QUEL VIZIO DI BARDI DI FARE TUTTO DA SOLO

0

Le insidie per Bardi non vengono dal coordinatore di Basilicata Positiva, la lista che era stata messa su proprio per aiutare la corsa del generale alla presidenza della Regione e che ha portato pure all’elezione di un consigliere regionale, nella persona di Quarto. L’esternazione del rappresentante di quella lista  sono state immediatamente smentite dal consigliere materano  il quale non solo ha preso le distanze dall’attacco diretto all’attuale Governo regionali, ma ha tenuto a precisare che quegli esponenti potentini che parlano a nome di Basilicata possibile in verità non contano una mazza perchè i voti sono stati presi a Matera , dove la lista ha raggiunto il 7 per cento contro un modestissimo 2,53 realizzato in provincia di Potenza. Una diatriba che la dice tutta sulla frettolosità con cui la lista è stata messa in piedi e che probabilmente si concluderà con la presa di distanza definitiva del consigliere Quarto dal gruppo civico potentino. Non adesso forse, visto che , nel caso di competizione vincente a Sindaco della città dei Sassi, bisogna scontare il passaggio della sostituzione con il primo dei non eletti, sempre di Matera  , ma la crepa è tale che  un chiarimento interno è impossibile. Le insidie piuttosto arrivano dalle forze politiche nazionali alleate con Forza Italia , la Lega e F.lli d’Italia che non si rassegnano ad una conduzione personalistica del Presidente e al ruolo egemone del gruppo consiliare berlusconiano, e rivendicano spazio decisionale sui temi e presenze nei posti di comando , più le seconde che le prime dicono i maligni. La polemica su certe inadempienze e su certe decisioni, soprattutto quelle che hanno riguardato  la riscoperta  di personaggi che si trovavano a loro agio anche con il Governo Pittella, ha portato alcuni consiglieri della lega a chiedere conto al commissario straordinario del partito del comportamento silente e ossequioso che pure i componenti leghisti della Giunta mantengono nei confronti del Presidente, evitando quel franco confronto sul modo di mandare avanti l’alleanza, che , a dire dello stesso Commissario, non può continuare sui binari tracciati ma deve cambiare profondamente. Si prende tempo un po’ per non incrinare l’alleanza in un momento elettorale, quando a Matera serve unità per portare alla vittoria il candidato di Salvini, ma è verosimile che dopo il 21 settembre un chiarimento ufficiale sarà chiesto, per non dire sarà imposto dai due partiti alleati. Che poi sullo sfondo di questo orizzonte qualcuno intraveda un possibile rimescolamento delle carte e soluzioni che rispecchino meglio gli equilibri interni dei due partiti, lega e F.lli d’Italia, non c’è bisogno di un binocolo per la conferma di quello che in lontananza si muove. Se si aggiunge poi che, al di là della unità di facciata che il gruppo di Forza Italia sta mostrando, stringendosi intorno ai suoi assessori ma lamentandosi sotto sotto per quel vizio di Bardi di fare tutto da solo, allora l’autunno si appalesa gravido di nuvole per il presidente della Basilicata che , da esperto di tattica militare, sa di non poter tenere troppi fronte aperti contemporaneamente. Rocco Rosa.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento