PD, IL GIOCO DELLE CORRENTI E’ SOSPESO

0

La sola cosa positiva che si può trovare nell’attuale situazione del Pd in generale è che il gioco delle correnti non funziona più , nel senso che l’occupazione principale di molti è di guardarsi intorno e di vedere da dove soffia il vento. Sono stati allevati vincenti e non ammettono di poter vivere in altra maniera. Epperò, non essendoci una carta sicura, anche i leader nazionali si sono ritratti in un silenzio tattico anche dimenticando che in periferia da qualche parte si vota. E’ un bene per la Basilicata dove il brand del Pd , se si ostina a mettersi davanti, rischia di creare uno svantaggio competitivo alla coalizione, diventando esso stesso un bersaglio polemico. Se si vuole spostare il dibattito sulla proposta politica e sul futuro della Basilicata, lo sforzo è di mettere insieme un aggregato di classe dirigente incentrata sulle cose da fare e per ciò stesso competente e capace.  Abbiamo visto in questi giorni che il dibattito politico è tutto incentrato sulle colpe del passato. E’ ovviamente l’opposizione a battere questo tasto, ma dalla maggioranza non si fa niente per spostare il dibattito sulle cose buone che sono state fatte e soprattutto su come andare avanti nelle grandi questioni che toccano il lavoro dei giovani, le politiche per crescere e le cose da contrastare. Oggi pomeriggio a Potenza c’è la prima uscita del pd  sui temi del Mezzogiorno e dovrebbe essere l’occasione per dare una traccia di lavoro  ai militanti e un messaggio ai cittadini. Ma di questo ceto politico contemporaneo si è notato sinora più la tendenza a parlare che quella ad ascoltare. Se non è più così, se la bufera elettorale ha sturato le orecchie , vorremmo sentire parole chiare sull’autonomia differenziata , sulla questione petrolio, sulla richiesta di moralizzazione della gestione pubblica, sulla caratura altamente professionale dei dirigenti, sulla meritocrazia e sui concorsi, sulla chiusura della vicenda precariato, sulla scelta di un solo ente ospedaliero regionale e di una sola ASL, su come colmare la grave carenza di una rete territoriale sociosanitaria per gli anziani. Su cinque sei punti , non limitati al titolo ma anche alla esplicazione della scheda, potremmo capire se questa parte dello schieramento ha ancora titolo per governare.  Lo stesso fatto di mettere sullo stesso piano i cinque stelle e la destra lucana è di una miopia strategica incredibile. Spiegare alla gente che con i cinquestelle si è sullo stesso versante, significa colpire insieme il vero nemico di questa regione, che è una cultura nordista che ha cambiato le regole del gioco e che non chiede la secessione ma lavora sottobanco per chiudere i rubinetti della solidarietà nazionale e della coesione territoriale. Una destra estrema che gioca al sovranismo, ma sta spaccando l’Italia in due, con gli applausi dei meridionali. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento