PRIMARIE, LA B0SCHI PER RAPPRESENTARE L’UNITA’

0

Domenica senza sorprese ai seggi per il referendum. Da Roma hanno messo una pezza alla frattura che si era creata in basilicata e c’è chi, opportunamente sollecitato, ha detto agli altri Renziani di diversa estrazione ed origine che il loro contributo non verrà disconosciuto. Un modo per dire ognuno faccia il proprio dovere, e poi se ne terrà conto. L’effetto di questo cambio di scenario lo si è visto già ieri con la Boschi ( che dei renziani può dirsi la seconda) si è fatta vedere a Latronico, (dove c’è stata l’inaugurazione della casa per le donne vittime di violenza), vicina al sottosegretario alla P.I. De Filippo in un atteggiamento  di chi fa capire che in casa c’è armonia. Lo stesso Senatore Margiotta si è mosso per un alzabandiera renziana su Potenza  ed ha organizzato una manifestazione per venerdì, contando sull’appoggio  degli esponenti potentini del partito. Parte così un finale di referendum dove gli esterni politici al Pd non hanno interesse ad intervenire, sia perché non riuscirebbero a modificare il risultato sia perché finirebbero col confondere le cose al punto che non si capirebbero i rapporti di forza. Rapporti di forza che comunque dovranno uscire dalle urne  domenica sera, perché ormai la lettura delle urne è diventato un gioco a carte scoperte. Si sa in un paese, in una zona, in un territorio chi ha portato i voti e chi no, chi ha votato in maniera conforme e chi no. Quello che si nota è che non c’è stato il minimo tentativo di parlare al popolo che non è iscritto al Pd, di spiegare perché bisogna far riconvergere l’attenzione su un partito e su una strategia. No, ognuno ha calcato la scena di un protagonismo personale, nel quale addirittura il Pd ne è uscito col volto indistinto, frastagliato, irriconoscibile, come in uno specchio rotto.  E se tanto dà tanto c’è da credere che il dopo primarie sarà la ripetizione del tragicomico spettacolo che abbiamo visto finora, dove si discute eternamente e solamente di leadership. No! chi si aspettava che la gente corresse per determinare il nuovo, deve prepararsi ad una ripetizione, con una sala solo più piena, delle primarie di circoli. Si è perso un’altra occasione di far confrontare le idee che le persone hanno e non i volti che portano a spasso. Insomma il Governatore le telefonate non le ha dovuto fare, perchè c’è chi ha preso il telefono per dire che non intende essere vittima di conflitti di potere locali.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento