POTENZA, CON IL CATANZARO CONTA SOLO VINCERE

0

rocco sabatella

La partita con il Catanzaro di oggi al Viviani chiude il 2018 e  apre il girone di ritorno. E chiude anche un’altra settimana contraddistinta da tre partite in sette giorni. Dopo questo turno, il campionato si ferma per 20 giorni per dare ai giocatori il meritato riposo di 9 giorni che tocca loro per contratto. Ed è  una sosta che arriva propizia per tutte le formazioni dopo le fatiche causate da tanti turni infrasettimanali che hanno costretto le squadre a scendere in campo alla media di ogni 4 giorni. Il Potenza vuole sfruttare il suo campo per chiudere con una vittoria e arrivare a quota 28 punti in classifica che è poi quasi la quota dei 30 punti con i quali Raffaele intendeva arrivare alla sosta. A questa gara arrivano due formazioni ferite dagli esiti delle due gare giocate mercoledi scorso. Più tumultuosa la sconfitta del Catanzaro sul campo del Trapani dove è successo di tutto con la squadra di Auteri che ha buttato al vento l’occasione di chiudere la partita sbagliando un calcio di rigore. Al danno della sconfitta che ha interrotto la lunga serie positiva dei calabresi ha fatto seguito la beffa delle tante squalifiche per i giallorossi. Infatti al Viviani non saranno presenti il difensore centrale Riggio e il centrocampista Iuliano, ma soprattutto Auteri e il suo vice Cassia non saranno in panchina contro il Potenza e saranno sostituiti dal preparatore dei portieri Aprile. Molti problemi per comporre il terzetto difensivo visto che fino all’ultimo anche Figliomeni è in dubbio per un problema fisico. Diversa è la situazione del Potenza che è reduce da una partita a due facce giocata e persa a Vibo Valentia. Dove nel secondo tempo la squadra non è stata in grado di reagire per rimontare il vantaggio della Vibonese perché ha accusato un evidente calo fisico. Raffaele chiede ai suoi uomini uno sforzo supplementare per arrivare ai tre punti. Perché oggi conta solo vincere senza preoccuparsi tanto della prestazione. La fiducia è comunque alta perché, tutto sommato, in casa Franca e compagni non hanno mai tradito ed hanno avuto, sotto la gestione Raffaele, un rendimento molto regolare e soddisfacente e sono stati sempre capaci di avere una reazione rabbiosa in casa dopo i risultati negativi. E’ quello che si augura succeda anche oggi Raffaele:” abbiamo solo avuto il tempo di recuperare un po’ di energie per l’impegno contro il Catanzaro. Non molte per la verità dato che facciamo fatica a rimetterci in sesto fisicamente dopo tali tour de  force acuiti anche da campi molto pesanti ed anche irregolari. Ho chiesto alla squadra di fare uno sforzo in più per chiudere nel migliore dei modi un percorso importante che abbiamo fatto fino a questo momento.  Abbiamo di fronte un avversario con qualche problema, ma sempre dotato di qualità importanti e sicuramente una delle migliori del girone. Mi pare che il cammino che abbiamo intrapreso dal mio arrivo a Potenza, sia stata molto positivo e condito anche da prestazioni di un certo livello. Battendo il Catanzaro, potremo poi pensare a coltivare per il girone di ritorno qualche sogno più prestigioso anche se l’obiettivo principale rimane una salvezza la più tranquilla e ravvicinata possibile. Poi analizzeremo la situazione con la società e vedremo come ovviare agli errori che abbiamo commesso. Adesso è fondamentale aggiungere alla nostra classifica altri tre punti”.  Per battere il Catanzaro il tecnico rossoblù potrà contare anche sul rientro, dopo la squalifica, di Strambelli le cui motivazioni potranno aumentare per la presenza sulla panchina calabrese del suo ex allenatore a Matera Auteri con il quale il fantasista barese ha avuto stagioni molto importanti. Con il solo dubbio legato alle condizioni di Genchi che ha avuto nei giorni scorsi la febbre, il Potenza si schiera al gran completo con Ioime tra i pali, Coccia e Giron esterni bassi, Emerson e Di Somma centrali, Dettori, Coppola e Piccinni in mezzo al campo e nel tridente offensivo Guaita e Strambelli ai lati di Franca. Possiamo prevedere una gara molto aperta perché i calabresi, per la mentalità del loro allenatore, giocano sempre per imporre il  gioco e far valere le spiccate capacità offensive. Senza tattiche ostruzionistiche. Contro simili avversari il Potenza si è sempre trovato a suo agio riuscendo ad offrire prestazioni super. Per questo, nonostante una fisiologica stanchezza, c’è molta fiducia tra i tifosi di poter vedere il ritorno alla vittoria dei propri beniamini. Orario d’inizio della gara fissato per le ore 16,30 e direzione arbitrale affidata al signor Miele della sezione di Nola che ha già diretto i rossoblù ad agosto nella partita di coppa Italia giocata a Matera.

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Lascia un Commento