POTENZA IN VENA DI REGALI

0

rocco sabatella

Non siamo ancora a Natale, ma il Potenza ha deciso di anticipare le feste, si è travestito da Befana o da Babbo Natale, fate voi e ha impacchettato un prezioso omaggio alla Casertana che va via dal Viviani con un punto davvero insperato per come era stato l’andamento del match.  Sempre saldamente nelle mani o meglio tra i piedi dei giocatori rossoblù ai quali il pareggio sta davvero molto, ma molto stretto. I tre punti sarebbero stati sacrosanti per la truppa di Mario Somma che ha dominato gli avversari per più di un’ora. Senza riuscire a dare il colpo di grazia ai campani e a chiudere definitivamente la partita con il terzo gol.  Il gol del definitivo pareggio campano, segnato da Cuppone con l’evidente complicità del giovane portiere diciottenne del Potenza Brescia riconfermato titolare anche ieri sera dopo l’esordio molto positivo con il Catanzaro, ha avuto l’effetto di spegnere l’ardore di Juliano e compagni che, pur avendo a disposizione ancora oltre 17 minuti compresi i 5 di recupero, sono stati generosi ma molto confusionari e poco lucidi e precisi per ritornare di nuovo in vantaggio. Nonostante Somma abbia tentato il tutto per tutto schierando contemporaneamente 4 attaccanti, con il doppio centravanti, per fare breccia nella difesa dei ragazzi allenati da Guidi. Certo resta l’amaro in bocca per non aver colto la seconda vittoria consecutiva, ma sicuramente non si può assolutamente bocciare la partita giocata dal Potenza. Che ha interpretato molto bene la gara, ha avuto un ottimo approccio al match e ha costruito anche una serie di azioni molto efficaci e che avrebbero meritato migliore fortuna. La Casertana non ha potuto fare altro che subire passivamente il gioco della squadra di Somma facendosi pericolosa solo su due palle inattive. Esattamente un angolo e una punizione dalla trequarti. Sul primo i difensori centrali del Potenza si sono persi in area Castaldo sul cui colpo di testa ha messo una pezza Brescia con una deviazione miracolosa in angolo.  Sulla seconda, battuta da Bordin, Carillo ha avuto ampia libertà di colpire di testa in tuffo e mandare il pallone in rete per il primo pareggio campano. Nella circostanza Boldor e Conson avrebbero potuto fare sicuramente meglio. Qui si fermano le opportunità importanti costruite dalla Casertana e favorite dalle distrazioni difensive del Potenza.Che, invece, inizia benissimo la gara visto che in circa 10 minuti si costruisce almeno 4 occasioni da rete bombardando in pratica il portire campano Dekic che se la cava alla grande.  Dopo due minuti respingendo un tiro di Volpe, successivamente esaltando i riflessi sulla conclusione di Ricci assistito da Salvemini e poi viene salvato dai compagni della difesa che respingono il doppio tentativo di Volpe e Iuliano. Ma il gol è nell’aria e arriva due minuti prima della mezzora. Insistita azione sulla sinistra degli uomini di Somma chiusa dal cross preciso di Volpe sul quale si avventa Ricci che esalta ancora i riflessi del portiere Dekic. Che non può far nulla sul successivo tap in di Salvemini che porta al vantaggio meritato dei lucani. Vantaggio che dura appena tre minuti quando arriva la rete di Carillo. Dopo aver rischiato su una conclusione di Cuppone alta, il Potenza si riporta in vantaggio a tre minuti dalla fine del primo tempo. Volpe, davvero una gara super la sua, recupera un pallone nel cerchio di centrocampo sradicandolo dai piedi di un avversario e fornisce un delizioso assist a Viteritti, al rientro con Coccia dopo l’infortunio. L’ex del Rende mette a sedere un avversario con una finta e sull’uscita di Dekic mette il pallone in rete. Clichet della partita che nom cambia e Potenza che va a caccia del terzo gol per mettere in ghiaccio la vittoria. In rapida successione ci provano Panico e Viteritti  con conclusioni appena alte, l’indiavolato Volpe che impegna severamente il portiere ospite  che si ripete sul tiro da fuori area di Ricci. Nella Casertana entra Konate che diventa un autentico baluardo della difesa dei campani sbrogliando diverse situazioni difficili nella sua area. Incoraggiati dal fatto di aver evitato di incassare la terza rete, la Casertana arriva al secondo pareggio con tiro senza pretese di Cuppone da distanza siderale sul quale Brescia s’impappina facendosi superare dalla non irresistibile conclusione. Peccati di inesperienza che serviranno al giovanissimo rionerese per crescere e fortificarsi anche psicologicamente. Con molta generosità il Potenza si riversa nella metà campo avversaria per arrivare al gol vittoria. Tanti i cross che arrivano in area su azione e su palle inattive che non vengono sfruttati dagli attaccanti rossoblù di casa o che sono preda dei difensori e di Konate in particolare. Che al minuto 86 anticipa di giustezza Cianci che stava per colpire il pallone ad un paio di metri dalla linea bianca. L’ultimo assalto vede protagonista Baclet che prima tira debolmente da pochi passi per la parata facile di Dekic e poi non riesce ad imprimere la giusta forza ad un diagonale che si perde innocuo tra le braccia dell’estremo difensore campano. Sfuma la seconda vittoria consecutiva ma arrivano ancora note molto positive sulla prova complessiva della squadra che acquisisce partita dopo partita consapevolezza delle proprie capacità, che segue alla lettera le indicazioni dell’allenatore e che produce gioco efficace e a tratti anche molto spettacolare. Quando scompariranno certi errori dovuti all’inesperienza, allora tutto filerà più liscio e il Potenza si potrà togliere tante soddisfazioni. E’ arrivata un’altra conferma sul valore dei tanti giovani presenti nella rosa con una citazione particolare per Volpe, tra i migliori in campo e che ha fatto ammattire i difensori della Casertana. Molto positiva la prova di Juliano e Sandri. Ieri erano indisponibili Compagnon, Spedalieri e Nigro per infortuni e Marchegiani per covid. Mentre degli ultimi due arrivati Diogo Pinto era in panchina e Romei no. Adesso bisogna subito archiviare questa partita e concentrarsi per la prima trasferta della stagione contro il ripescato Foggia che domenica prossima inizia il suo campionato. A fine partita somma sintetizza cosi la partita: “abbiamo fatto qualche errore di troppo sotto porta ma questa è stata una gran bella partita giocata dal Potenza”. Anche il presidente Caiata concorda:” sono felicissimo per il gioco espresso, ma comclusione beffarda per noi”.

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Rispondi