SENATORE MARGIOTTA, NELLA RETE SALVIAMO I PESCI PICCOLI !

0

Al Senato, dove ha iniziato l’iter, porta il n.2484 , ed è il disegno di legge licenziato dalla Camera che contiene disposizioni in materia di fornitura dei servizi della rete internet per la tutela della concorrenza e della libertà di accesso degli utenti. E’ una legge importantissima perché per la prima volta prova a dare regole al funzionamento ed alla fruizione di internet, nel senso che da un lato regolamenta l’offerta di servizi di rete, impedendo che esse contengano trucchi per obbligar l’utente a servirsene, dall’altra  detta norme per garantire l’utente la libertà di accedere o meno ad un servizio. Le norme comportamentali per le aziende sono tassative: a) non è consentito ostacolare l’accesso ad applicazioni e servizi internet, ovvero rallentarlo rispetto alla velocità alla quale sarebbe fornito a un utente nella stessa area avente la medesima capacità di banda e con accesso illimitato alla rete internet, b) non può essere qualificato come «accesso ad internet» o «servizio internet» un accesso o servizio di connettività che limiti la possibilità di fruizione da parte dell’utente a una porzione o a un sottoinsieme di servizi offerti sulla rete internet, c) 3. a fornitori di servizi di accesso alla rete internet non è consentito fissare il prezzo per tali servizi infunzione dei servizi o delle applicazioni che sono offerti o utilizzati tramite l’accesso fornito alla rete ( cioè se ti vendo l’accesso alla rete non ti posso far pagare di più in funzione dei servizi aggiuntivi che ti offro, una cosa è l’accesso, altra sono i servizi). Sono solo alcuni passaggi di un testo di legge molto tecnico e che non si sottopone ad una facile divulgazione. C’è però quanto basta per far presente ai senatori un aspetto che è essenziale:e cioè che il costo dei servizi può essere anche graduato in favore del tipo di utenza. Facciamo l’esempio di un giornale. Il Sole 24 ore che vende servizi specialistici per l’economia o la formazione, non può monopolizzare l’informazione economica comprandosi dall’Ansa o dalla Reuter i diritti ad essere il solo veicolo di diffusione internet di quel tipo di informazione specialistica. Così come i piccoli giornali locali on line debbono poter accedere a prezzi diversificati alle fonti informative rispetto ai grandi giornale nazionale. Altrimenti qui finisce esattamente come per la Tv che è nata locale ed è finita dupolio nazionale.  Ricordo , per essere stato il primo direttore di una tv locale, che si andava a comprare a Napoli i cartoni di Heidi  che costavano 5 mila lire a cassetta. E’ arrivata Rete 4 e per gli stessi cartoni volevano dieci volte di più, da 5mila a cinquanta mila. E heidi la trasmise solo rete quattro. Fine del pluralismo e fine dell’informazione locale.  Siccome relatore in Commissione del disegno di legge in questione è il Senatore Margiotta, persona competente e di indubbio spessore, cui posso dare del tu in nome di una comune milizia passata,allora dico: Salvatore, salvaci, se puoi. Salva la informazione locale, salva la possibilità di comprare delle foto a poco prezzo, salva la possibilità di servire la verità vera, di difendere gli interessi dei cittadini e non solo quella dei padroni dell’informazione. Se lasciamo giocare liberamente in rete i più forti, anche qui tutto quello che ha dimensione regionale finirà con lo scomparire. R.R.

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento