NATUZZI E FAO METTONO CASA A SCANZANO

0

Venti giorni fa la Fao ha firmato con partner privati, tra cui il Gruppo Natuzzi, l’accordo per la realizzazione a Scanzano della prima ABITAZIONE PER LA PACE PER I BAMBINI DI BASILICATA, una casa ecosostenibile a basso costo e ad alta qualità abitativa. E’ una iniziativa che nasce dal progetto dell’arch.Mario Cucinella e che la FAO ha preso ad esempio per la realizzazione di abitazioni a favore dei rifugiati, su proposta del premio Nobel per la pace Betty Williams. L’accordo per la costruzione di questa prima abitazione è venuto al termine del meeting Food for security and peace, al quale hanno preso parte quattro premi Nobel per la pace: Yunus, Sanchez,karman e Betty Williams, appunto, che ha illustrato ai convenuti il progetto della città della Pace per i bambini di basilicata che ha garantito sinora accoglienza, tutela ed integrazione ad oltre 110 rifugiati, secondo un modello, che la Basilicata ha sperimentato con successo, di accoglienza diffusa sul territorio. Il progetto architettonico , che, come si è detto, nasce a Scanzano accoglierà famiglie di rifugiati e si porrà come test per capire se l’iniziativa può essere replicate in altre aree. Se svuotassimo gli alberghi e creassimo accoglienza diffusa nei paesi interni della Basilicata eviteremmo la speculazione sull’accoglienza e porremmo le basi per una vera integrazione che avrebbe risvolti positivi per la crescita di una regione in via di spopolamento. Questo non significa sostituire, come qualcuno banalizza, i nostri giovani con i rifugiati perché un conto è la politica di sviluppo basato sulle energie professionali, altro è una politica economica di sfruttamento di mano d’opera a basso costo. Togliamo queste braccia ai caporali e inseriamoli per i lavori che la società richiede e che i nostri giovani rifiutano.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento