Leu respinge al mittente la proposta delle primarie

0

Tempo 24 ore e la proposta di primarie aperte nel centrosinistra torna  rigorosamente al mittente. Ormai quel che resta nel centrosinistra si sta giocando con due forze che hanno deciso di fare a gara a chi frena all’ultimo minuto per non schiantarsi contro il muro. Non ci vuole molto a capire che da questo ennesima riproposizione dell’ennesimo braccio di ferro si schianteranno entrambi contro il muro e con loro migliaia di persone che hanno creduto in una idea , un programma, dei valori.  E ad entrambi i contendenti, in quest’era di follia e di giocatori di poker, non può essere concesse attenuanti, perchè stavolta la partita è all’ultima mano e se si esce da questa cornice non ce ne sarà altra ad ospitare le teste di chi ha perso, ma una parete di chiodi per appendervi le scarpe. Il problema è sempre lo stesso. Non esiste più l’idea di una vittoria collettiva, semplicemente perchè il collettivo non c’è più e ci sono spezzoni di potere che  non si fidano l’uno dell’altro e in ogni mossa vedono l’ennesimo tentativo di  fregatura . Per Leu , la riproposizione di Pittella attraverso le primarie, è un tentativo di rimettere in circolo una carta che era stata messa da parte. Per Polese , non si può chiedere a Pittella di fare l’eroe, dando il sangue alla patria( sic) senza neanche farsi vedere nel combattimento. Quindi si vuole ad un tempo l’eliminazione di una persona dal contesto dei candidabili e l’impegno della stessa a portare i voti. E chi è abituato ad andare nei paesi, a capire l’aria che tira, avverte che tutto sommato, dell’intera galleria di personaggi che hanno animato il potere di questi anni, il solo a potersi fregiare di stringere qualche mano  è proprio il Governatore uscente, mentre gli altri sono dei fantasmi in giro col ricordino in tasca di ex simpatizzanti. Le primarie libere nelle intenzioni servirebbero a capire su quali forze e quali personaggi poter contare; negarle significa non voler accettare un principio di espressione della rappresentanza. Del resto basterebbe commissionare un sondaggio per avere le risposte che si cercano su chi è più in grado di portare una coalizione allal vittoria. Se si vuole il masismo del risultato, altre strade non ci sono. E’evidente che su questa opzione Pittella dentro  o Pittella  fuori, si sta costruendo la definitiva debacle di una coalizione, col pericolo che qualche naso tartufesco già si preoccupa di individuare nuovi terreni da scavare. Un clima di totale scollamento che non può portare alla vittoria di una coalizione ma solo a verificare quale parte di essa verrà totalmente fatta fuori. Basso impero, in Basilicata.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento