

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi