MATERA: CHIUSO L’ ANNO, IL CAMMINO COMINCIA ADESSO

0

Mentre si avvia a conclusione l’anno di Matera capitale europea della cultura ( ieri si è  concluso il progetto “capitale per un giorno” ) come lucano mi sento di esprimere soddisfazione per il risultato che si é  raggiunto, risultato che

non era affatto scontato e che anzi, a giudicare dalle premesse e dal tempo che si è perso, appare come un  autentico miracolo. Gli autori di questo successo sono tanti, da chi ha fatto le prime scelte e poi le ha corrette in corso d’opera, da chi ha documentato con lucidità e con professionalità i motivi di una candidatura, da chi, chiamato fuori tempo massimo, si è messo a lavorare per recuperare una organizzazione che sembrava camminare senza tener conto dell’orologio. Sul piano politico emerge la figura notevole  del Sindaco De Ruggiero, che ha saputo , nel nome della città, recidere i rovi di una maggioranza raccogliticcia, pretenziosa e polemica per aprire alle opposizioni, con un invito a collaborare al di sopra degli schieramenti e a portare in porto un Evento che è in grado di segnare una svolta non solo per la città dei Sassi ma per l’intera regione. Sul piano operativo , emerge una impostazione del programma non provinciale, capace di guardare ai grandi fatti della cultura mondiale ma anche di non perdere di vista il territorio, coinvolgendolo in un protagonismo che è stato una scossa per molti Comuni, invitati a spiegare come essi facciano parte integrante di quel Mosaico che Matera ha voluto rappresentare, di una Basilicata crocevia di culture, meta di tanti insediamenti, specchio di civiltà che si sono sedimentate nei secoli. Anche il programma infrastrutturale , pur risentendo dei notevolissimi ritardi con cui si è partiti, ha saputo cogliere le urgenze delle priorità e portare a casa le cose necessarie per il corretto svolgimento delle manifestazioni . Proprio questo risultato, di un Evento superato con grande sforzo e con grande unità di intenti, si pone, oltre che come traguardo dell’anno, come linea di partenza per quello che c’è da fare, perchè Matera, in questi 360 giorni, si è gravata del compito di crescere nel ruolo che le è stato assegnato che è non di capitale per un anno, ma di città della cultura per sempre, come Firenze, Venezia, Torino. Interrompere questo processo e consegnare alla città alla gestione amministrativa del Comune sarebbe un delitto . E sta a de Ruggeri , il più lucido di tutti, far capire come il problema di una Governance che abbia autonomia , capacità di iniziativa, orizzonti larghi, sia già da oggi il problema dei problemi. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento