PICERNO, CONTRO IL MONTEROSI NIENTE DISTRAZIONI

0

ROCCO SABATELLA

E’ tornato il sereno in seno al Picerno dopo l’impresa compiuta domenica scorsa sul difficile campo della Juve Stabia. Dove la squadra di Palo, anche in considerazione del valore degli avversari, ha giocato la migliore partita esterna fino a questo momento. Si è sbloccato anche il reparto offensivo che era il più carente della squadra e in 90 minuti sono arrivate tre marcature, quante ne erano state segnate nelle precedenti otto partite. Merito di Palo che ha azzeccato tutte le scelte di formazione e anche di una condizione, migliorata nettamente, di quei giocatori ancora non al top della forma. E’ stato il caso di De Marco e Gerardi che si sono sbloccati andando a segno ma soprattutto fornendo prestazioni di grande qualità. Come ha fatto anche Vivacqua. Questa sera si ritorna a giocare al Curcio, inizio alle ore 19,  per affrontare il Monterosi reduce da una serie positiva di sei giornate con tre vittorie e tre pareggi. Serie iniziata, peraltro, in Basilicata con il pareggio al Viviani con il Potenza. E’ un match molto insidioso per il Picerno che non deve assolutamente vanificare la vittoria con la Juve Stabia. Infatti  i laziali stanno attraversando un ottimo periodo di forma e non nascondono l’idea di continuarlo anche in questa sfida tra le squadre che rappresentano i due comuni più piccoli della Lega Pro. Il Picerno vuole regalare ai propri tifosi il primo successo nello stadio di casa e soprattutto vuole fare un altro importante salto in avanti in classifica.  Ma non deve farsi prendere dalla frenesia di attaccare a tutto spiano sulle ali dell’entusiasmo per l’impresa in Campania. Un condotta di gara di questo genere comporta seri rischi che bisogna evitare perché il Monterosi ha le potenzialità per fare male. Adesso che l’allenatore D’Antoni ha trovato la quadratura del cerchio e recuperato giocatori importanti nell’economia del gioco dei laziali. Come i due attaccanti Costantino e Polidori che si integrano bene e formano una coppia ben assortita e pungente. Palo sa benissimo che tipo di avversario si troverà di fronte e ha ammonito i suoi uomini a non distrarsi e a prestare la massima attenzione allo scopo di evitare di commettere errori. Ci vorrà anche molta pazienza per venire a capo del Monterosi ma c’è grande fiducia nella ritrovata vena dei vari Gerardi, Vivacqua e Reginaldo che dovranno aprire la scatola difensiva della matricola laziale. Ma anche altre opzioni di gioco potranno venire buoni se gli attaccanti del Picerno fossero francobollati a dovere dai difensori del Monterosi. Soprattutto la capacità di inserimento al tiro dei centrocampisti che ha già fruttato le reti di De Marco domenica scorsa e di Dettori contro il Messina al Viviani. Tutti a disposizione di Palo con la sola eccezione di Albadoro e Esposito, è molto probabile la conferma dello schieramento che ha espugnato Castellammare di Stabia. L’unica novità dovrebbe essere il rientro di Dettori che prenderà il posto di De Ciancio in mezzo al campo in tandem con Pitarresi. . Anche il quartetto dei difensori, davanti ad Albertazzi, composto da Finizio, Ferrani, Allegretto e Guerra, non dovrebbe cambiare anche se è tornato tra i convocati Vanacore  che ha giocato benissimo le prime cinque gare. Squadra che vince non si cambia nemmeno nel Monterosi il cui tecnico D’Antoni confermerà la fiducia agli undici che hanno superato la Paganese. Arbitrerà Lovison di Padova.

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Rispondi